I missili russi hanno colpito il porto dell’Ucraina; Kiev dice che si sta ancora preparando ad esportare grano

  • L’Ucraina ha detto che due missili hanno colpito l’area di una stazione di pompaggio del grano
  • Il ministro ha affermato che l’Ucraina continua a prepararsi per l’esportazione di grano
  • Mosca e Kiev hanno firmato venerdì un accordo di esportazione di grano
  • L’accordo ha cercato di evitare una grave crisi alimentare

Kiev (Reuters) – I missili russi hanno colpito sabato il porto di Odessa, nel sud dell’Ucraina, hanno detto l’esercito ucraino, minacciando un accordo firmato solo il giorno prima per revocare il divieto alle esportazioni di grano dai porti del Mar Nero e alleviare la carenza di cibo globale indotta dalla guerra.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto lo sciopero come una palese “barbarie” che ha mostrato che non ci si poteva fidare di Mosca per attuare l’accordo. Tuttavia, la radio pubblica Suspilne ha citato l’esercito ucraino dicendo che i missili non hanno causato danni significativi e un ministro del governo ha affermato che i preparativi sono continuati per la ripresa delle esportazioni di grano dai porti del Mar Nero.

L’accordo firmato venerdì da Mosca e Kiev mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia è stato salutato come un importante progresso dopo quasi cinque mesi di combattimenti da quando la Russia ha invaso il suo vicino. È considerato fondamentale per frenare l’aumento dei prezzi alimentari globali consentendo le esportazioni di grano dai porti del Mar Nero, inclusa Odessa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Gli scioperi a Odessa hanno suscitato una forte condanna da parte delle Nazioni Unite, dell’Unione Europea, degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, della Germania e dell’Italia. Venerdì, i funzionari delle Nazioni Unite hanno affermato di sperare che l’accordo sarebbe entrato in vigore entro poche settimane. Leggi di più

Il ministro della Difesa turco ha detto che funzionari russi avevano detto ad Ankara che Mosca “non aveva niente a che fare” con gli scioperi. Né le dichiarazioni del ministero della Difesa russo né il riassunto serale dell’esercito si riferivano agli attacchi missilistici a Odessa. Il ministero non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

READ  Casi Covid, booster vaccinali e notizie BA.2: aggiornamenti in tempo reale

Due missili russi Kalibr hanno colpito l’area della stazione di pompaggio del porto. Le forze di difesa aerea ne hanno abbattute altre due, secondo l’esercito ucraino. Un portavoce dell’aviazione ucraina, Yuri Ignat, ha affermato che i missili sono stati lanciati da navi da guerra nel Mar Nero vicino alla Crimea.

Suselny ha citato il comando militare meridionale dell’Ucraina che ha affermato che l’area di stoccaggio del grano del porto non era stata bombardata.

“Purtroppo ci sono feriti. L’infrastruttura portuale è stata danneggiata”, ha detto il governatore della regione di Odessa Maxim Marchenko.

Ma il ministro delle Infrastrutture Oleksandr Kobrakov ha dichiarato su Facebook: “Stiamo continuando i preparativi tecnici per il lancio delle esportazioni di prodotti agricoli dai nostri porti”.

passaggio sicuro

Lo sciopero sembrava violare l’accordo di venerdì, che consentirebbe un passaggio sicuro da e verso i porti ucraini.

“Se qualcuno nel mondo potesse dire prima che sarebbe necessario un qualche tipo di dialogo con la Russia, una sorta di accordo, guarda cosa succede”, ha detto Zelensky in un video a tarda notte.

Ha promesso di fare tutto il possibile per ottenere sistemi di difesa aerea in grado di abbattere missili come quello che ha colpito Odessa.

“Questo attacco mette in dubbio la credibilità dell’impegno della Russia per l’accordo di ieri”, ha dichiarato il segretario di Stato americano Anthony Blinken in una nota.

“La Russia ha la responsabilità di approfondire la crisi alimentare globale e deve fermare la sua aggressione”, ha aggiunto.

Un portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha “inequivocabilmente condannato” gli scioperi, aggiungendo che la piena attuazione dell’accordo era imperativa.

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha dichiarato in una nota: “I russi ci hanno detto che non avevano assolutamente nulla a che fare con questo attacco… Il fatto che un incidente del genere sia avvenuto dopo l’accordo che abbiamo preso ieri ci preoccupa davvero”.

L’Ucraina ha estratto le acque vicino ai suoi porti come parte delle sue difese belliche, ma in base all’accordo, i piloti guideranno le navi lungo canali sicuri. Leggi di più

Il Joint Coordination Center (JCC), composto da membri di tutte e quattro le parti dell’accordo, controllerà le navi in ​​transito dal Mar Nero allo Stretto del Bosforo in Turchia e destinate ai mercati mondiali. Tutte le parti hanno convenuto venerdì che non ci sarebbero stati attacchi a queste entità.

Sputare in faccia

“Il missile russo è (il presidente russo) lo sputo in faccia di Vladimir Putin” di Guterres e del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato su Facebook il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko.

Mosca ha negato la responsabilità della crisi alimentare, incolpando le sanzioni occidentali per il rallentamento delle esportazioni di cibo e fertilizzanti e l’Ucraina per l’estrazione mineraria dei suoi porti.

Il blocco imposto dalla flotta russa del Mar Nero ai porti ucraini dopo l’invasione di Mosca il 24 febbraio ha portato al sequestro di decine di milioni di tonnellate di grano e all’arenamento di molte navi.

Ciò ha esacerbato i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento globale. In combinazione con le sanzioni occidentali alla Russia, ciò ha alimentato l’inflazione dei prezzi di cibo ed energia. La Russia e l’Ucraina sono i principali fornitori globali di grano e la crisi alimentare globale ha spinto quasi 47 milioni di persone a una “grave fame”, secondo il Programma alimentare mondiale.

READ  Alibaba guida un forte calo delle azioni Internet cinesi mentre si avvicina al mese peggiore da novembre

Funzionari delle Nazioni Unite hanno affermato che l’accordo riporterà le spedizioni di grano dai tre porti riaperti ai livelli prebellici di cinque milioni di tonnellate al mese. Leggi di più

Sabato, il Dipartimento di Stato americano ha confermato la recente uccisione di americani nella regione ucraina del Donbass, ma ha rifiutato di fornire dettagli. Leggi di più

Una delegazione del Congresso degli Stati Uniti che ha incontrato Zelensky a Kiev ha promesso un sostegno continuo. Adam Smith, presidente della House Armed Services Committee, avrebbe detto a Radio Free Europe/Radio Liberty che Washington e i suoi alleati mirano a fornire più sistemi missilistici a lancio multiplo.

Il governatore della regione ha affermato che tre persone sono rimaste uccise quando 13 missili russi hanno colpito una base aerea militare e un’infrastruttura ferroviaria nella regione di Kirovohrad, nell’Ucraina centrale.

Un funzionario ucraino ha affermato che l’Ucraina ha colpito un ponte nella regione occupata di Kherson sul Mar Nero, prendendo di mira una rotta di rifornimento russa. L’agenzia di stampa russa TASS ha affermato che il vice capo dell’autorità regionale installata dalla Russia ha affermato che il ponte è stato colpito ma era ancora operativo. Leggi di più

Zelensky ha detto sabato scorso che le forze ucraine si stavano muovendo “passo dopo passo” nella regione orientale di Kherson, che la Russia si era impadronita all’inizio della guerra.

Putin ha definito la guerra una “operazione militare speciale” e ha affermato che mirava a disarmare l’Ucraina e sradicare pericolosi nazionalisti. Kiev e l’Occidente lo chiamano un pretesto infondato per un’aggressiva presa di terra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Natalia Zenets a Kiev e Tom Balmforth a Londra e uffici Reuters). Scritto da Jacob Groenholt Pedersen e Matt Spitalnik; Montaggio di Frances Kerry, Louise Heavens, Grant McCall e David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply