I grafici indicano che il recente boom delle materie prime diminuirà nel lungo periodo

Jim Cramer della CNBC ha dichiarato mercoledì che mentre il mercato delle materie prime potrebbe vedere un trend rialzista a breve termine, alla fine andrà giù a lungo termine.

“I grafici, interpretati da Carly Garner, indicano che il recente boom delle materie prime non è lungo per il mondo. E dice che possiamo ancora vedere qualche rialzo a breve termine… ma a lungo termine, pensa che questo toro sia in procinto di essere massacrato”, Il “soldi matti‘ disse l’ospite.

“Quando le merci vengono rivolte contro di te, tendono a diventare davvero brutte, molto velocemente”, ha aggiunto.

Prima di entrare nell’analisi di Garner, Cramer ha fornito agli investitori alcune informazioni sul mercato delle materie prime che è importante conoscere:

  • La storia mostra che i guadagni delle materie prime sono temporanei. Questo perché le materie prime non hanno dividendi o riacquisti come le azioni della società, ha affermato. “Questo lo rende molto poco attraente per gli investitori a lungo termine, invece è una calamita per i trader a breve termine”.
  • Per lo stesso motivo sopra menzionato, i mercati delle materie prime tendono ad essere altamente volatili.
  • Ogni rally delle materie prime è fondamentalmente un crollo delle materie prime in attesa di verificarsi. “Questo perché i produttori di materie prime come agricoltori e minatori tendono ad aumentare la produzione quando i prezzi delle materie prime sono alti, secondo Cramer. I prezzi scendono di nuovo quando più offerta entra nel mercato, soprattutto se la Federal Reserve rallenta l’economia per controllare l’inflazione, ” ha detto. .

Entrando nelle singole merci, Kramer iniziò la sua discussione con il petrolio. Ha esaminato il grafico mensile dei future sul greggio West Texas Intermediate risalenti a tre decenni fa.

READ  Ecco cosa include il divieto di mining di Bitcoin di New York

Cramer ha affermato che il petrolio non ha funzionato bene per anni e probabilmente continuerà a diminuire se non fosse stato per la pandemia di Covid e l’invasione russa dell’Ucraina, secondo Garner.

Garner prevede che i prezzi del petrolio saranno più vicini all’equilibrio a lungo termine – tra le due linee orizzontali nere sul grafico – una volta che l’attuale shock dell’offerta svanirà.

“Certo, è a lungo termine”, ha detto Cramer. “Non sta dicendo che accadrà subito… Probabilmente c’è un altro vantaggio per il petrolio. Vuole solo che tu capisca che le materie prime possono diminuire rapidamente man mano che salgono. “

Per ulteriori analisi, guarda il video esplicativo completo di Kramer di seguito.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply