Il petrolio salta mentre l’UE preme l’embargo russo e la produzione delle raffinerie saudite

Una vista della 66 raffineria di Los Angeles di Phillips (anteriore), che trasforma il petrolio greggio nazionale e importato in benzina, aviazione e combustibili diesel e serbatoi di stoccaggio per prodotti petroliferi raffinati al Kinder Morgan Carson Terminal (sullo sfondo), al tramonto a Carson, California , Stati Uniti, 11 marzo 2022. La foto è stata scattata l’11 marzo 2022. La foto è stata scattata con un drone. Fotografia: Beng Guan/Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • L’UE valuta l’embargo petrolifero russo, mentre Biden si prepara a partecipare ai colloqui
  • La produzione della raffineria saudita è stata colpita dall’attacco Houthi in Yemen
  • Il divario di offerta dell’OPEC+ aumenta con l’aumento della conformità di febbraio
  • Le piattaforme petrolifere statunitensi cadono nonostante i prezzi del greggio di $ 100 al barile – Baker Hughes

SINGAPORE (Reuters) – I prezzi del petrolio sono balzati di oltre 3 dollari lunedì, con il greggio Brent sopra i 111 dollari al barile, mentre i paesi dell’Unione Europea considerano l’adesione agli Stati Uniti per un embargo petrolifero russo, mentre un attacco nel fine settimana agli impianti petroliferi sauditi ha causato tensioni.

I futures sul greggio Brent sono aumentati di $ 3,74, o 3,5 per cento, a $ 111,67 al barile entro le 0739 GMT, aggiungendosi al suo aumento dell’1,2 per cento lo scorso venerdì.

I future sul greggio US West Texas Intermediate sono aumentati di $ 3,98, o del 3,8 per cento, a $ 108,68, per continuare a salire dell’1,7 per cento lo scorso venerdì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I prezzi sono aumentati prima dei colloqui di questa settimana tra i governi dell’Unione europea e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una serie di vertici volti a rafforzare la risposta dell’Occidente a Mosca sull’invasione dell’Ucraina.

READ  Coca-Cola è un rifugio sicuro stabile in un mercato difficile

I governi dell’UE valuteranno se imporre un embargo petrolifero alla Russia. Per saperne di più

All’inizio di lunedì, il vice primo ministro ucraino, Irina Verchok, ha affermato che non c’era possibilità che le truppe del paese si arrendessero nella città portuale assediata di Mariupol. Per saperne di più

Con scarsi segnali di allentamento del conflitto, l’attenzione torna sul fatto che il mercato sarà in grado di sostituire i barili russi danneggiati dalle sanzioni.

“L’attacco Houthi a una centrale elettrica saudita, gli avvertimenti di un calo strutturale della produzione dell’OPEC e un possibile embargo petrolifero dell’UE sulla Russia hanno fatto salire i prezzi del petrolio in Asia”, ha affermato in una nota Jeffrey Haley, analista capo di OANDA.

“Anche se la guerra in Ucraina finisse domani, il mondo dovrà affrontare un deficit energetico strutturale grazie alle sanzioni russe”.

Durante il fine settimana, gli attacchi del gruppo Houthi dello Yemen, allineato all’Iran, hanno causato un calo temporaneo della produzione in una joint venture della raffineria Saudi Aramco a Yanbu, aumentando l’ansia in un mercato teso dei prodotti petroliferi, in cui la Russia è uno dei principali fornitori e le scorte globali sono a minimi di diversi anni. Per saperne di più

L’ultimo rapporto dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dei suoi alleati, inclusa la Russia, chiamati insieme OPEC+, ha mostrato che alcuni produttori non erano ancora all’altezza delle quote di fornitura concordate.

Tre fonti hanno detto a Reuters che l’OPEC + ha mancato il suo obiettivo di produzione di oltre 1 milione di barili al giorno a febbraio, in base al suo accordo per aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese mentre annulla i tagli drastici effettuati nel 2020.

READ  Nvidia conferma che sta indagando su un "incidente" che si dice sia un attacco informatico

Le due nazioni OPEC con la possibilità di aumentare immediatamente la produzione, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, hanno finora resistito alle richieste dei principali paesi consumatori di aumentare la produzione più rapidamente per aiutare a ridurre i prezzi del petrolio.

Anche le compagnie energetiche statunitensi stanno lottando per mantenere alto il numero di piattaforme petrolifere attive, nonostante i prezzi elevati. Per saperne di più

Le scarse prospettive dell’offerta e l’aumento dei prezzi hanno spinto l’Agenzia internazionale per l’energia a delineare venerdì modi per ridurre il consumo di petrolio di 2,7 milioni di barili al giorno in quattro mesi, dall’assemblaggio di automobili a limiti di velocità inferiori e trasporti pubblici più economici. Per saperne di più

Ciò contribuirà a compensare 3 milioni di barili al giorno di greggio russo e prodotti che l’Agenzia internazionale per l’energia ha stimato saranno fuori mercato entro aprile. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto aggiuntivo di Sonali Paul a Melbourne e Florence Tan a Singapore; montaggio di Shree Navaratnam e Clarence Fernandez

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply