I razzi hanno colpito vicino a Odessa in Ucraina mentre è previsto un nuovo tentativo di evacuazione a Mariupol

  • I razzi cadono vicino al porto di Odessa
  • Nuovo tentativo di evacuazione pianificato nell’assedio di Mariupol
  • La Russia afferma che il progetto di accordo non è pronto per colloqui ad alto livello
  • Il negoziatore ucraino accenna ai colloqui tra Zelensky e Putin
  • Civili morti lungo le strade della città riconquistata vicino a Kiev

Odessa/Lviv, Ucraina, 3 aprile (Reuters) – (NdR: linguaggio offensivo al paragrafo 21)

I missili hanno colpito domenica vicino al porto di Odessa, nell’Ucraina meridionale, e la Russia ha affermato di aver distrutto una raffineria di petrolio utilizzata dall’esercito ucraino, mentre i tentativi di evacuazione delle persone dalla città devastata di Mariupol continueranno.

Ci sono stati pochi segni di una svolta negli sforzi per negoziare la fine della guerra di cinque settimane, anche se il capo negoziatore russo ha affermato che i colloqui dovrebbero riprendere lunedì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

E a Odessa, il consiglio comunale ha affermato che “strutture infrastrutturali critiche” sono state colpite dai missili. Non ci sono state notizie di feriti.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che i suoi attacchi militari hanno distrutto una raffineria di petrolio e tre impianti di stoccaggio di carburante vicino a Odessa. Ha aggiunto che le strutture sono state utilizzate per rifornire le forze ucraine vicino alla città di Mykolaiv.

Odessa, situata sul Mar Nero, è la base principale della Marina ucraina. È stato preso di mira dalle forze russe che cercavano un passaggio di terra in Transnistria, la provincia separatista di lingua russa della Moldova che ospita le forze russe.

“Il fumo è visibile in alcune aree della città. Tutti i sistemi e le strutture rilevanti stanno funzionando … Non sono state segnalate vittime”, ha detto a Telegram Vladislav Nazarov, un ufficiale del Comando delle operazioni meridionali dell’Ucraina.

READ  Il funerale della regina: rivelazione dei piani di sicurezza dei leader mondiali; Biden a partecipare

Dmytro Lunin, governatore della regione centrale di Poltava, ha detto che la raffineria di petrolio di Kremenchug, 350 km a nord est di Odessa, è stata distrutta sabato in un attacco missilistico separato. Per saperne di più

Gli sforzi di evacuazione dovevano continuare a Mariupol e nella vicina Berdyansk, entrambe sulla sponda meridionale dell’Ucraina, con un convoglio di autobus preparato per l’operazione con l’aiuto della Croce Rossa.

“Sette autobus cercheranno di avvicinarsi a Mariupol, accompagnati dal Comitato internazionale della Croce Rossa”, ha detto in un video online il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk.

Il CICR ha abbandonato i suoi precedenti tentativi per motivi di sicurezza. La Russia ha incolpato il CICR per il ritardo. Per saperne di più

Mariupol è l’obiettivo principale della Russia nella regione del Donbass, nel sud-est dell’Ucraina, e decine di migliaia di civili sono intrappolati con difficoltà di accesso a cibo e acqua. Per saperne di più

Discorsi di pace

Il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, ha affermato che il progetto di accordo non è pronto per alcun incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Per saperne di più

Sabato, il negoziatore ucraino David Arachhamiya ha espresso speranze per i negoziati con la Russia, affermando che sono stati compiuti progressi sufficienti per i colloqui diretti tra i due paesi.

Medinsky ha affermato che mentre l’Ucraina mostrava più realismo accettando di essere neutrale, rinunciando alle armi nucleari, non entrando a far parte di un blocco militare e rifiutandosi di ospitare basi militari, non ci sono stati progressi sulle altre richieste chiave della Russia.

“Ripeto ancora e ancora: la posizione della Russia su Crimea e Donbass rimane invariata”, ha detto tramite Telegram, aggiungendo che i colloqui video continueranno lunedì.

La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014 e ha riconosciuto le dichiarazioni di indipendenza delle autoproclamate repubbliche di Luhansk e Donetsk nella regione del Donbass dell’Ucraina orientale che si sono ribellate al governo di Kiev.

distruggi il boca

Sabato l’Ucraina ha affermato che le sue forze hanno ripreso tutte le aree intorno a Kiev, rivendicando il pieno controllo della regione della capitale per la prima volta da quando la Russia ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio.

La Russia ha ritirato le sue forze che avevano minacciato Kiev dal nord di riorganizzarsi per combattere battaglie nell’Ucraina orientale.

Non c’è stato alcun commento russo sull’affermazione che la regione di Kiev fosse interamente nelle mani dell’Ucraina, cosa che Reuters non ha potuto verificare immediatamente.

Il sindaco di Bucha, una città liberata a 37 chilometri (23 miglia) a nord-ovest della capitale, ha affermato che 300 residenti sono stati uccisi durante l’occupazione durata un mese dell’esercito russo, con vittime viste in una fossa comune e ancora sdraiate per strada. . Per saperne di più

“Bastardi!” Vasily, un uomo di 66 anni, ha pianto con rabbia mentre guardava più di una dozzina di corpi sulla strada fuori casa. “Mi dispiace. Il carro armato dietro di me stava sparando. Cani!”

Il Cremlino e il ministero della Difesa russo a Mosca non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento quando sono stati interrogati sabato sui corpi trovati a Bucha.

Mosca nega di prendere di mira i civili e respinge le accuse di crimini di guerra.

Tra i morti vicino a Kiev c’era Maxim Levin, un fotografo e videografo ucraino che lavorava per un sito di notizie e collaboratore di lunga data di Reuters. Per saperne di più

READ  Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato di essere rimasta sconvolta dalle atrocità a Bucha e ha espresso sostegno alle indagini della Corte penale internazionale su possibili crimini di guerra.

Il servizio di emergenza dell’Ucraina ha affermato che più di 1.500 esplosivi sono stati trovati in un giorno durante un’operazione di ricerca nel villaggio di Dmitrievka, a ovest della capitale.

“Stanno scavando in tutte queste terre. Le case vengono minate, le attrezzature vengono minate, persino i corpi dei morti”, ha avvertito Zelensky in un video. Non ha citato le prove. Per saperne di più

Il ministero della Difesa russo non ha risposto a una richiesta di commento sulle accuse sulle mine. Reuters non ha potuto verificarlo in modo indipendente.

Da quando ha lanciato quella che Putin chiama “operazione militare speciale” per disarmare e “disarmare” l’Ucraina, la Russia non è riuscita a catturare una sola grande città e ha invece imposto un blocco urbano, sradicando un quarto della popolazione del paese.

L’intelligence militare britannica ha affermato che le forze navali russe stavano assediando il Mar Nero e l’Azov, ma che l’opzione di uno sbarco anfibio era diventata sempre più irta di rischi per la Russia.

Ha affermato che le mine segnalate, la cui provenienza rimane poco chiara e controversa, rappresentano un serio rischio per la navigazione nel Mar Nero.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Simon Gardner, Zahra Bensemra e Abdelaziz Boumzar a Bucha, Ucraina Natalia Zinets a Mukachevo, Ucraina, Alessandra Prentice e Jay Faulconbridge a Londra, uffici Reuters. Montaggio di Stephen Coates, William Mallard e Frances Kerry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply