I lavoratori di Amazon a New York rifiutano i sindacati in considerazione della ricchezza

New York (AFP) – I lavoratori di Amazon in un magazzino a Staten Island, nella città di New York, hanno rifiutato in modo schiacciante un’offerta sindacale lunedì, infliggendo un duro colpo alle autorità di regolamentazione che il mese scorso hanno lanciato il primo sforzo normativo statunitense di successo nella storia del gigante dell’e-commerce.

Questa volta, i magazzinieri hanno espresso 618 voti – o circa il 62% – contro il sindacato, dando ad Amazon abbastanza sostegno per evitare una seconda vittoria dei lavoratori e chiedendosi se la prima vittoria sia stata solo un colpo di fortuna.

Secondo il National Labor Relations Board, che sovrintende al processo, 380 lavoratori – o il 38% – hanno votato per l’Unione popolare. L’affluenza alle urne è stata del 61%, con circa 1.600 lavoratori aventi diritto al voto, secondo una lista degli elettori fornita da Amazon.

I pochi voti contestati dalla società o dal nascente sindacato dei lavoratori di Amazon, che ha guidato lo sforzo normativo, non sono stati sufficienti per influenzare il risultato. Le parti hanno tempo fino a lunedì prossimo per presentare obiezioni. Seth Goldstein, un avvocato sindacale che fornisce assistenza legale gratuita al gruppo, ha affermato che l’ALU sta valutando se opporsi.

La portavoce di Amazon Kelly Nantel ha detto che la società è felice che i lavoratori nel magazzino “abbiano fatto sentire la loro voce”.

“Non vediamo l’ora di continuare a lavorare insieme direttamente mentre ci sforziamo di rendere ogni giorno migliore per i nostri dipendenti”, ha affermato Nantel.

Un’elezione separata il mese scorso ha regalato all’ALU una vittoria a sorpresa Quando i lavoratori di una struttura diversa a Staten Island hanno votato per i sindacati. Questo è stato il primo del suo genere per Amazon a Seattle negli Stati Uniti

READ  Ford spedisce e vende veicoli incompleti con chip mancanti

Per la Federazione la sconfitta di lunedì sarà sicuramente dolorosa. La seconda vittoria dei lavoratori avrebbe dovuto portare a una maggiore regolamentazione nel secondo datore di lavoro più grande del paese e aumentare il potere e l’influenza dell’ALU.

Ma nonostante lo slancio dopo la prima vittoria, non era chiaro se il gruppo sarebbe stato in grado di replicare il proprio successo. Gli organizzatori hanno affermato di aver perso un po’ di sostegno nel magazzino dopo essersi candidati alle elezioni di febbraio perché hanno indirizzato più energia in una struttura vicina che ha votato per aderire a un sindacato il mese scorso. C’erano anche meno organizzatori che lavoravano nel magazzino – quasi 10 rispetto ai circa 30 dipendenti che lavoravano nell’altro magazzino.

Alcuni esperti ritengono che i lavoratori part-time, su cui le autorità di regolamentazione affermano che la struttura più piccola fa molto affidamento, probabilmente offriranno meno sostegno sindacale perché potrebbero avere altre fonti di reddito al di fuori di Amazon.

Può anche essere difficile organizzare i lavoratori part-time perché “non si preoccupano molto di migliorare il posto di lavoro” e “potrebbero avere meno probabilità di avere relazioni solide con i colleghi”, ha affermato Kate Andreas, professoressa di giurisprudenza alla Columbia University ed esperto di diritto del lavoro.

Nonostante la sconfitta, Chris Smalls, il lavoratore Amazon licenziato che guida l’ALU, ha scritto lunedì su Twitter di essere orgoglioso degli organizzatori che hanno preso parte, dicendo che hanno affrontato una sfida più dura dopo la precedente vittoria del gruppo.

“Non cambia nulla che organizziamo!” Smalls ha twittato. “Non scoraggiarti, non essere triste e sconvolto e parla con i tuoi colleghi”

READ  Questi tre titoli bancari possono "fare fortuna" a tassi più elevati

Gli stessi ostacoli che hanno colpito lo sforzo la prima volta, comprese le tattiche anti-sindacali aggressive di Amazon, sono tornati. In vista delle elezioni, Amazon ha continuato a tenere riunioni obbligatorie per persuadere i suoi lavoratori a rifiutare gli sforzi sindacali, ha pubblicato volantini anti-sindacali e ha lanciato un sito web in cui esortava i lavoratori a “votare no”.

Goldstein, un avvocato che lavora con l’ALU, sostiene che Amazon ha intensificato la sua campagna di “sfondamento dei sindacati” dopo le ultime elezioni, disciplinando i regolatori per il coinvolgimento in attività sindacali e impedendo loro di esporre uno striscione pro-sindacato nella sala pausa. Il sindacato si oppone anche all’uso da parte del rivenditore di riunioni antisindacali obbligatorie per i suoi lavoratori. L’NLRB ha consentito alle aziende di autorizzare tali incontri, ma il procuratore generale del Consiglio del lavoro sta attualmente cercando di farli uscire dalla legge.

Kent Wong, direttore del Center for Action presso l’Università della California, ha previsto che ci saranno battute d’arresto e vittorie nella regolamentazione di Amazon. E si oppose con Starbucks, dove molti negozi hanno votato per formare sindacati. Wong ha notato che il fatturato notoriamente elevato di Amazon rende difficile l’organizzazione e che, a differenza delle singole sedi Starbucks, con da 15 a 20 dipendenti, ci sono molti più lavoratori in ogni magazzino Amazon che devono essere persuasi a formare un sindacato.

“Questa battuta d’arresto non fermerà lo slancio”, ha detto Wong. “Ma se Amazon può bloccarne tre, quattro o cinque di fila, sarà un messaggio per gli altri lavoratori Amazon e sarà davvero difficile”.

John Logan, direttore degli studi sul lavoro e sull’occupazione presso la San Francisco State University, ha affermato di non essere del tutto sorpreso dalla perdita del sindacato. Ha detto che pensava che l’ALU fosse allungato. Ha detto che una seconda vittoria sindacale avrebbe rafforzato la posizione del sindacato, ma i risultati sono stati per molti versi più importanti per Amazon rispetto al nascente gruppo imprenditoriale.

READ  Azioni in crisi trovano supporto poiché i timori di crescita pesano sulle materie prime di Reuters

“La seconda sconfitta avrebbe potuto essere fatale per gli sforzi dell’azienda per impedire che il regolamento si diffondesse a macchia d’olio, proprio come è successo a Starbucks”, ha affermato Logan. Ma ha notato che non c’è dubbio che “la campagna di regolamentazione dell’ALU continuerà e che l’attività lavorativa in Amazon continuerà a diffondersi in tutto il paese”.

Andreas ha affermato di ritenere che la perdita “evidenzi problemi fondamentali nel diritto del lavoro e la misura in cui i datori di lavoro possono esercitare un potere coercitivo sui lavoratori durante le campagne sindacali”.

Anche dopo aver ottenuto la vittoria, è ancora una battaglia in salita. Amazon si è opposta alle prime elezioni organizzate dall’ALU, sostenendo in un deposito presso l’NLRB che il voto è stato contaminato dagli organizzatori e dall’ufficio regionale di Brooklyn del consiglio di amministrazione che ha supervisionato le elezioni. La società afferma di volere nuove elezioni, ma i sindacalisti ritengono che sia un tentativo di ritardare le negoziazioni contrattuali e che possa smorzare un po’ di slancio normativo. Un ufficio regionale NLRB separato nel sud-ovest terrà un’audizione alla fine di questo mese sulle obiezioni della società.

Nel frattempo, il risultato finale è arrivato in un’elezione sindacale separata a Bessemer, in Alabama, è ancora in sospeso con 416 schede elettorali dell’opposizione in bilico. Le udienze per la revisione di queste schede elettorali dovrebbero iniziare nelle prossime settimane.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply