Il ministro degli Esteri bielorusso Vladimir Makei muore “improvvisamente”, secondo lo stato

Sospensione

Il ministero degli Esteri bielorusso ha dichiarato oggi, sabato, che il ministro degli Esteri bielorusso Vladimir Makei è deceduto.

Su Facebook, Ministero Ha scritto Sabato quel Mackey “è morto improvvisamente oggi”. come quello Differenza Foto di Macy su Twitter, che scrive in inglese che è “morto”, senza dire dove o come è morto. Aveva 64 anni.

Il ministero non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Il media statale Belta ha riportato la sua morte, citando un portavoce del ministero, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Macy’s è in orbita da anni Il presidente bielorusso Alexander LukashenkoÈ diventato ministro degli Esteri nel 2012. Mackie è stato in precedenza assistente di Lukashenko e successivamente capo dello staff di Lukashenko, secondo una biografia sul sito web del ministero, che dice che è sposato con tre figli.

Lukashenko ha espresso le sue condoglianze alla famiglia di Macky, ha riferito Belta.

Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato la scorsa settimana che Macky avrebbe dovuto incontrare il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov questa settimana a Minsk, la capitale bielorussa.

In una dichiarazione di domenica, il ministero degli Esteri russo ha affermato che Lavrov ha inviato un telegramma di condoglianze alla moglie di Makei, aggiungendo: “La leadership e il personale del ministero degli Esteri russo piangono profondamente la morte del ministro degli Esteri bielorusso Vladimir Makei”.

“Vladimir Vladimirovich Makei è stato un vero amico della Russia e ha dato un contributo unico allo sviluppo globale di un’ampia cooperazione bilaterale, costruendo l’integrazione dello Stato dell’Unione e rafforzando le relazioni tra i due popoli fratelli di Russia e Bielorussia”, ha affermato il ministero. . .

READ  Un mese dopo gli attacchi russi all'Ucraina, governi e manifestanti prendono di mira gli yacht oligarchi

“Siamo scioccati” dalle notizie sulla morte di Makki, ha detto sabato Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, in un post su Telegram.

Durante la guerra in Ucraina, la Bielorussia è rimasta vicina Un alleato del Cremlino: Lukashenko ha ospitato truppe e attrezzature russe e ha permesso alla Russia di usare il suo paese come trampolino di lancio Attacchi aerei contro obiettivi ucrainie ha arrestato centinaia di manifestanti contro la guerra.

A settembre, Mackie ha affermato in un intervento all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che “è l’Occidente collettivo che deve assumersi la piena responsabilità per lo spargimento di sangue in corso in Ucraina” e che l’Occidente “ha reso questo conflitto inevitabile”.

Natalia Abakumova ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply