Il mercato azionario è sbagliato: l’economia non “spegnerà un bruto” ancora, avverte l’economista

Mentre una forte svendita delle azioni quest’anno può sembrare brutale, soprattutto dopo il massacro di settembre, l’S&P 500 è ancora circa il 17,1% al di sopra dei livelli di fine anno, secondo i dati di mercato del Dow Jones.

Non è abbastanza basso, data la probabile portata dell’azione della Fed necessaria per riportare l’inflazione elevata all’obiettivo annuale della banca centrale del 2%, secondo Stephen Blitz, capo economista statunitense di TS Lombard.

“Sì, i mercati stanno guidando, ma finora stanno ripristinando livelli di prezzo molto ricchi creati dalle politiche della Fed che sono durate troppo a lungo”, ha affermato Blitz in una recente nota del cliente.

Pertanto, le condizioni finanziarie si stanno restringendo ma non è ancora sufficiente
Giustifica i timori che l’economia stia per far saltare il colletto”.

Blitz ha notato come le condizioni finanziarie ridotte (vedi grafico) siano state rispetto alle precedenti recessioni, a sostegno della sua argomentazione sul motivo per cui la Federal Reserve ha bisogno di aumentare il suo tasso di riferimento più del previsto.

Le condizioni finanziarie sono più rigide, ma non sufficienti se si guarda alle recessioni passate

Bloomberg, ST Lombard

Le azioni statunitensi hanno chiuso in ribasso mercoledì con scambi instabili, dopo essere aumentate bruscamente a partire da ottobre e dopo il peggior settembre dal 2002. Libri di William Watt Come dopo un settembre difficile, l’SPX dell’S&P 500,
-0,20%
Di solito vede guadagni modesti dopo un mese, ma non il Dow Jones Industrial Average, DJIA,
-0,14%
Quando si guardano i dati storici.

Il problema principale, per Blitz, è che il crollo del mercato azionario di quest’anno è stato “difficilmente un cambiamento” se si guarda al calo di circa il 50% delle azioni nella recessione del 1974-1975 e della recessione del 2008-2009.

“Inoltre, il mercato è arrivato qui valutando una soluzione della Fed al 4,5% (4,5% di inflazione, 4,5% di disoccupazione, 4,5% di tasso monetario) e tutti lo credevano
Basterebbe esercitare la massima pressione al ribasso sull’inflazione”, ha detto Blitz. “Non lo faresti”.

Gli investitori si sono concentrati sul rapporto di lavoro di venerdì per settembre per avere indizi sul fatto La Federal Reserve potrebbe mantenere il suo ritmo Da enormi aumenti dei tassi di interesse a fronte di forti aumenti salariali che hanno alimentato l’inflazione.

Imparentato: L’occupazione e la creazione di posti di lavoro hanno registrato il livello più basso in un anno e mezzo nel rapporto sull’occupazione di settembre negli Stati Uniti

Invece, Blitz stima che la “risoluzione” della Fed potrebbe dover raggiungere il 5,5%, soprattutto con i budget delle famiglie che finora sono rimasti flessibili, anche se i tassi di interesse aumentano drasticamente, Che ha portato al raffreddamento del mercato immobiliare Il mutuo a 30 anni a tasso fisso sfiora il 7%.

I costi energetici come componente dell’inflazione sono tornati a concentrarsi mercoledì con l’aumento dei prezzi del greggio Dopo che i principali produttori di petrolio hanno deciso di tagliare I loro livelli di produzione collettiva di greggio sono aumentati di 2 milioni di barili al giorno, a partire dal mese prossimo.

La decisione ha seguito il benchmark statunitense WTI per la consegna di novembre CLX22,
+ 1,75%

CL00,
+ 1,75%
Un guadagno dell’1,4% a 87,76 dollari al barile.

Secondo i dati FactSet, i prezzi del greggio negli Stati Uniti si sono ritirati dai massimi intraday di marzo di circa $ 130 al barile, dopo essere balzati quando le economie globali sono emerse per la prima volta dal blocco della pandemia, ma anche quando la transizione verso fonti energetiche più ecologiche ha preso slancio e dalla guerra russa. in Ucraina.

Leggi: Perché le abitazioni hanno “molto margine di manovra” nelle recessioni, anche se i prezzi sono scesi del 15%

READ  Mercati europei aperti alla chiusura, dati, decisione Bce

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply