Novembre 27, 2021

Umbrialibera

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Umbrialibera

Il comitato del 6 gennaio sta perdendo la pazienza con l’ex amministratore delegato di Trump, Mark Meadows

Meadows è stato sabotato per la prima volta un mese fa, dopodiché il panel ha sottolineato che era “impegnato” nelle trattative sui termini della modifica dei documenti e sui termini del deposito.

Ma poche settimane dopo che il gruppo ha dato a Meadows una scadenza iniziale “breve” ma indefinitamente posticipata, i membri sono sempre più frustrati e pensano a quando e come aumentare la pressione.

Essendo uno dei consiglieri più stretti dell’ex presidente Donald Trump, Meadows ha una visione unica di ciò che Trump sapeva fino al 6 gennaio e delle sue dirette conseguenze. E il comitato spinge per saperne di più Come Meadows ha aiutato nel tentativo di contrastare le elezioni presidenziali del 2020, Ha notato nella sua sapona che era in contatto con “funzionari di alto rango della magistratura che hanno cercato indagini su casi di frode elettorale in diversi stati”.
Tra le opzioni in esame, il gruppo ha ufficialmente fissato una nuova scadenza per il rispetto della sapona o del disprezzo criminale. Quindi Ha chiarito fin dall’inizio che non aveva intenzione di collaborare Con la squadra, Bonan sta ora affrontando una possibile causa per violazione del suo sapone.

“La nostra pazienza non è illimitata, l’impegno dovrebbe trasformarsi in una cooperazione molto presto”, ha detto alla CNN una fonte del comitato di selezione, definendo Meadows un “testimone chiave” al processo. “Come abbiamo già chiarito, chiunque tenti di ostacolare il nostro sforzo dovrà affrontare delle conseguenze”.

Il deputato democratico Benny Thompson è stato accusato di aver soppesato le considerazioni del presidente del gruppo e di tutti i membri, e il comitato non è ancora in grado di portare la questione della conformità di Meadows in tribunale mercoledì.

READ  Netflix Games è ufficialmente arrivato su iOS

Ma Thompson ha aggiunto: “Se lo staff ci dice che non andrà da nessuna parte, non ci sarà alcuna esitazione da parte del comitato a formulare raccomandazioni”.

L’avvocato di Meadows, George Dervilliger, e il suo ex amministratore delegato Ben Williamson hanno rifiutato di commentare.

Il percorso del gruppo con Meadows è naturalmente più complicato di quanto non fosse con Bannon, perché l’amministratore delegato di Trump, Meadows, potrebbe avere legittime tutele dei privilegi amministrativi.

Finora, l’amministrazione Biden ha mostrato un notevole sostegno all’inchiesta della Camera, rifiutando di confermare il privilegio su Bannon e molti altri documenti di blocco e incoraggiando diversi membri del comitato a non fornire una protezione generale per i prati della Casa Bianca.

Ma Privilegio di gestione Non è l’unico fattore che gioca qui.

I membri della squadra valutano quanto tempo dovrebbe essere concesso a Meadows prima che la loro incompetenza comprometta le loro indagini.

Una fonte vicina ai negoziati ha detto alla CNN che era “sempre più chiaro” che il gruppo “Meadows” aveva “nessuna reale intenzione” di fornire documenti o prove.

Nei giorni scorsi, diversi membri del comitato hanno affermato di poter perseguire l’accusa di oltraggio criminale – tra cui Meadows – a qualsiasi testimone che violi Sapona.

“Se arriviamo alla conclusione che non stanno agendo in buona fede, so che se non escono allo scoperto, li insulteremo criminalmente come abbiamo fatto con il signor Bannon”, ha detto ai giornalisti Adam Schiff, un democratico della California. la scorsa settimana quando gli è stato chiesto di Meadows.

Domande che sorgono

Se il gruppo stabilisce una nuova scadenza per Sapona per Meadows, potrebbe stabilire una posizione che si espanderà in una battaglia legale.

READ  Ti sei perso l'eclissi lunare di venerdì? Ecco com'era.

A differenza di Meadows, Bannon non è mai stato coinvolto nel gruppo. Non è apparso il giorno in cui era necessaria la sua sapona e il suo avvocato ha inviato una lettera al panel affermando che non avrebbe collaborato fino a quando il comitato non avesse raggiunto un accordo con Trump – o la corte non avesse stabilito. Cosa.

Il rifiuto di Biden dell'affermazione dell'esecutivo accende un nuovo fuoco con Trump

Alcuni membri del team si aspettano che Meadows alla fine si rifiuti di conformarsi, ed entrambe le parti affermano che si stanno preparando a fare causa, secondo due fonti che hanno familiarità con la situazione.

Bannon, ora conduttore di podcast, è stato estromesso dal suo ruolo alla Casa Bianca diversi anni prima della rivolta del 6 gennaio, ma ha continuato a sostenere Trump e ha lavorato con gli attivisti di “Stop the Steel” che lottano per sconfiggere i risultati delle elezioni del 2020.

In una lettera agli Archivi Nazionali, il consigliere della Casa Bianca Dana Remus ha affermato che la Casa Bianca riteneva che la rivolta e gli eventi circostanti fossero “unici e straordinari” e che Biden aveva stabilito che “sottolineare il privilegio amministrativo non era nel migliore interesse del popolo”. Degli Stati Uniti. “

I consulenti legali di Biden sono molto chiari sul fatto che si stanno avvicinando individualmente alle questioni sui privilegi innescate dalle udienze del 6 gennaio.

6 gennaio Il comitato prevede di sabotare John Eastman

Se la Casa Bianca di Biden consentirà il pieno accesso alle testimonianze e ai documenti di Meadows, potrebbe creare un precedente e avviare un’inchiesta condotta dal governo repubblicano sulla sua amministrazione se i repubblicani mettono sotto il loro controllo una o due camere del Congresso l’anno prossimo.

Prima di allora, qualsiasi mossa per proteggere alcune parti del conto Meadows dal Congresso potrebbe causare un contraccolpo da parte dell’Alleanza Democratica a sinistra ea Capitol Hill.

READ  Il Twitch è ora su Nintendo Switch

L’ufficio del consigliere della Casa Bianca ha già iniziato a discutere con l’ufficio del consigliere legale della magistratura su come Meadows possa esercitare il privilegio amministrativo, ha detto alla CNN una fonte che ha familiarità con la questione.

La consultazione con l’OLC non implica che la Casa Bianca offrirà alcuna protezione privilegiata a Meadows. La Casa Bianca si è precedentemente consultata con l’OLC su questa indagine.

Melanie Zanona e Tierney Sneed della CNN hanno contribuito al rapporto.