I salari reali del Regno Unito stanno scendendo a un ritmo record con l’aumento dell’inflazione

I dati dell’Office for National Statistics del Regno Unito pubblicati martedì hanno mostrato che i salari reali sono diminuiti a un ritmo record a giugno, mentre la disoccupazione è rimasta al suo livello.

Jason Alden/Bloomberg tramite Getty Images

LONDRA – I salari reali nel Regno Unito, che riflettono la forza degli stipendi dei dipendenti dopo aver tenuto conto dell’inflazione, sono diminuiti del 3% su base annua nell’ultimo trimestre, secondo i dati diffusi martedì dall’Office for National Statistics.

Mentre il salario medio – esclusi i bonus – è aumentato del 4,7% nel periodo aprile-giugno, secondo l’Office for National Statistics, il costo della vita sta aumentando a un ritmo più rapido e supera la crescita dei salari.

Ciò influisce sull’avanzamento dei salari nella vita quotidiana dei lavoratori, ha affermato Darren Morgan, direttore delle statistiche economiche presso l’Office for National Statistics.

Ha commentato: “Il valore reale dei salari continua a diminuire. Escludendo i bonus, sta ancora scendendo più velocemente che in qualsiasi momento da quando sono iniziati record comparabili nel 2001”.

L’aumento delle bollette energetiche e alimentari sta mettendo sotto pressione le famiglie nel Regno Unito. La crisi del costo della vita ha continuato ad attanagliare il Paese, con il potere d’acquisto dei consumatori in calo.

L’inflazione nel Regno Unito è salita al massimo da 40 anni del 9,4% a giugnoSi prevede un aumento di oltre il 13% entro ottobre. Il Banca d’Inghilterra Ha risposto all’aumento dei prezzi all’inizio di questo mese Alzare i tassi di interesse di 50 punti base all’1,75%. Il più grande aumento singolo in 27 anni.

L’inflazione e l’aumento dei prezzi sono le principali preoccupazioni per i lavoratori in questo momento, ha affermato Lauren Thomas, economista del Regno Unito presso il sito web per l’occupazione Glassdoor.

READ  L'Uzbekistan annulla i piani per limitare l'autonomia del Karakalpak dopo la protesta

“L’unica costante nel 2022 è il cambiamento e i prezzi alle stelle. Anche con un’elevata crescita salariale e un mercato del lavoro teso, i lavoratori stanno soffrendo con l’inflazione che emerge come il principale vincitore. Con i salari reali che scendono di un record del 3,0% grazie all’inflazione, il il costo della vita è una priorità per molti in cerca di lavoro.

I dati dell’Office for National Statistics hanno anche mostrato che la disoccupazione è rimasta stabile al 3,8%, mentre i posti di lavoro vacanti sono diminuiti nello stesso arco di tempo.

James Smith, economista di mercato avanzato presso ING, ha affermato che la Banca d’Inghilterra presterà molta attenzione sia alla crescita dei salari che al tasso di disoccupazione nel Regno Unito.

“La previsione ufficiale della Banca d’Inghilterra è per un aumento sostanziale del tasso di disoccupazione nei prossimi due anni, ma i politici cercheranno segnali che le aziende stiano ‘bundling’ il personale anche se i margini si riducono, tra le preoccupazioni sulla loro capacità di reimpiego nel futuro. Al momento ha uno slancio decente e il comitato sarà preoccupato che ciò possa continuare”, ha affermato.

Guardando al futuro, ciò potrebbe significare un forte aumento dei tassi di interesse da parte della Banca d’Inghilterra, aggiunge Smith:

“Per ora, riteniamo che non ci sia molto in questi ultimi numeri che impedirà alla BoE di aumentare nuovamente i tassi di 50 punti base a settembre, anche se siamo vicini alla fine del ciclo di stretta”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply