Il COVID-19 è associato a un effetto “significativo e dannoso” sul cervello, secondo uno studio del Regno Unito

Consiglia scansioni e test cognitivi raccolti da centinaia Corona virus L’infezione è collegata a un cambiamento “significativo e dannoso” nel cervello, secondo uno studio pubblicato lunedì da scienziati nel Regno Unito.

Foglio, pubblicato in Rivista NaturaDisegna i dati Biobanca britannica Da 401 persone di età compresa tra i 51 e gli 81 anni che hanno sofferto della malattia di Govt-19 fino ad aprile 2021.

I ricercatori hanno analizzato i dati delle scansioni cerebrali e dei test raccolti dai partecipanti prima che si ammalassero e poi dal secondo round condotto, circa cinque mesi in media dopo essere risultati positivi.

I dati sono stati confrontati con i risultati di 384 individui identici che non erano malati, nonché con i risultati di alcuni individui con polmonite e febbre.

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo lungo studio di imaging di SARS-CoV-2, in cui i partecipanti sono stati inizialmente scansionati prima che qualcuno fosse infettato”, hanno scritto gli autori dello studio.

Misurare Impatto della malattia Per quanto riguarda la capacità delle persone di completare compiti cognitivi, gli scienziati hanno esaminato i dati di esperimenti di “creazione di sentieri” in cui le persone trascorrono il tempo a tracciare linee tra numeri o lettere specifici. Coloro che sono risultati positivi al COVID-19 hanno impiegato “molto più tempo” per completare i test, ad eccezione di coloro che sono sfuggiti al caso abbastanza grave da essere ricoverati in ospedale.

Valutando il cervello stesso con una serie di scansioni MRI, i ricercatori hanno trovato prove di un calo medio del livello generale del cervello dopo il COVID. Le scansioni hanno mostrato segni di danno tissutale nelle aree del cervello legate all’olfatto e una riduzione grigiastra nelle aree legate all’olfatto e alla memoria.

READ  Annunci diretti: la Russia occupa l'Ucraina

“È rilevante. E quello che dice è che il bilancio delle informazioni che raccogliamo indica che il governo è una malattia che può sviluppare sintomi persistenti”, ha affermato l’ex commissario della FDA, il dott. Scott Facelip ha detto “Affronta la nazione”. L’anno scorsoI risultati di uno studio della UK Biobank sono stati pubblicati per la prima volta come ampiamente condivisi Stampa.

“Non è una malattia benigna. È qualcosa che vuoi evitare”, ha aggiunto Godlip.

Studiare la “lunga cov” nel cervello

I ricercatori di tutto il mondo hanno intensificato i loro sforzi Leggi i sintomi a lungo termine Da covit-19 nel cervello – una parte di una serie di fasi chiamate “covit lungo” o “Gravi postumi di COVID-19“Potrebbero volerci mesi prima che le persone si riprendano dalla fase” acuta “della loro infezione.

L’anno scorso, Uno studio Pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention, due terzi degli americani testati positivamente sono stati infettati e hanno riportato almeno un sintomo cronico per più di quattro mesi – il 55,5% con “compromissione cognitiva” come difficoltà di concentrazione o perdita di memoria. .

Finanziato dal COVID-19 Relief Bill approvato dal Congresso nel 2020, National Institutes of Health L’anno scorso È stato compiuto uno sforzo di 1,15 miliardi di dollari per studiare i sintomi di COVID-19 a lungo termine a livello nazionale Tentativo di recupero. L’iniziativa federale coinvolge diversi studi che esaminano le cause e gli effetti dei sintomi cronici di COVID-19, che i funzionari sperano possano aprire la porta a ulteriori domande sull’impatto dell’infezione cerebrale.

“La domanda è: vedi cambiamenti fondamentali negli attaccamenti associati alla perdita olfattiva? Lo vedi come tale? O vedi una ferita indotta da virus? Ha detto Walter Koroshets.

READ  Punteggio della settimana 1 della USFL, takeaway: Jordan Tamu, Tampa Bay Panties Roll Pittsburgh Mowlers lunedì sera

RECOVER include la ricerca autoptica che esamina il cervello delle persone con COVID a lungo termine dopo la morte per altre cause, come cancro o infarto.

“Una risonanza magnetica fondamentalmente cattura l’acqua. Quindi non ti dice cosa sta succedendo a livello cellulare o di connessione. Ma puoi ottenerlo osservando il tessuto cerebrale al microscopio e usando tecniche avanzate per esaminarlo”. disse Koroshets.

Le complicazioni a lungo termine possono essere collegate a parti del virus che permangono ancora nel corpo, ipotizza Goroshets, o possono essere il risultato di risposte immunitarie inizialmente innescate da un’infezione dannosa per il corpo. Oltre a testare farmaci che hanno lo scopo di ridurre i sintomi delle persone, è importante ridurre al minimo le cause che aiutano gli scienziati a sviluppare nuove terapie.

“Man mano che capiamo di più sulla biologia, speriamo di provare a normalizzare il corpo, rimuovere il virus, trattare la reazione autoimmune e ripristinare il sistema immunitario. A quel punto, funzioneranno”, ha detto Goroshets.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply