Il ministro dell’Energia saudita afferma che l’OPEC eliminerà la politica dalle decisioni petrolifere

Il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, parla durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), a Glasgow, in Scozia, in Gran Bretagna, il 10 novembre 2021.

Eva Hermann | Reuters

Il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita ha dichiarato martedì che l’OPEC+ terrà la politica fuori dal processo decisionale nell’interesse del “pubblico interesse” della stabilità dei prezzi dell’energia.

Governi e organizzazioni internazionali di tutto il mondo hanno imposto sanzioni punitive e tagliato i legami economici con la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina, ma l’OPEC – l’organizzazione intergovernativa di 13 paesi esportatori di petrolio – non sembra pronta ad agire contro la Russia, un partner chiave nel la più ampia alleanza OPEC+ e essa stessa un importante esportatore di petrolio.

Parlando alla CNBC martedì, il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha affermato che l’esistenza stessa dell’organizzazione dipende dalla separazione della sua missione di stabilizzare i prezzi del petrolio da altri fattori geopolitici, anche in caso di un’invasione ampiamente condannata.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno votato a favore di una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite all’inizio di questo mese che esorta la Russia ad abbandonare l’invasione e ritirare tutte le forze, e il principe Abdulaziz ha affermato che ci sono altri forum in cui il regno può esprimere la sua opinione sulle azioni della Russia , che è in linea con Con una risposta globale.

“Quando si tratta dell’OPEC+, approfitterò di questo privilegio dicendo che ci lavoro da 35 anni e so come siamo riusciti a separare le nostre differenze politiche da ciò che è per il bene superiore di tutti noi”, ha detto il principe Abdulaziz in un’intervista con Hadley Gamble sulla CNN. C al vertice del governo mondiale a Dubai martedì.

READ  JPMorgan diventa la prima grande banca del Metaverso

“Questa cultura è penetrata nell’OPEC+, quindi quando entriamo nella sala riunioni dell’OPEC, o nell’edificio dell’OPEC, tutti lasciano la loro politica all’esterno di quell’edificio e quella cultura era con noi”.

Il ministro dell’Energia ha indicato che l’OPEC e l’OPEC +, che si sono formate dopo aver concordato accordi di taglio della produzione con paesi non OPEC, inclusa la Russia, hanno affrontato vari paesi coinvolti in conflitti o azioni aggressive nel corso della loro storia, tra cui Iraq e Iran.

Ha aggiunto: “Il motivo per cui siamo stati in grado di mantenere l’OPEC+ è perché discutiamo di queste questioni, di questi problemi, in uno stile completamente distaccato in cui ci concentriamo maggiormente sul bene comune, indipendentemente dalla politica”.

Il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al Mazrouei ha fatto eco alle dichiarazioni del principe Abdulaziz, il quale ha anche sottolineato che l’organizzazione ha continuato ad operare mentre i suoi membri costituenti erano in guerra, senza schierarsi. Ha aggiunto che la sua unica missione è “stabilizzare il mercato”.

“Il nostro obiettivo è calmare il mercato e cercare di trovare i volumi il più possibile, e se chiediamo a qualcuno di andarsene, aumentiamo i prezzi”, ha affermato.

“Quindi facciamo qualcosa che va contro ciò che vogliono i consumatori, ciò per cui i consumatori piangono in molti paesi del mondo, che probabilmente non possono permettersi i prezzi dove i prezzi possono andare”.

Al-Mazrouei ha affermato che i paesi potrebbero rifiutarsi unilateralmente di acquistare petrolio russo, ma l’espulsione dei suoi membri da parte dell’organizzazione sarebbe contraria ai suoi principi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply