Il Chelsea espelle Thomas Tuchel – The New York Times

Sei giorni dopo aver alzato il sipario sulla finestra di trasferimento in cui ha speso più soldi di qualsiasi altro club della Premier League – spendendo più di $ 300 milioni per una manciata di nuovi giocatori in soli due mesi – il Chelsea ha licenziato il suo manager, Thomas Tuchel, l’uomo accusato di formare una squadra di quelle parti disparate e costose.

Tuchel, 49 anni, è stato licenziato La dichiarazione di Curt È stato rilasciato poche ore dopo che il club ha perso la sua prima partita di Champions League, perdendo 1-0 contro i campioni croati, la Dinamo Zagabria, martedì.

Quella sconfitta è arrivata dopo un inizio vacillante della stagione nazionale, che ha visto la complessa sconfitta del Chelsea contro Leeds United e Southampton, nonché un pareggio con il Tottenham Hotspur. Il club è attualmente al sesto posto nella classifica della Premier League, cinque punti dietro l’Arsenal, primo classificato.

Tuchel è stato in carica allo Stamford Bridge solo per 18 mesi, nominato all’inizio del 2021 dopo che l’ex proprietario del club, Roman Abramovich, ha perso la pazienza con il suo ex titolare, Frank Lampard.

L’impatto di Tuchel è stato immediato: cinque mesi dopo, una squadra che aveva lottato per tenere il passo con la Premier League è stata incoronata campione d’Europa per la seconda volta, Battere il Manchester City nella finale di Champions League A Porto, Portogallo.

Tuttavia, Tuchel non è stato in grado di basarsi su questo successo. Il club non è riuscito a vincere una sfida per il titolo in corso la scorsa stagione, finendo alla fine a 19 punti dal Manchester City, con l’allenatore tedesco incapace di incorporare il detentore del record del club, Romelu Lukaku, nella sua rosa. Lukaku, l’attaccante belga tornato dall’Inter a Londra per 111 milioni di dollari, ha segnato solo otto gol prima di poter tornare in Italia in prestito a luglio.

READ  Risultati e aggiornamenti in tempo reale della Laver Cup: Federer e Nadal in doppio

A quel punto, il Chelsea era sotto una nuova proprietà: Abramovich è stato costretto a vendere il club dopo che lui e le sue società sono state sanzionate in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. Un consorzio guidato da Todd Boyle, co-proprietario dei Los Angeles Dodgers, e dalla società di private equity Clearlake. Alla fine ha vinto l’asta del club.

Sebbene il Chelsea stesse operando in perdita sbalorditiva sotto Abramovich, il co-fondatore di Bohli e Klerlik, Baghdad Eghbali, ha continuato a versare denaro nel club. L’ondata di trasferimenti che hanno finanziato quest’estate ha portato allo Stamford Bridge artisti del calibro di Raheem Sterling, Kalidou Koulibaly, Wesley Fofana e Pierre-Emerick Aubameyang. Lo stesso Buhli ha assunto un ruolo centrale nei negoziati, poiché Tuchel è stato consultato sull’identità delle reclute.

Con il progredire dell’estate, Tuchel sembrava meno soddisfatto della sua fortuna. Ha messo in dubbio il “livello di impegno fisico e mentale” dei suoi giocatori dopo la sconfitta pre-campionato per 4-0 contro l’Arsenal a Orlando, in Florida, un tema che è continuato nella stessa campagna. Dopo aver perso contro il Southampton, ha detto che la sua squadra “non era abbastanza forte”.

Intanto, all’indomani della sconfitta di Zagabria, le sue parole quasi soffocate dal frastuono dei tifosi di casa, ha suggerito che il Chelsea “chiaramente non dove dobbiamo essere e dove possiamo essere”, prima di ammettere che “tutto era mancante.” della prestazione della sua squadra.

I suoi nuovi proprietari erano chiaramente d’accordo, il suo regno finì a malapena prima che avesse il tempo di autorizzare il controllo dei passaporti sulla via del ritorno in Inghilterra.

READ  Brayden Point ha strappato il quadruplo tra gli infortuni da fulmine a Tampa Bay in finale

Mauricio Pochettino, ex allenatore di Tottenham e Paris Saint-Germain, e il prestigioso Graham Potter del Brighton sono stati individuati come i primi candidati a sostituirlo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply