Ignorando le battute d’arresto ucraine, Putin promuove le esportazioni di armi russe “superiori”.

  • Putin insiste sul fatto che la tecnologia russa è anni avanti rispetto ai suoi concorrenti
  • Gli analisti militari affermano che la performance dell’Ucraina indebolisce la vanteria, gli analisti militari affermano che India e Cina sono i principali acquirenti di armi russe

LONDRA (Reuters) – Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato lunedì che la Russia è pronta a vendere armi avanzate agli alleati in tutto il mondo e cooperare allo sviluppo della tecnologia militare, quasi sei mesi dopo la guerra in Ucraina in cui i suoi militari sono andati peggio del previsto.

Con le sue forze sconfitte dalle due città più grandi dell’Ucraina e avanzamenti lenti e costosi nelle province orientali, la guerra si è finora rivelata uno spettacolo poco convincente per l’industria delle armi russa. Leggi di più

Ma Putin, in un discorso a una fiera delle armi fuori Mosca, ha insistito sul fatto che le armi russe sono anni avanti rispetto alla concorrenza.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ha affermato che la Russia amava le sue forti relazioni con l’America Latina, l’Asia e l’Africa ed era pronta a fornire agli alleati lì un’intera gamma di armi, dalle armi leggere ai veicoli corazzati, all’artiglieria, agli aerei da combattimento e ai droni. “Quasi tutti sono stati usati più di una volta in vere operazioni di combattimento.”

Ha detto che l’offerta russa include armi e robot di alta precisione. “Molti di loro sono anni, o forse decenni, avanti rispetto alle loro controparti straniere, e in termini di caratteristiche tattiche e tecniche sono significativamente superiori a loro”.

La Russia è al secondo posto dopo gli Stati Uniti con una vendita di armi di circa 15 miliardi di dollari all’anno, quasi un quinto del mercato globale delle esportazioni. Dal 2017 al 2021, il 73% di queste vendite è andato a soli quattro paesi – India, Cina, Egitto e Algeria – secondo lo Stockholm International Peace Research Institute.

READ  Gli Stati Uniti esortano l'Ucraina a inviare più armi tra i timori di ricadute della guerra

‘annuncio debole’

Gli analisti militari occidentali hanno affermato che la lotta della Russia contro un avversario molto più piccolo in Ucraina potrebbe minare le vendite di Putin.

“Con il crollo delle relazioni economiche con l’Occidente, la Russia è diventata più dipendente dal commercio di armi di quanto non fosse prima, quindi non sorprende che Putin sia molto desideroso di promuoverlo al maggior numero possibile di clienti non occidentali”, ha affermato. disse. Ruth Dermond, docente senior presso il Dipartimento di studi sulla guerra al King’s College di Londra.

“Il grosso problema per lui è che la guerra della Russia contro l’Ucraina è stata un disastro per la credibilità militare russa: è stata una pessima pubblicità per le loro armi”.

Alla domanda su quali sistemi d’arma russi abbiano avuto prestazioni peggiori in Ucraina, il generale statunitense in pensione Ben Hodges ha citato le valutazioni dei funzionari della difesa statunitensi secondo cui la Russia ha tassi di guasto fino al 60% per alcuni dei suoi missili a guida di precisione.

Hodges, un ex comandante delle forze militari statunitensi in Europa, ha aggiunto che le sanzioni occidentali contro la Russia hanno anche sollevato dubbi sulla sua capacità di ottenere componenti e fornire manutenzione per le armi che vende.

“Come potenziale acquirente, sarei molto preoccupato per la qualità delle apparecchiature e la sostenibilità dell’industria della Federazione Russa”, ha affermato.

L’Ucraina ha utilizzato efficacemente le armi fornite dagli Stati Uniti, in particolare il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS), e la Russia ha subito una serie di duri colpi. Tra questi bombardamenti, la scorsa settimana, c’erano esplosioni in una base aerea nella Crimea annessa alla Russia, che hanno distrutto almeno otto aerei a terra, secondo le immagini satellitari.

READ  La Russia impone sanzioni alle unità Gazprom in Europa e negli Stati Uniti ed è proprietaria parziale del gasdotto

Tuttavia, Putin ha affermato che le forze russe e i loro delegati nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, stanno svolgendo tutti i loro compiti.

“Passo dopo passo stanno liberando la terra del Donbass”, ha detto.

La Russia ha descritto l’invasione, iniziata il 24 febbraio, come una “operazione militare speciale” per disarmare il suo piccolo vicino e proteggere le comunità di lingua russa. L’Ucraina ei suoi alleati accusano Mosca di aver condotto una guerra ingiustificata per impadronirsi del territorio.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riporta Mark Trevelyan. Montaggio di Andrew Osborne e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply