I prezzi del petrolio si stabilizzano al rialzo a causa delle preoccupazioni sull’offerta con l’avvicinarsi dell’inverno

Una pompa dell’olio IPC Petroleum France al tramonto fuori Sodron, vicino a Reims, Francia, 24 agosto 2022. REUTERS/Pascal Rossignol/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

NEW YORK (Reuters) – Lunedì i prezzi del petrolio si sono stabilizzati al rialzo, cancellando le deboli aspettative sulla domanda a causa dell’escalation dei timori sull’offerta con l’avvicinarsi dell’inverno.

I future sul greggio Brent sono aumentati di $ 1,16, o dell’1,3 percento, a $ 94,00 al barile. Il greggio US West Texas Intermediate ha chiuso in rialzo di 99 centesimi, o dell’1,1%, a $ 87,78.

Le scorte petrolifere di emergenza statunitensi sono diminuite di 8,4 milioni di barili a 434,1 milioni di barili nella settimana terminata il 9 settembre, il livello più basso dall’ottobre 1984, secondo i dati diffusi lunedì dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a marzo ha presentato un piano per rilasciare 1 milione di barili al giorno in un periodo di sei mesi dalla Strategic Petroleum Reserve per affrontare gli alti prezzi del carburante negli Stati Uniti, che hanno contribuito all’aumento dell’inflazione.

Il segretario all’energia Jennifer Granholm ha detto a Reuters la scorsa settimana che l’amministrazione Biden sta valutando la necessità di ulteriori rilasci di SPR dopo la fine del programma attuale in ottobre.

Le forniture globali di petrolio dovrebbero ridursi ulteriormente quando l’embargo dell’Unione Europea sul petrolio russo entrerà in vigore il 5 dicembre.

Il Gruppo dei Sette attuerà un tetto massimo del prezzo del petrolio russo per limitare i proventi delle esportazioni petrolifere del paese, nel tentativo di punire Mosca per aver invaso l’Ucraina, adottando misure per garantire il flusso continuo di petrolio verso i paesi emergenti. Leggi di più

READ  Futures Dow: il rialzo del mercato rallenta, le azioni BBBY scendono lì; È tempo di mordere le azioni Apple?

Tuttavia, il Tesoro degli Stati Uniti ha avvertito che il limite potrebbe portare a un aumento dei prezzi del petrolio e della benzina negli Stati Uniti questo inverno.[nL1N30I0BQ[nL1N30I0BQ .][nL1N30I0BQ[nL1N30I0BQ

La Commissione europea svelerà mercoledì un pacchetto di misure per aiutare le società energetiche ad affrontare la crisi di liquidità. Leggi di più

Francia, Gran Bretagna e Germania hanno dichiarato sabato di avere “seri dubbi” sulle intenzioni dell’Iran di rilanciare l’accordo nucleare. La mancata ripresa dell’accordo del 2015 manterrà il petrolio iraniano fuori dal mercato e le forniture globali limitate. Leggi di più

Tra le notizie più negative per i mercati, la domanda cinese di petrolio potrebbe contrarsi per la prima volta in due decenni quest’anno, poiché la politica anti COVID di Pechino tiene le persone al chiuso durante le vacanze e riduce il consumo di carburante. Leggi di più

“I continui venti contrari dalle rinnovate restrizioni sui virus della Cina e dall’ulteriore moderazione delle attività economiche globali potrebbero ancora sollevare alcune riserve su un rally più sostenibile”, ha affermato Jun Rong Yip, market strategist di IG.

Anche la produzione petrolifera interna degli Stati Uniti è destinata a crescere nei prossimi mesi. La US Energy Information Administration ha affermato nel suo rapporto che la produzione di petrolio nel bacino del Permiano in Texas e New Mexico, il più grande bacino di petrolio di scisto degli Stati Uniti, aumenterà di 66.000 barili al giorno fino a un massimo record di 5,413 milioni di barili al giorno. giorno di ottobre. Rapporto sulla produttività del lunedì.

Nel frattempo, la Banca centrale europea e la Federal Reserve statunitense sono pronte ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse per contrastare l’inflazione, il che potrebbe rafforzare la valuta statunitense e rendere il petrolio denominato in dollari più costoso per gli investitori.

READ  Azioni e petrolio inciampano mentre le preoccupazioni per la recessione hanno compensato l'allentamento dei voti in Francia

“Un dollaro forte agirà da correlazione inversa con le materie prime quotate in dollari ed è probabile che agisca da freno ai guadagni al rialzo del mercato energetico”, ha affermato Bob Yoger, direttore dei contratti futures sull’energia di Mizuho.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Laura Sanicola a New York Segnalazione aggiuntiva di Noah Browning, Florence Tan e Jeslyn Lear; Montaggio di Deepa Babington e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply