Il Kansas ha votato nel primo test elettorale di Wade contro Roe per proteggere i diritti di aborto

2 agosto (Reuters) – Martedì gli elettori del Kansas hanno respinto un tentativo di rimuovere le protezioni contro l’aborto dalla costituzione dello stato, una grande vittoria per il movimento per i diritti dell’aborto nel primo test elettorale in tutto lo stato da quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato Roe v. Wade.

Il fallimento dell’emendamento nello stato conservatore ha deluso le speranze tra i democratici che la questione dei diritti di aborto avrebbe attirato gli elettori nel partito, che si preoccupano dell’aumento dell’inflazione.

Il risultato impedirebbe al legislatore guidato dai repubblicani del Kansas di emanare restrizioni più severe sull’aborto nello stato, che è diventato un importante punto di accesso all’aborto per il cuore dell’America.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Questo dovrebbe essere un vero campanello d’allarme per gli oppositori dell’aborto”, ha affermato Neil Allen, professore di scienze politiche alla Wichita State University. “Quando un divieto totale sembrerà possibile, lascerai molte persone e perderai sostenitori moderati delle restrizioni sull’aborto”.

Gli analisti politici si aspettavano che l’emendamento del Kansas passasse perché i repubblicani in genere superano i democratici e gli indipendenti nelle primarie statali.

Ma i sondaggi di martedì hanno mostrato più voti del previsto. Con il 98% dei voti contati, il 59% degli elettori voleva proteggere il diritto all’aborto e quasi il 41% sosteneva la rimozione della protezione dell’aborto dalle costituzioni statali, secondo Edison Research.

“Questa è una grande decisione per la politica del Kansas”, ha detto Allen.

L’iniziativa elettorale del Kansas è la prima di numerose richieste agli elettori statunitensi di valutare il diritto all’aborto quest’anno. Kentucky, California, Vermont e Michigan metteranno in votazione l’aborto questo autunno.

READ  Zelenskyy sta spingendo per ulteriori aiuti durante i colloqui con i diplomatici statunitensi

Una campagna di successo “Vota No” in Kansas potrebbe fornire un modello per i gruppi per i diritti dell’aborto che cercano di sfruttare l’energia degli elettori sulla scia dell’inversione di rotta di Roe, ha detto Allen.

Martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è unito ai Democratici di tutto il paese elogiando i risultati.

“Questo voto chiarisce ciò che sappiamo: la maggioranza degli americani concorda sul fatto che le donne dovrebbero avere accesso all’aborto e il diritto di prendere le proprie decisioni sanitarie”, ha affermato Biden in una nota.

Un sondaggio in tutto lo stato pubblicato a febbraio dal Talking Institute of Public Affairs della Fort Hays State University ha rilevato che la maggior parte dei residenti del Kansas non sostiene un divieto totale di aborto.

Il 60% non è d’accordo sul fatto che l’aborto debba essere completamente illegale e il 50,5% ha affermato che “il governo del Kansas non dovrebbe stabilire alcuna regolamentazione sulle circostanze in cui le donne possono ottenere un aborto”.

I repubblicani del Kansas hanno spinto per un emendamento costituzionale statale per eliminare i diritti di aborto dal 2019, quando la Corte Suprema del Kansas ha stabilito che la costituzione statale proteggeva i diritti di aborto.

READ  I lavoratori del cinema e della televisione IATSE possono scioperare da lunedì

Come risultato della sentenza, il Kansas ha mantenuto politiche più indulgenti rispetto ai suoi vicini conservatori. Lo stato consente aborti fino a 22 settimane con diverse restrizioni, tra cui un periodo di attesa di 24 ore e il consenso dei genitori obbligatorio per i minori.

Azioni in rialzo a novembre

I pazienti si recano in Kansas per abortire dal Texas, dall’Oklahoma, dal Missouri e da altri stati che hanno quasi completamente vietato l’aborto da quando la Corte Suprema ha ribaltato Roe a giugno, la decisione del 1973 che ha legalizzato l’aborto a livello nazionale.

Un portavoce della Foundation Women’s Abortion Clinic di Wichita afferma che il 60% dei pazienti abortiti proviene da fuori dello stato.

Il voto di martedì ha attirato l’attenzione nazionale e denaro. La Value Them Boat Association, che ha sostenuto l’emendamento, quest’anno ha raccolto circa 4,7 milioni di dollari, di cui circa due terzi dalle diocesi cattoliche regionali, secondo i dati finanziari della campagna.

Consensus for Constitutional Freedom, la principale coalizione che si oppone all’emendamento, ha raccolto circa 6,5 ​​milioni di dollari, di cui oltre 1 milione dai gruppi Planned Parenthood.

Susan B. Anthony Pro-Life America, un gruppo nazionale anti-aborto, ha dichiarato di aver speso 1,4 milioni di dollari per promuovere l’emendamento e di aver perlustrato 250.000 case in Kansas.

“La perdita di stasera è un’enorme delusione per i Kansan e gli americani in tutto il paese”, ha detto la portavoce del gruppo Mallory Carroll. “La posta in gioco per il movimento pro-vita nelle imminenti elezioni di medio termine non potrebbe essere più alta”.

Reportage di Gabriella Porter a Washington; Montaggio di Colin Jenkins e Cynthia Osterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply