Il Papa si scusa per gli abusi scolastici “catastrofici” in Canada

MASKWASIS, Alberta (AP) — Un ministro cattolico si è scusato per la complicità della Chiesa cattolica nella politica “disastrosa” delle scuole residenziali indigene, affermando che l’assimilazione forzata dei popoli indigeni nella società cristiana ha distrutto le loro culture, distrutto le loro famiglie e emarginato generazioni in più modi di uno. Si sente oggi.

“Chiedo umilmente scusa per il male che molti cristiani hanno fatto contro gli aborigeni”, ha detto Francis all’ex Erminskin Indian Residential School, ora in gran parte demolita, nelle terre di quattro nazioni Cree a sud di Edmonton, Alberta.

Il tanto atteso perdono ha aperto il “pellegrinaggio di penitenza” di Francesco in Canada per una settimana per aiutare la Chiesa nel suo cammino di riconciliazione con i popoli indigeni e aiutare le vittime a guarire.

Le parole di Francesco lunedì sono andate oltre le sue precedenti scuse per le azioni “deplorevoli” dei missionari, assumendosi invece la responsabilità della cooperazione istituzionale della chiesa con una politica di assimilazione “disastrosa” che la Commissione canadese per la verità e la riconciliazione ha definito “genocidio culturale”. “

Questo è un aggiornamento delle ultime notizie. La storia precedente di AP è di seguito.

MASKWACIS, Alberta (AP) — Papa Francesco è arrivato lunedì nel sito di un’ex scuola residenziale aborigena per porgere le tanto attese scuse per il ruolo della Chiesa cattolica in una politica di assimilazione forzata delle popolazioni indigene del Canada che ha portato a generazioni di traumi e abusi . .

Francis incrociò le mani sotto il mento e pregò in una tomba vicino al sito dell’ex Erminskin Indian Residential School, ora in gran parte demolita, prima che migliaia di indigeni fossero radunati dai quattro capi. Dopo i tradizionali tamburi e canti tribali per accogliere Francesco, il Papa ha pregato in silenzio mentre il sole faceva capolino dopo la pioggia mattutina.

Uno dei presentatori dell’evento, Randy Erminskin, presidente della Erminskin Cree Nation, ha aspettato il papa in un vicino parcheggio e ha parlato dell’importanza storica della giornata.

READ  Benjamin Netanyahu 'Near Bargain Advocate' nel processo per corruzione | Benjamin Netanyahu

“I miei defunti familiari non sono più con noi, i miei genitori hanno frequentato la scuola residenziale e io la scuola residenziale”, ha detto all’Associated Press, indossando un tradizionale copricapo Cree con piume. “So che sono con me, stanno ascoltando, stanno guardando.”

Miniatura del video di Youtube

Molti tra la folla indossavano abiti tradizionali, comprese gonne a nastro e gilet con motivi nativi. Altri indossavano magliette arancioni, che sono diventate un simbolo dei sopravvissuti alle scuole residenziali, mentre una ragazza ha raccontato la storia di sua nonna che le ha regalato la sua maglietta arancione preferita.

Al suo arrivo domenica a Edmonton, la capitale dell’Alberta, Francis è stato accolto dai rappresentanti dei tre principali gruppi indigeni del Canada – First Nations, Metis e Inuit – insieme a dignitari politici e ecclesiastici. Alla cerimonia di benvenuto, Francis ha baciato la mano della sopravvissuta alla scuola residenziale Alma Desjarlais, anziana delle First Nations di Frog Lake, un gesto di umiltà e rispetto che ha usato in passato incontrando i sopravvissuti all’Olocausto.

Il governo canadese ha riconosciuto che gli abusi fisici e sessuali erano dilaganti nelle scuole cristiane finanziate dal governo che hanno operato dal XIX secolo agli anni ’70. Circa 150.000 bambini aborigeni sono stati sottratti alle loro famiglie e costretti a partecipare agli sforzi per integrarli nella società cristiana canadese, isolandoli dall’influenza delle loro case, delle lingue e delle culture indigene.

Gli ordini religiosi cattolici gestiscono 66 delle 139 scuole residenziali canadesi, dove migliaia di bambini sono morti per malattie, incendi e altre cause.

Il viaggio di sei giorni di Francesco – che includerà altri siti in Alberta, oltre a Quebec City e Iqaluit, nel Nunavut, nell’estremo nord – segue gli incontri che ha tenuto con i rappresentanti delle Prime Nazioni, Métis e i rappresentanti del Vaticano in primavera. Inuit. I raduni hanno chiesto scuse storiche per il 1° aprile per gli abusi “deplorevoli” da parte di alcuni missionari cattolici nelle scuole residenziali.

READ  Dai un'occhiata al test freelance finale del razzo Artemis Moon

Nonostante lo strappo ai legamenti del ginocchio che lo ha costretto a cancellare un viaggio in Africa all’inizio di questo mese, il primo papa degli Stati Uniti era determinato a fare il viaggio. Francis, 85 anni, lo ha definito un “pellegrinaggio di pentimento” per aiutare la Chiesa cattolica a riconciliarsi con i popoli indigeni e aiutare a guarire da quello che la Commissione canadese per la verità e la riconciliazione ha definito “genocidio culturale”.

Lo stesso rapporto della commissione chiedeva anche a Francis di scusarsi per gli abusi sul suolo canadese, richiesta che sta soddisfacendo durante il viaggio.

Migliaia di bambini sono morti per malattie, incendi e altre cause. La scoperta di centinaia di sepolture in ex scuole nell’ultimo anno ha attirato l’attenzione internazionale sull’eredità delle scuole in Canada e negli Stati Uniti.

Masquasis, a circa un’ora a sud di Edmonton, è il centro di quattro nazioni Cree.

Gli organizzatori dell’evento hanno affermato che stanno facendo tutto il possibile per garantire che i sopravvissuti partecipino all’evento. Molti faranno il pendolare dai luoghi del parco e della corsa e gli organizzatori riconoscono che molti sopravvissuti sono anziani e avranno bisogno di veicoli accessibili, snack adatti al diabete e altri servizi.

I cattolici gestivano la maggior parte delle scuole canadesi, mentre varie denominazioni protestanti gestivano altre scuole con la collaborazione del governo.

Nell’ambito di un accordo legale che coinvolge il governo, le chiese e circa 90.000 studenti rimasti, il Canada ha rimborsato miliardi di dollari trasferiti alle comunità indigene. La Chiesa cattolica del Canada, le sue diocesi e gli ordini religiosi hanno contribuito con oltre 50 milioni di dollari in contanti e donazioni in natura e spera di aggiungere altri 30 milioni di dollari nei prossimi cinque anni.

Il primo ministro Justin Trudeau, che l’anno scorso si è scusato per una “politica del governo incredibilmente dannosa” nella deregolamentazione del sistema scolastico residenziale, parteciperà all’evento Maskwazis insieme ad altri funzionari del governo.

A Maskwacis, l’ex scuola visitata da Francis è stata sostituita con un sistema scolastico gestito da quattro nazioni Cree locali. Il curriculum afferma la cultura tribale un tempo repressa.

READ  Le cellule T dal freddo forniscono protezione contro Govit-19 - studio

Il capo Greg Desjarlais della Frog Lake First Nation nel nord dell’Alberta, un sopravvissuto della scuola, ha detto dopo la visita del papa domenica che ci sono stati “sentimenti contrastanti in tutto il paese” riguardo alla sua visita.

“Penso che oggi ci siano giovani che non sono tornati a casa e sono sepolti intorno alle scuole residenziali”, ha detto in una conferenza stampa dopo la cerimonia di benvenuto in aeroporto, ma sperava che la visita potesse portare alla riconciliazione.

“Ci sentiamo meglio ora che due persone si sono scusate”, ha detto. “Ma la nostra gente ne ha passate tante… La nostra gente è traumatizzata. Alcuni di loro non sono tornati a casa. Ora spero che il mondo capirà perché la nostra gente sta soffrendo così tanto.

Lunedì pomeriggio, Francesco ha in programma di visitare la First People’s Sacred Heart Church a Edmonton, una parrocchia cattolica dedicata ai popoli e alla cultura indigeni. La chiesa, che è stata dedicata la scorsa settimana dopo essere stata restaurata da un incendio, incorpora il linguaggio e le usanze tribali nel culto.

“Non avrei mai pensato in vita mia che avrei visto un papa nella Chiesa del Sacro Cuore”, ha detto Fernie Marty, che detiene il titolo di anziano della chiesa. “Ora abbiamo questa opportunità”.

Durante la visita di Francesco, la chiesa esporrà vestiti, pane e altri oggetti che fornisce regolarmente a chi ne ha bisogno, compresi i 75.000 indigeni urbani stimati da Edmonton.

Il suo parroco, Rev. P. sussurrò Gesù.

___

Il giornalista dell’Associated Press Rob Gillies a Toronto ha contribuito a questo rapporto.

___

La copertura religiosa dell’Associated Press è supportata dalla collaborazione di AP con The Conversation US, con il finanziamento di Lilly Endowment Inc. AP è l’unico responsabile di questo contenuto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply