Il persistente rover esplora il sito di lancio per la prima missione di lancio su Marte

Oltre a raccogliere i primi campioni da un antico delta di un fiume sul Pianeta Rosso, il rover robotico ha esplorato aree pianeggianti intorno al cratere Jezero che potrebbero fungere da sito di atterraggio per la campagna di restituzione dei campioni di Marte.

Questa ambiziosa iniziativa, un progetto congiunto tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea, si baserà su più missioni per portare i campioni raccolti da Perseverance e riportarli sulla Terra nel prossimo decennio. Questi campioni saranno i primi campioni di Marte riportati sulla Terra.

“Sono un geologo, meteorologo, fotografo, ecc. Ora posso aggiungere un ‘esploratore di posizioni’ all’elenco. Ho cercato luoghi in cui un veicolo spaziale di ritorno da Marte può condurre operazioni, inclusa la prima rampa di lancio su un altro pianeta, ” leggi un tweet da L’account Twitter di Rover.

Mentre Perseverance cerca il sito di un antico lago che esiste da miliardi di anni, raccoglie rocce e terreno. Questo materiale è importante perché potrebbe contenere prove di microrganismi del passato che rivelerebbero se la vita esisteva su Marte.

Gli scienziati avranno l’opportunità di utilizzare alcuni degli strumenti più avanzati al mondo per studiare questi preziosi esemplari.

La via delle innovazioni

La campagna per restituire campioni da Marte alla Terra inizierà a metà del 2020, quando un razzo verrà lanciato in missione su Marte trasportando un lander campione per recuperare campioni e prendere il rover.

Una volta che la sonda raggiunge Marte, atterrerà vicino al cratere Jezero e lancerà il rover per recuperare campioni dalle aree in cui la perseveranza l’ha nascosta su Marte.

C’è anche la possibilità che la perseveranza stessa mantenga a bordo alcuni campioni e li consegni alla sonda.

READ  Gli astronomi del MIT hanno scoperto il misterioso sistema binario "Black Widow".

Tuttavia, il Fetch non è l’unico veicolo spaziale che si fa strada sulla sonda. Fornirà anche il Mars Ascent Rover, il primo razzo mai lanciato dalla superficie di Marte, con campioni posizionati in sicurezza all’interno.

La sonda cinese Marte ha fotografato l'intero Pianeta Rosso

Una missione separata sarà lanciata dalla Terra a metà del 2020, chiamata Earth Return Orbiter, per incontrarsi con il Mars Ascent Rover.

A bordo dell’Earth Return Orbiter c’è un sistema di cattura/contenimento e ritorno, che raccoglierà un contenitore di campioni dal Mars Ascent Rover mentre entrambi i veicoli sono in orbita attorno a Marte.

Questa illustrazione mostra il Mars Ascent Rover della NASA in orbita attorno a Marte con i campioni a bordo.

Dopodiché, la sonda di ritorno terrestre tornerà nel nostro mondo. Una volta che il veicolo spaziale si avvicinerà alla Terra, lancerà un Earth Entry Vehicle contenente un deposito di campioni e quel veicolo spaziale atterrerà sulla Terra tra l’inizio e la metà degli anni ’30.

Le componenti robotiche della campagna sono Attualmente in fase di test Al centro della NASA e dell’Agenzia Spaziale Europea.

Alla ricerca della torta di Marte

Per atterrare e decollare da Marte, una tipica missione di ritorno ha bisogno di una superficie piana con un raggio di 200 piedi (60 metri) senza dune di sabbia, terreno inclinato o massi più di 7,5 pollici (19 cm) di diametro per disturbare la regione. Il terreno piatto e senza ostacoli facilita anche il prelievo dei campioni da parte del rover.

L'imbarcazione perseverante si fece amico su Marte

“Il team di Perseverance ha fatto di tutto per noi, perché la restituzione del campione di Marte ha esigenze uniche quando si tratta di dove lavoriamo”, ha affermato Richard Cook, direttore del programma di restituzione del campione di Marte presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, in un dichiarazione. .

READ  Gli scienziati scoprono il "primo sistema stellare triplo del suo genere".

“Fondamentalmente, un punto di atterraggio noioso è una buona cosa. Più lo scenario è piatto e poco stimolante, meglio è, perché mentre ci sono molte cose da fare quando arriviamo per raccogliere campioni, le visite turistiche non sono una di queste”.

La nave Perseverance della NASA ha utilizzato una delle sue telecamere di navigazione per catturare questa immagine del terreno pianeggiante del cratere Jezero.  Questa è una posizione potenziale che la NASA potrebbe prendere in considerazione per un rover di ritorno del campione di Marte.

Il team di restituzione del campione ha utilizzato le telecamere del rover per rilevare un’area pianeggiante che chiamano “barra di atterraggio”. L’area lunga e piatta come la pista di un aeroporto, già vista nelle immagini scattate da orbitanti attorno al pianeta. La perseveranza è in grado di catturare una visione migliore della terra.

“Abbiamo esaminato questi siti da prima dell’atterraggio di Perseverance, ma le immagini dall’orbita possono dirti molto”, ha affermato Al Chin, direttore di Mars Sample Return Systems and Integration Systems Engineering, in una dichiarazione.

“Ora abbiamo alcune riprese ravvicinate e personali della pista di atterraggio che suggeriscono che avevamo ragione. È probabile che la pista di atterraggio sia la nostra lista di potenziali posizioni di atterraggio e nascondiglio per (il ritorno del campione di Marte).”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply