Il Consiglio delle Nazioni Unite sconfigge la risoluzione umanitaria della Russia sull’Ucraina

NAZIONI UNITE (AP) – Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite mercoledì ha sconfitto in modo schiacciante una risoluzione russa che riconosceva i crescenti bisogni umanitari dell’Ucraina, ma non ha menzionato l’invasione russa che ha aggravato una crisi che ha lasciato milioni di ucraini in un disperato bisogno di cibo e acqua e riparo.

Per essere adottata, la Russia aveva bisogno di almeno nove voti “sì” nei 15 membri del Consiglio di sicurezza e nessun veto da parte di uno degli altri quattro membri permanenti: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Cina. Ma la Russia ha ottenuto il sostegno solo dalla sua alleata Cina, con gli altri 13 membri del consiglio che si sono astenuti, riflettendo l’incapacità di Mosca di ottenere un ampio sostegno per la sua guerra in Ucraina, che segna un mese dalla sua creazione giovedì.

La sconfitta russa è avvenuta lo stesso giorno in cui l’Assemblea Generale ha iniziato l’esame di una bozza di risoluzione elaborata dall’Ucraina e da altri venti paesi co-sponsorizzato da quasi 100 paesi che afferma chiaramente che l’aggressione russa è responsabile della crescente emergenza umanitaria. L’assemblea ha anche dovuto prendere in considerazione una risoluzione sudafricana rivale che non menzionava la Russia e assomigliava a quella del Consiglio di Mosca sconfitto. Una decisione su tali decisioni è stata rinviata a giovedì a causa del gran numero di oratori.

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha detto al consiglio prima del voto che la sua risoluzione è stata “depoliticizzata” proprio come altre risoluzioni umanitarie del Consiglio di sicurezza, e ha respinto categoricamente l’affermazione degli Stati Uniti secondo cui il suo paese non aveva il diritto di presentare una tale risoluzione.

L’ambasciatore degli Stati Uniti Linda Thomas Greenfield ha risposto dicendo che la Russia stava “cercando di utilizzare questo consiglio per fornire copertura alle sue atrocità”.

Ha detto: “È davvero inconcepibile che la Russia abbia l’audacia di presentare una risoluzione che chieda alla comunità internazionale di risolvere una crisi umanitaria creata dalla sola Russia”. La Russia non si preoccupa del deterioramento della situazione umanitaria. …se gli importasse, smetterebbero di combattere. La Russia è l’aggressore, l’attaccante, l’invasore, l’unico partito in Ucraina che ha preso parte a una brutale campagna contro il popolo ucraino, e vogliono che emaniamo una risoluzione che non riconosca il loro crimine”.

READ  Biden si unisce ai leader mondiali nel lutto per la morte della regina Elisabetta II

Nebenzia ha ripreso la parola dopo il voto, affermando di aver rivelato tutti i Paesi “per i quali la politicizzazione del fascicolo umanitario” è più importante che aiutare a fornire aiuti agli ucraini. Se i diplomatici continuano a lamentarsi della mancanza di un cessate il fuoco e di disposizioni per l’evacuazione, “vi ricorderemo che erano davanti a voi, ma vi siete rifiutati di votarli per motivi politici”, ha detto.

Spiegando il voto del suo Paese a favore della risoluzione russa, l’ambasciatore cinese Zhang Jun ha affermato che i membri del consiglio dovrebbero concentrarsi sulle questioni umanitarie, “andare oltre le differenze politiche” e cercare di raggiungere il consenso e “rispondere alla crisi umanitaria in modo positivo, pragmatico e costruttivo strada.”

Ma l’ambasciatore francese, Nicolas de Riviere, ha definito la decisione “una manovra di Mosca per giustificare la sua aggressione contro l’Ucraina”. L’inviato albanese Ferit Hoxha l’ha definita una “montagna di ipocrisia” e l’ambasciatore messicano Juan Ramon de la Fuente ha affermato che la bozza russa non rispondeva alla “realtà sul campo” o ai “bisogni urgenti della popolazione civile”.

La Russia ha presentato la sua decisione il 15 marzo. Il giorno prima, Francia e Messico hanno deciso di spostare la loro proposta di risoluzione umanitaria incolpando l’invasione russa per la crisi umanitaria dal Consiglio di sicurezza, dove ha dovuto affrontare un veto russo. Non c’è veto nell’Assemblea Generale di 193 membri.

Mercoledì scorso, la russa Nebenzia ha detto all’assemblea che, considerando la decisione franco-messicana sostenuta dall’Ucraina, sta prendendo parte a “un altro spettacolo politico anti-russo, questa volta inserito in un presunto contesto umanitario”.

Thomas Greenfield ha fortemente criticato la Russia, dicendo: “In un mese, la Russia ha causato il disastro umanitario in più rapida crescita al mondo”.

READ  Il primo ministro giapponese scuote il governo mentre cresce la rabbia per i legami con la Chiesa dell'Unificazione

Secondo le Nazioni Unite, circa 10 milioni di ucraini – un quarto della sua popolazione – sono stati costretti ad abbandonare le proprie case e ora sono sfollati all’interno del Paese o tra i 3,6 milioni di rifugiati, si dice, 12 milioni hanno bisogno di assistenza e 5,6 milioni milioni. I bambini non possono andare a scuola.

L’ambasciatore ucraino Sergei Kislitsi ha esortato tutti i paesi che si oppongono alla guerra della Russia contro il suo paese a votare a favore di una risoluzione delle Nazioni Unite sulle conseguenze umanitarie della sua aggressione, affermando che ciò invierebbe un forte messaggio volto ad aiutare le persone coinvolte nel conflitto e a porre fine L’azione militare di Mosca.

Nebenzia ha risposto che la sessione straordinaria di emergenza dell’Assemblea Generale è stata solo “un’altra manifestazione politica antirussa, questa volta inserita in un presunto contesto umanitario”. Ha esortato i membri dell’assemblea a votare contro la misura sostenuta dall’Ucraina e sostenere il progetto sudafricano, che si concentra solo su questioni umanitarie senza una “valutazione politica”.

Gli ambasciatori ucraino e russo sono stati tra i primi degli oltre 70 legislatori nazionali programmati per parlare prima che il consiglio voti su risoluzioni concorrenti sull’impatto umanitario della guerra. Più di 60 persone hanno ricevuto feedback prima che l’incontro fosse posticipato a giovedì mattina.

Kisletsya ha affermato che la risoluzione dell’Assemblea generale sostenuta dall’Ucraina si è concentrata sulla necessità di alleviare le sofferenze e “un’immediata cessazione delle ostilità da parte della Federazione Russa”.

“L’intento degli promotori e dei co-sponsor della bozza di risoluzione è quello di garantire che le parole si traducano in azioni immediate sul campo”, ha affermato. “Sarà molto importante prevenire effetti di ricaduta sul mondo intero”, motivo per cui il testo menziona l’impatto del conflitto sulla sicurezza alimentare ed energetica, soprattutto per i paesi meno sviluppati.

Nebenzia ha avvertito che l’adozione di questo progetto “renderà più difficile risolvere la situazione in Ucraina”. Questo perché è probabile che incoraggi i negoziatori ucraini e “li spinga a mantenere l’attuale situazione irrealistica, che non è correlata alla situazione sul campo, né alla necessità di affrontare le cause profonde” dell’azione militare russa, ha affermato.

READ  L'Iran risponderà "proporzionatamente" al declassamento delle relazioni dell'Ucraina

A differenza delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, le risoluzioni dell’Assemblea Generale non sono giuridicamente vincolanti, ma hanno l’effetto di esprimere l’opinione internazionale.

Il progetto sostenuto dall’Ucraina ribadisce la richiesta per la risoluzione del 2 marzo adottata dall’Assemblea che la Russia cessi immediatamente la sua offensiva militare in Ucraina e ritiri tutte le sue forze, e chiede che tutti i civili e le infrastrutture indispensabili alla loro sopravvivenza siano protetti.

La bozza denuncia le “gravi conseguenze umanitarie” dell’aggressione russa all’Ucraina, che si dice sia “su una scala che la comunità internazionale in Europa non vede da decenni”. Denuncia anche i bombardamenti russi, gli attacchi aerei e l'”assedio” di città densamente popolate, in particolare la città meridionale di Mariupol, e chiede libero accesso umanitario.

Il progetto sudafricano chiede “l’immediata cessazione delle ostilità” come primo passo per migliorare il deterioramento della situazione umanitaria e incoraggia “il dialogo politico, i negoziati, la mediazione e altri mezzi pacifici volti a raggiungere una pace duratura”. Non ha menzionato l’aggressione russa.

La risoluzione russa sconfitta chiedeva la protezione dei civili “in situazioni fragili” in Ucraina e un passaggio sicuro per gli aiuti umanitari e le persone che cercano di lasciare il Paese, ma non ha mai menzionato la guerra.

Ha appoggiato l’appello al dialogo e ai negoziati del Segretario generale delle Nazioni Unite e ha sollecitato un cessate il fuoco negoziato per evacuare rapidamente “tutti i civili”. Ha anche sottolineato “la necessità che le parti interessate concordino pause umanitarie a tal fine”, senza specificare le “parti interessate”.

Le autorità russe sostengono di non aver iniziato la guerra e hanno ripetutamente denunciato le notizie di battute d’arresto militari russe o morti di civili in Ucraina come notizie false. I media statali e i funzionari del governo insistono sul fatto che le forze russe prendono di mira solo le strutture militari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply