Il CIO esorta gli organismi sportivi a cancellare gli eventi in Russia e Bielorussia

LOSANNA, Svizzera – Venerdì il Comitato olimpico internazionale ha esortato gli organismi sportivi a cancellare o spostare tutti gli eventi che intendono organizzare in Russia e Bielorussia e a smettere di usare le bandiere e gli inni nazionali dei paesi.

La richiesta dell’organismo olimpico è arrivata dopo che la UEFA ha spostato la finale di Champions League da San Pietroburgo alla periferia di Parigi e dopo che gli organi direttivi di sci e Formula 1 hanno ritirato le prossime gare dalla Russia.

In Russia si terranno i campionati mondiali di pallavolo e tiro a segno. C’è anche un playoff di qualificazione ai Mondiali contro la Polonia in programma per il 24 marzo a Mosca.

La Russia ha rotto la tregua olimpica invadendo l’Ucraina giovedì, appena quattro giorni dopo la cerimonia di chiusura dei Giochi invernali di Pechino. Alcune truppe russe sono entrate in Ucraina dalla Bielorussia, alleata della Russia.

Questa è la terza violazione russa della tregua olimpica negli ultimi 14 anni. La Russia ha invaso la Georgia durante le Olimpiadi estive del 2008 a Pechino e ha annesso la Crimea poco dopo le Olimpiadi invernali del 2014 a Sochi.

Il CIO ha affermato che gli organi di governo “devono tenere conto delle violazioni dell’armistizio olimpico da parte dei governi russo e bielorusso e dare priorità assoluta alla sicurezza e all’incolumità degli atleti”.

Dopo una riunione del suo comitato esecutivo, il Comitato Olimpico Internazionale ha affermato che le bandiere e gli inni nazionali di Russia e Bielorussia non dovrebbero essere utilizzati in occasione di eventi sportivi internazionali.

Il Comitato Olimpico Internazionale [board] Esprime la sua profonda preoccupazione per la sicurezza dei membri della comunità olimpica dell’Ucraina e esprime piena solidarietà”.

READ  Arnold Palmer Invitational Presentato da Mastercard

Il nome, la bandiera e l’inno nazionale della Russia sono già stati banditi dai Giochi Paralimpici del 4-13 marzo a Pechino a causa di controversie passate sul doping. La sua squadra dovrebbe competere come RPC, abbreviazione di Comitato Paralimpico Russo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply