I futures azionari scendono, il Nasdaq si dirige verso l’ottava sessione negativa tra i timori che la Fed continuerà ad aumentare in modo aggressivo i tassi di interesse

Mercoledì i futures azionari sono rimasti piatti poiché gli investitori temevano che la Federal Reserve avrebbe aumentato nuovamente i tassi di interesse a settembre nel tentativo di domare l’inflazione elevata.

I futures legati al Dow Jones Industrial Average sono scesi di 54 punti, rinunciando ai guadagni precedenti. Anche i futures S&P 500 sono scesi, in leggero calo dello 0,22%, e i futures Nasdaq 100 sono scesi dello 0,23%. Se lo slittamento continua nel giorno di negoziazione, potrebbe essere l’ottava sessione negativa consecutiva per l’indice Nasdaq Composite.

Le azioni sono scese in territorio negativo dopo a L’articolo del Wall Street Journal ha suggerito L’impegno del presidente della Fed Jerome Powell a ridurre l’inflazione potrebbe significare che la banca centrale aumenta i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali a settembre, il che sarebbe il terzo aumento consecutivo di tale entità. I mercati speravano che la Fed iniziasse a distribuire tagli minori di 0,5 punti percentuali, o 0,25 punti percentuali, a partire da settembre, ma Il prezzo ha ora una probabilità dell’86%, in aumento di 0,75 punti percentuali.

Le azioni hanno raggiunto il minimo di tre settimane martedì. Il Dow Jones è sceso di circa 173 punti, ovvero lo 0,5%, e l’S&P 500 è sceso dello 0,4%. L’indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,7%, registrando la prima serie di sette giorni di sconfitte dal 2016.

Le mosse sono arrivate in mezzo a un’impennata dei rendimenti obbligazionari che ha visto il rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni salire al livello più alto da giugno. Il prezzo dei Treasury a 30 anni ha chiuso al livello più alto dal 2014. I rendimenti obbligazionari si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi. I prezzi sono stati leggermente inferiori mercoledì, con il 10 anni scambiato al 3,321%. I rendimenti a 2 e 30 anni vengono scambiati rispettivamente al 3,47% e al 3,472%.

READ  La Fed dice che il tasso di disoccupazione aumenterà. Ecco chi dicono gli economisti perderà prima il lavoro.

Gli investitori sono divisi su come affrontare il mercato poiché la prima settimana dopo il Labor Day di settembre entra in un mese difficile per le azioni. Tutti gli occhi sono puntati sul livello 3900 dell’S&P 500. Alcuni vedono l’indice scendere ai suoi minimi, mentre altri sono rialzisti su un rally di fine anno.

Emmanuel Kao di Barclays ha scritto in una nota mercoledì: “Con le azioni che tornano ai livelli più bassi a giugno e i tassi di interesse reindirizzati verso l’alto, un ulteriore allentamento dell’inflazione combinato con un intervento decisivo del governo dell’UE per affrontare la crisi energetica potrebbe portare a un’altra pressione al ribasso .”. “Il quadro generale, riteniamo che le azioni rimangano in una posizione difficile, visti i deboli compromessi per la politica di crescita”.

Mercoledì, la Federal Reserve presenterà il suo riepilogo delle attuali condizioni economiche, noto anche come libro beige. Altrove, i presidenti della Fed Loretta Meester di Cleveland e Tom Barkin di Richmond, così come il vicepresidente della Fed Lyle Brainard, parleranno a vari eventi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply