Il DOJ ha fatto causa al Texas per le mappe di ridefinizione approvate dai repubblicani

La causa sostiene che il piano di ridefinizione elaborato dai legislatori del Texas ha violato la legge sul suffragio.

“Nella denuncia che abbiamo presentato oggi, il procuratore generale Merrick afferma che il Texas ha violato la Sezione Due creando piani di ridefinizione che negano o collegano i diritti di voto degli elettori latini e neri in base alla razza, al colore o al gruppo di minoranza linguistica”. Garland ha detto in una conferenza stampa.

Il caso riguarda sia il progetto del Congresso degli Stati Uniti per le elezioni del prossimo decennio che il piano del Consiglio di Stato.

“Il legislatore si è rifiutato di riconoscere il crescente elettorato di minoranza nello stato”, afferma la causa. “Mentre la delegazione del Congresso del Texas si espanderà da 36 a 38 seggi, il Texas è progettato per ottenere due nuovi seggi con una maggioranza di voto anglo”.

Dopo il censimento del 2020, al Texas sono stati offerti due seggi aggiuntivi nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. La crescita della popolazione che ha creato nuovi luoghi è stata guidata dalle comunità minoritarie, che, secondo i dati del censimento, costituiscono il 95% della popolazione di colore.

“Tuttavia, il Texas ha progettato queste due nuove sedi per avere una maggioranza bianca”, ha affermato Vanitha Gupta, procuratore generale associato. “Invece, la nostra indagine ha concluso che i piani di riorganizzazione del Texas avrebbero diluito il potere di voto delle minoranze che avrebbero dovuto emergere da questi significativi cambiamenti demografici”.

Questo è il secondo caso di suffragio presentato dall’amministrazione Biden contro il governo quest’anno. Anche la magistratura ha impugnato Attività di voto limitato Passato in legislatura all’inizio di quest’anno.

Nel disegnare la mappa del Congresso degli Stati Uniti, il Texas ha deliberatamente escluso la possibilità di elezioni latine nel Distretto del Congresso 23 nel Texas occidentale, dove i tribunali hanno identificato violazioni della legge sul suffragio durante i due precedenti cicli di riforma, sostiene la nuova causa.
Secondo la causa, il Texas “non è riuscito a trovare un posto per includere il crescente elettorato latino nella contea di Harris” e “comunità minoritarie espulse dal centro del metroplex di Dallas-Fort Worth”.

READ  Scambi accesi alle udienze di conferma della Corte Suprema di Jackson

La causa, intentata nel distretto occidentale del Texas, sostiene che “il programma della Texas State House ha eliminato le opportunità elettorali latine manipolandole o rimuovendo direttamente i distretti in cui le comunità latine avevano precedentemente selezionato i loro candidati preferiti”.

Il Texas sta già affrontando una serie di cause private contro le sue nuove mappe, che sono state firmate in legge nel mese di ottobre dal governatore Greg Abbott dopo essere state approvate dal legislatore controllato dal GOP.

Un portavoce del Segretario di Stato del Texas John Scott, che è un imputato nel caso, ha rifiutato di commentare. In un tweet, l’ufficio del procuratore generale Ken Paxton ha definito il caso “assurdo” e “l’ultimo stratagemma dell’amministrazione Biden per controllare gli elettori del Texas”.

“Spero che i risultati della ridefinizione della nostra legislatura si dimostreranno legittimi e che questo finto tentativo di deviare la democrazia fallirà”. Lo ha detto l’ufficio del procuratore generale.

Mancanza di “autorizzazione preventiva”

ioDecenni fa, in base al Texas Voting Rights Act, le nuove mappe legali dovevano essere approvate dalla magistratura o dalla corte federale.

Tale requisito, noto come pre-autorizzazione Shelby County v. 2013 Sentenza della Corte Suprema. Titolare. Senza di essa, la magistratura sfiderebbe le nuove mappe in base a una disposizione separata della legge, che porrebbe l’onere per il dipartimento di dimostrare che le mappe sono distorte.
La sentenza della contea di Shelby renderà più facile per gli stati sbarazzarsi del razzismo estremo

Il Texas non è nuovo alle cause relative al suo disegno al tratto. Ha cercato l’approvazione della corte federale per le mappe disegnate nel 2010, che si è trasformata in una battaglia legale che è durata per la maggior parte del decennio.

READ  Hubble cattura il volto della magnifica Galassia della Grande Spirale

Lunedì, Garland ha notato che la perdita dell’opportunità di riconsiderare prima che le nuove mappe entrassero in vigore era dovuta alla mancanza di approvazione preventiva richiesta e all’impatto che aveva sugli sforzi di applicazione del suffragio del dipartimento.

“Vorrei, ancora una volta, sollecitare il Congresso a ripristinare i poteri di pre-autorizzazione della magistratura. Questo strumento di pre-approvazione è ancora in vigore. Non saremo qui oggi quando questa denuncia sarà annunciata”, ha detto Carland.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply