Il Gruppo dei Sette si unisce all’Unione Europea per limitare il prezzo del petrolio russo a 60 dollari al barile

WASHINGTON (AP) – Le nazioni del Gruppo dei Sette e l’Australia si sono unite venerdì all’Unione Europea nell’adottare un limite di $ 60 al barile sul petrolio russo, un passo chiave in quanto le sanzioni occidentali mirano a riorganizzare il mercato petrolifero globale. Per evitare l’aumento dei prezzi e l’affamato presidente Vladimir Putin di finanziare la sua guerra in Ucraina.

L’Europa doveva elaborare il prezzo ridotto che gli altri paesi avrebbero pagato entro lunedì, quando l’UE imporrà un embargo sul petrolio russo spedito via mare. Il divieto di assicurazione per queste forniture è in vigore. Il price cap, guidato dalle ricche democrazie del G-7volto a prevenire un’improvvisa perdita di petrolio russo nel mondo, che potrebbe portare a un nuovo aumento dei prezzi dell’energia E più inflazione di carburante.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha dichiarato in una dichiarazione che l’accordo aiuterebbe a limitare la “primaria fonte di reddito di Putin per la sua guerra illegale in Ucraina, preservando la stabilità delle forniture energetiche globali”.

L’accordo arriva dopo una serie di trattative dell’ultimo minuto. La Polonia sostiene da tempo l’accordo con l’UE, cercando di ridurre il massimale il più possibile. Dopo più di 24 ore di deliberazione, quando altri stati dell’UE hanno indicato che avrebbero sostenuto l’accordo, Varsavia alla fine ha ceduto venerdì.

Una dichiarazione congiunta dell’alleanza del G-7 rilasciata venerdì afferma che il gruppo “è pronto a rivedere e adeguare il tetto massimo come appropriato”, tenendo conto degli sviluppi del mercato e dei potenziali impatti sui membri dell’alleanza e sui paesi a basso e medio reddito.

“Paralizzare le entrate energetiche della Russia è l’essenza per fermare la macchina da guerra russa”, ha affermato il primo ministro estone Kadja Kallas, aggiungendo di essere felice di tagliare il limite di qualche dollaro in più rispetto alle proposte precedenti. Ha detto che per ogni dollaro tagliato, 2 miliardi di dollari in meno rispetto alla cassa di guerra della Russia.

READ  I razzi hanno colpito vicino a Odessa in Ucraina mentre è previsto un nuovo tentativo di evacuazione a Mariupol

“Non è un segreto che volevamo che il prezzo fosse più basso”, ha aggiunto Klass, riferendosi alle differenze all’interno dell’UE. Il prezzo da 30 a 40 dollari è ciò che danneggerà notevolmente la Russia. Tuttavia, questo è il miglior compromesso che possiamo avere”.

La cifra di $ 60 si avvicina al prezzo attuale del greggio russo, che recentemente è sceso sotto i $ 60 al barile. Alcuni lo criticano come non abbastanza basso per ritagliarsi una delle principali fonti di reddito della Russia. È ancora uno sconto significativo rispetto al greggio di riferimento internazionale Brent, che venerdì è sceso a 85,48 dollari al barile, ma potrebbe essere abbastanza alto da consentire a Mosca di continuare a vendere anche se respinge l’idea di un limite.

C’è un grande pericolo per il mercato globale del petrolio dalla perdita di grandi quantità di greggio dal secondo produttore al mondo. Può portare a un aumento dei prezzi della benzina per i conducenti In tutto il mondo, scatenando disordini politici per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden leader in altri paesi. L’Europa è già impantanata in una crisi energeticaMentre i governi affrontano le proteste per l’aumento del costo della vitamentre i paesi in via di sviluppo sono più vulnerabili alle variazioni dei costi energetici.

Ma l’Occidente ha dovuto affrontare crescenti pressioni per prendere di mira uno dei maggiori produttori di denaro della Russia – Petrolio – per ridurre il denaro che scorre nella cassa di guerra di Putin e danneggiare l’economia russa Con la guerra in Ucraina che entra nel suo nono mese. I prezzi del petrolio e del gas naturale sono saliti alle stelle Dopo che la domanda è rimbalzata dalla pandemia e poi dall’incursione dell’Ucraina nei mercati energetici instabili, alimentando le casse della Russia.

READ  Notizie Ron Diantes - Ultime: Svelati i finanziamenti per i viaggi di migranti

“Il limite stesso avrà l’effetto desiderato di limitare la capacità di Putin di trarre profitto dalle vendite di petrolio e limitare la sua capacità di continuare a utilizzare quei soldi per finanziare la sua macchina da guerra”, ha detto venerdì ai giornalisti il ​​portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Kirby.

Tuttavia, ci attende una maggiore incertezza. Restrizioni COVID-19 in Cina Un rallentamento dell’economia globale può significare meno sete di petrolio. Questo è ciò che l’OPEC e i paesi alleati produttori di petrolio, compresa la Russia, hanno indicato nei loro tagli alle forniture al mondo in ottobre. L’alleanza OPEC+ si incontrerà di nuovo domenica.

Ciò compete con un embargo da parte dell’Unione Europea che potrebbe sottrarre più forniture di petrolio al mercato, aumentando i timori di pressioni sull’offerta e prezzi più alti. La Russia esporta quasi 5 milioni di barili di petrolio al giorno.

Putin ha detto che non venderà petrolio al di sotto di un prezzo massimo e che si vendicherà dei paesi che applicano questa misura. Tuttavia, la Russia ha già reindirizzato gran parte delle sue forniture verso India e Cina E altri paesi asiatici con uno sconto perché i clienti occidentali lo evitavano anche prima dell’embargo dell’UE.

La maggior parte degli assicuratori ha sede nell’Unione Europea o nel Regno Unito e potrebbe essere tenuta a partecipare a un massimale tariffario.

La Russia può anche svendere il petrolio in nero usando le petroliere della “flotta oscura” di proprietà ambigua. L’olio può essere trasportato da una nave all’altra e mescolato con olio di qualità simile per mascherarne l’origine.

Anche in queste circostanze, il limite renderebbe “più costoso, dispendioso in termini di tempo e ingombrante” per la Russia vendere petrolio al di fuori delle restrizioni, ha affermato Maria Shagina, esperta di sanzioni presso l’International Institute for Strategic Studies di Berlino.

READ  Veicoli agricoli rimossi dall'Ucraina dai russi che hanno scoperto che erano disabilitati a distanza

Robin Brooks, capo economista presso l’Institute of International Finance di Washington, ha affermato che il prezzo massimo avrebbe dovuto essere applicato quando il petrolio si aggirava intorno ai 120 dollari al barile quest’estate..

“Da allora, ovviamente, i prezzi del petrolio sono diminuiti e una recessione globale è diventata una cosa reale”, ha detto. “La verità è che è improbabile che sia vincolante dato dove sono ora i prezzi del petrolio”.

I leader europei hanno promosso il loro lavoro sul tetto dei prezzi, nato da un’idea di Yellen.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, ha dichiarato: “L’accordo dell’UE sul tetto dei prezzi del petrolio, in coordinamento con il G7 e altri, ridurrà significativamente le entrate della Russia”. “Ci aiuterà a stabilizzare i prezzi globali dell’energia, a vantaggio delle economie emergenti di tutto il mondo”.

___

Cassert riporta da Bruxelles e McHugh da Francoforte, Germania. Il reporter di AP Aamir Madani ha contribuito a Washington.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply