I tassi ipotecari hanno raggiunto il 6% per la prima volta dal 2008

I tassi ipotecari questa settimana sono aumentati sopra il 6 per cento per la prima volta in 14 anni, poiché l’inflazione ha continuato a resistere agli sforzi della Federal Reserve per frenarla. La drammatica e rapida escalation ha raffreddato quello che era stato un mercato immobiliare caldo negli Stati Uniti, aumentando la pressione su un’economia alle prese con l’inflazione persistente.

Il mutuo di 30 anni – il prodotto di mutuo per la casa più popolare – è salito al 6,02% questa settimana, quasi il doppio rispetto a nove mesi fa, secondo i dati diffusi giovedì da Freddie Mac. Non è stato così alto da novembre 2008.

Il salto è arrivato come hanno mostrato i dati sull’inflazione rilasciati dal Bureau of Labor Statistics questa settimana Accelerazione dei prezzi al consumo Ad agosto, soprattutto per articoli come alloggio e cibo. Il CPI per i costi delle abitazioni è aumentato dello 0,7% ad agosto e del 6,2% all’anno, l’aumento più grande dal 1990.

“I tassi dei mutui sono aumentati per quattro settimane consecutive a causa delle preoccupazioni degli investitori sull’inflazione”, ha affermato Holden Lewis, esperto di immobili e mutui presso NerdWallet. Le loro preoccupazioni sono giustificate, poiché questa settimana abbiamo appreso che l’inflazione è aumentata più del previsto ad agosto, come evidenziato dall’indice dei prezzi al consumo. Quella notizia ha fatto aumentare i tassi sui mutui, un fenomeno che si rifletterà sui tassi la prossima settimana”.

Le azioni stanno precipitando dopo che un rapporto sull’inflazione ha mostrato un aumento inaspettato dei prezzi ad agosto

I dati mostrano che gli affitti mensili nel sud della Florida quest’estate sono superiori del 24% rispetto a un anno fa. (Video: Luis Velardi/The Washington Post)

La media fissa di 30 anni ha iniziato l’anno al 3,22%. Dopo essere salito al 5,81 per cento a fine giugno, si è attenuato a luglio e all’inizio di agosto quando si sono diffusi i timori di una recessione. Ma da quando è sceso al 5,13 percento il 18 agosto, la media fissa di 30 anni è aumentata di quasi un punto percentuale in un mese. Le tariffe sono ancora al di sotto della media storica del 7,8%, secondo Freddie Mac.

READ  I lavoratori norvegesi del petrolio e del gas hanno iniziato uno sciopero e tagli alla produzione

Calcola quanto costeranno i mutui all’aumentare dei tassi di interesse

L’improvviso aumento dei prezzi di quest’anno ha portato a prezzi delle case più bassi e vendite più basse. I prezzi hanno iniziato a moderare ma sono rimasti alti. L’ultimo indice dei prezzi delle case Case-Shiller di Standard & Poor’s ha mostrato che i prezzi sono aumentati del 18% all’anno a giugno, in calo rispetto al 19,9% del mese precedente. Le vendite di case sono diminuite a luglio per il sesto mese consecutivo. Anche l’inizio delle abitazioni, una misura della costruzione di nuove case, è affondato quel mese.

“È probabile che tassi ipotecari del 6% o superiori siano la nuova realtà e le tariffe dovranno adeguarsi”, ha affermato Lisa Sturtevant, capo economista di Bright MLS, il servizio di quotazione multipla della regione. “La domanda relativamente forte e le scorte ancora basse continueranno a supportare prezzi stabili o in aumento nella maggior parte dei mercati, ma sono finiti i giorni in cui si vedevano offerte superiori a decine o addirittura centinaia di migliaia di dollari rispetto al prezzo richiesto. In alcuni luoghi, particolarmente alti- mercati dei costi e luoghi in cui i prezzi sono cresciuti più rapidamente negli ultimi due anni, possiamo vedere un calo dei prezzi di anno in anno”.

I prezzi delle case dovrebbero diminuire ma non crollare

La domanda di mutui è diminuita rapidamente con l’aumento dei tassi. Il volume totale degli ordini è diminuito per la quinta settimana consecutiva, secondo la Mortgage Bankers Association. Il rifinanziamento è in calo dell’83% rispetto a un anno fa.

“Con tutti gli occhi puntati sui prossimi passi della Federal Reserve per domare l’inflazione elevata, i mutuatari possono aspettarsi una continua volatilità dei tassi ipotecari”, ha scritto in una e-mail Bob Broxsmith, presidente e CEO di MBA.

READ  Wall Street ha chiuso in ribasso a causa del calo delle azioni di tecnologia pubblicitaria e social media

L’accessibilità economica delle case è scesa a un nuovo minimo per i nuovi acquirenti nel secondo trimestre, secondo una recente analisi condotta da NerdWallet sulle più grandi aree metropolitane della nazione. Sebbene vengano messe sul mercato più case, i prezzi elevati e i salari stagnanti hanno tenuto gli acquirenti in disparte. NerdWallet ha scoperto che le case sono in vendita a 6,5 ​​volte il reddito tipico di un acquirente per la prima volta in 50 metropolitane statunitensi e 6,6 volte il loro reddito a livello nazionale. Lo standard consigliato per gli acquirenti per la prima volta è tre volte il loro reddito.

La lettura dell’inflazione di agosto ha sorpreso gli investitori, che si chiedono se la Federal Reserve prenderà in considerazione l’aumento del tasso di interesse di riferimento di 100 punti base, invece di 75 punti base come ha fatto a luglio. (Il punto base è 0,01 punti percentuali). Il comitato per la determinazione dei tassi di interesse della Federal Reserve si riunirà la prossima settimana.

Nel tentativo di frenare l’inflazione, la banca centrale ha alzato il tasso sui fondi federali quattro volte quest’anno. È iniziato con un aumento di 25 punti base a marzo, seguito da un aumento di 50 punti base a maggio e successivi aumenti di 75 punti base a giugno e luglio. La Fed probabilmente vorrà vedere segni di inflazione in calo prima di ritirarsi dall’aumento dei tassi di interesse.

“La Fed aveva già intenzione di aumentare i tassi di interesse a breve termine la prossima settimana come parte dei suoi sforzi per frenare l’inflazione”, ha detto Lewis. “Potrebbe intensificare l’aggressività in risposta al rapporto sull’inflazione inaspettatamente alta di questa settimana, facendo salire i tassi dei mutui”.

READ  La chiusura di Shanghai danneggia petrolio, obbligazioni e colpisce lo yen

Quando gli investitori sono preoccupati per l’inflazione, la loro propensione all’acquisto di obbligazioni diminuisce perché il ritorno sul loro investimento è inferiore quando l’inflazione è alta. L’inflazione erode il valore dei pagamenti futuri di un’obbligazione. Una domanda più bassa porta a prezzi delle obbligazioni più bassi e rendimenti più elevati. Poiché i tassi ipotecari tendono a seguire lo stesso percorso del rendimento del Tesoro a 10 anni, stanno anche aumentando.

Il rendimento del Tesoro decennale è salito al 3,42% martedì per poi scendere al 3,41% mercoledì, il livello più alto da metà giugno.

“Il CPI più alto del previsto ha dato alla Fed il permesso di procedere con un aumento di 0,75 punti percentuali con alcuni economisti che suggeriscono che un aumento di un punto percentuale sarebbe fattibile”, ha affermato Nicole Roth, vicepresidente del team Rueth. “I tassi ipotecari hanno già fatto la mossa con il salto che abbiamo visto negli ultimi due giorni”.

I tassi ipotecari potrebbero non aver ancora raggiunto il picco, ha detto Roth.

“L’inflazione comparativa dell’anno scorso abbiamo ancora una sostituzione dell’inflazione molto bassa a settembre 2021”, ha affermato. “Con le pressioni inflazionistiche di oggi… possiamo vedere che l’IPC di settembre – rilasciato già a ottobre – è ancora più alto. L’inflazione di ottobre 2021 ha iniziato a salire, quindi i confronti annuali ci daranno un po’ di sollievo. Con un’inflazione più bassa, scenderà. Mutuo anche le tariffe.

revisione

Una versione precedente di questa storia affermava che l’IPC per i costi degli alloggi ha visto il suo aumento più grande dal 1991. È il più grande aumento dal 1990.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply