I funzionari statunitensi cercano di salvare il grano ucraino senza una buona soluzione al blocco delle esportazioni russe

L’azione degli Stati Uniti per aprire vie di terra al grano per raggiungere i paesi vicini, portare container nel paese e attuare cambiamenti a lungo termine volti a ridurre la dipendenza globale dal grano ucraino potrebbe avere un impatto collettivo sulla crisi. Ma questi sforzi sono visti da molti come soluzioni marginali a un problema molto più grande che non può essere completamente risolto fino a quando la Russia non allenterà il suo blocco, in particolare il porto più grande dell’Ucraina a Odessa, che è stato circondato per mesi da navi da guerra russe.

“Da una prospettiva pratica, l’unica opzione è ancora provare a vedere come viene revocato l’embargo su Odessa”, ha detto martedì alla Galileus Web il ministro degli Esteri lituano Gabrieleus Landsbergis. “Ogni opzione dovrebbe essere esplorata e, se possibile, dovrebbe essere utilizzata… ma sfortunatamente, senza esplorare e portare avanti l’opzione Odessa, non credo che ci sia altro modo.”

“Se i russi non lo permetteranno, noi, come comunità globale, dobbiamo trovare una soluzione su come farlo senza un accordo russo”, ha detto Landsbergis.

Le Nazioni Unite e i funzionari turchi si stanno preparando per cicli separati di colloqui diplomatici con Mosca che si sono uniti su un nuovo piano per cercare di aprire rotte marittime al grano ucraino, hanno detto fonti.

Nel frattempo, milioni di tonnellate di grano rimangono bloccate in Ucraina, immagazzinate in silos e nel porto di Odessa, facendo salire i prezzi alimentari globali che probabilmente peggioreranno con il protrarsi della guerra. L’Ucraina è il quarto esportatore mondiale di mais e il quinto esportatore di grano, secondo il Ministero degli Affari Esteri, e il Programma delle Nazioni Unite per combattere l’insicurezza alimentare acquista circa la metà del suo grano dall’Ucraina ogni anno.

come la CNN Ho accennato la scorsa settimanaSembra che la Russia stia intensificando i suoi sforzi per rubare grandi quantità di grano ucraino.

Un diplomatico europeo ha affermato che l’attenzione alla ricerca di una soluzione per far uscire milioni di tonnellate di grano via mare, nonostante le complicazioni, è comprensibile: ci vorrebbero circa cinque mesi in nave contro 18-24 mesi in treno.

E il tempo stringe, con i silos attualmente pieni e più grano in arrivo in autunno.

“In qualche modo presto peggiorerà”, ha detto il diplomatico. “Non c’è niente che risolva completamente il problema.”

I funzionari statunitensi hanno cercato modi alternativi per esportare almeno parte del raccolto dell’Ucraina, compresi i trasporti ferroviari e gli autotrasporti attraverso le parti occidentali del paese e l’utilizzo di porti marittimi al di fuori dell’Ucraina. Oltre a esplorare le opzioni per le forniture tampone, stanno prendendo in considerazione misure come insegnare ad altri paesi come utilizzare i fertilizzanti in modo più efficace in modo che possano coltivare più prodotti agricoli a livello locale a lungo termine, hanno affermato i funzionari dell’amministrazione.

Affrontare militarmente l’embargo russo sarebbe un compito complesso e qualcosa che rischierebbe un’escalation con la Russia che l’amministrazione Biden ha cercato di evitare. Il generale Mark Milley degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti martedì che, poiché le rotte marittime “sono bloccate dalle mine e dalla marina russa, aprirle per consentire le esportazioni sarebbe un’operazione militare ad alto rischio che richiederebbe livelli di sforzo significativi. ”

READ  La televisione di stato russa ha ammesso che l'esercito di Vladimir Putin era completamente imbarazzato nella guerra in Ucraina

L’ambasciatore degli Stati Uniti alla NATO Julian Smith ha detto ai giornalisti mercoledì che non vedeva nemmeno un ruolo per la NATO.

“Non prevedo alcun ruolo per la NATO ad oggi”, ha detto Smith. “Siamo a un punto in cui siamo aperti a vedere i paesi interagire con Mosca, ma ciò che ci scoraggia è che non vi è alcuna indicazione che la Russia stia prendendo sul serio tutto questo o stia negoziando in buona fede”.

“Dato il comportamento russo in questi negoziati (durante il conflitto), penso che siamo scettici sul fatto che a questo punto porterà a una sorta di grande svolta”, ha aggiunto.

Lunedì il presidente russo Vladimir Putin ha parlato al telefono con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Secondo una dichiarazione del Cremlino, Putin ha detto che Mosca sosterrà l’esportazione di grano ucraino “senza ostacoli”. Putin ha anche affermato che la Russia è pronta a “esportare grandi quantità di fertilizzanti e prodotti agricoli” – se le sanzioni occidentali verranno revocate, secondo una lettura del Cremlino.

Il 29 settembre 2021 il presidente russo Vladimir Putin incontra il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan a Sochi.

Vi è una forte opposizione alla revoca delle sanzioni per facilitare l’apertura dei porti. Non era solo l’inizio, ha detto questa settimana alla Galileus Web il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto, un sentimento ripreso dai funzionari statunitensi.

Landsbergis ha detto alla CNN che i russi credono di avere leva impedendo alle navi di attraversare in sicurezza il Mar Nero e che il mondo deve chiarire che non è così.

Canali diplomatici

La Turchia giocherà probabilmente un ruolo importante nell’intermediazione di qualsiasi potenziale soluzione al blocco, poiché il paese controlla le rotte in entrata e in uscita dal Mar Nero.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha dichiarato martedì che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov prevede di visitare la Turchia l’8 giugno per discutere la creazione di un corridoio marittimo per le esportazioni ucraine.

L’alto funzionario dell’amministrazione Biden afferma che gli Stati Uniti sostengono qualsiasi sforzo diplomatico con la Russia, sebbene la Casa Bianca dubiti che i colloqui con la Turchia porteranno a una svolta.

I funzionari delle Nazioni Unite sperano in un possibile accordo e hanno elaborato un piano per trasportare il grano da Odessa attraverso il Mar Nero, e un diplomatico delle Nazioni Unite ha affermato che i turchi hanno sostenuto l’idea. Martin Griffiths, diplomatico britannico e sottosegretario delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, discuterà di questo piano durante la sua visita a Mosca questa settimana.

Martedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato su Twitter che l’Ucraina sta lavorando a “un’operazione internazionale guidata dalle Nazioni Unite con flotte di partner che garantirà una rotta commerciale sicura senza rischi per la sicurezza”.

Il 26 aprile 2022 il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov partecipa a un incontro con il Segretario generale delle Nazioni Unite a Mosca.

Ma i diplomatici statunitensi ed europei hanno affermato che l’idea di utilizzare la marina internazionale per proteggere gli sforzi delle Nazioni Unite non è stata ancora sviluppata ed è improbabile che accada ancora. Landsbergis ha osservato che qualsiasi sforzo delle Nazioni Unite che richieda l’approvazione del Consiglio di sicurezza rischia di fallire a causa dell’appartenenza della Russia al Consiglio.

READ  La Russia invade l'Ucraina, Zelensky si rivolge al Parlamento australiano

“Al momento non vedo grandi marine della NATO in fila per farlo”, ha detto un diplomatico europeo. “Sembra che l’idea non sia sufficientemente matura”.

strade selvagge

Sarà anche difficile reindirizzare il flusso delle spedizioni di grano dall’Ucraina, dal momento che l’intera infrastruttura è stata predisposta per trasportare il grano a sud verso i grandi porti del Paese lungo il Mar Nero, che sono attualmente circondati da navi da guerra russe.

Qualsiasi rotta terrestre che i funzionari statunitensi ed europei prendano in considerazione per le esportazioni dovrebbe essere vista come una “soluzione transitoria”, ha affermato Caitlin Welch, direttore del Global Food Security Program presso il Center for Strategic and International Studies.

Senza molti progressi nel Mar Nero, i funzionari statunitensi stavano propagandando la possibilità che le rotte via terra potessero aiutare ad alleviare il problema del grano, almeno in una certa misura.

La nave da carico generale Medusa S carica di grano, diretta in Turchia, al terminal del grano UkrTransAgro LLC al porto di Mariupol a Mariupol, Ucraina, giovedì 13 gennaio 2022.

All’udienza del Senato della scorsa settimana, il candidato di Biden come prossimo capo del comando degli Stati Uniti in Europa, il generale Chris Cavoli, ha indicato che rotte alternative per le esportazioni includono la ferrovia nazionale tedesca e un porto rumeno che attraversa parte del Mar Nero. Nessun blocco della Marina russa.

Un altro funzionario dell’amministrazione ha affermato che le strade stradali europee offrono un certo potenziale per alleviare l’impasse. “C’è un ampio riconoscimento che questo è probabilmente il modo più veloce per affrontare almeno alcune delle esportazioni di riserva”, ha affermato il funzionario.

Il funzionario ha osservato che le Nazioni Unite hanno aggiornato le sue previsioni di esportazione per l’Ucraina di un milione o mezzo milione di tonnellate il mese prossimo, basandosi esclusivamente sul lavoro già svolto con gli europei per espandere gli aspetti ferroviari e dei camion.

Tuttavia, le rotte via terra non sono prive di complicazioni e, secondo il ministro degli Esteri lituano, è improbabile che alcune di esse siano soluzioni praticabili.

La rotta attraverso la Bielorussia verso la Lituania, ad esempio, non è una buona opzione, ha detto Landsbergis, perché attraverserebbe terre governate dall’alleato di Putin e dal vecchio dittatore Alexander Lukashenko, che potrebbe richiedere concessioni per consentire il trasporto sicuro del grano. Ha aggiunto che il percorso ferroviario attraverso la Polonia non è praticabile a causa delle diverse scartature delle ferrovie.

Fornire all’Ucraina meccanismi di stoccaggio temporaneo, come scatole e sacchi, è anche un modo per salvare il raccolto di quest’anno in Ucraina, poiché le strutture di stoccaggio del paese stanno attualmente raggiungendo la capacità. Un funzionario dell’amministrazione ha affermato che il deposito temporaneo potrebbe essere utilizzato anche per aiutare a spostare il grano su camion e treni fuori dal paese.

READ  L'Ucraina è stata colpita da un attacco informatico mentre gli Stati Uniti mettono in dubbio il ritiro delle truppe russe

Questi sforzi arrivano quando il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha presentato il mese scorso alle Nazioni Unite un piano completo che gli Stati Uniti stanno cercando di implementare che include passaggi come il tentativo di collegare i paesi che sono i principali produttori agricoli con i paesi che hanno bisogno di questi prodotti. Blinken ha detto mercoledì che la Russia sta rischiando “ciò che resta della sua reputazione” non facendo uscire cibo dai porti ucraini, ma non ha menzionato alcun costo aggiuntivo che gli Stati Uniti erano disposti a imporre alla Russia per quello che ha definito un “blocco efficace”. ” ”

“Cerca di stabilire relazioni con i paesi di tutto il mondo, compresi molti paesi che ora sono vittime dell’aggressione russa a causa della crescente insicurezza alimentare derivante da questa aggressione”, ha affermato Blinken in una conferenza stampa congiunta con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Effetti a lungo termine

Preoccupata per l’impatto a lungo termine della guerra in Ucraina, l’amministrazione Biden sta anche valutando come motivare gli agricoltori americani a produrre più grano e altri prodotti agricoli che ora scarseggiano in tutto il mondo. Ma queste mosse non avranno la capacità di aumentare la produzione quest’estate, perché la stagione della semina è passata.

I funzionari hanno affermato che l’amministrazione sta guardando anche ad altri stati, anche per aiutare a insegnare loro come utilizzare i fertilizzanti in modo più efficace per far crescere più imprese agricole. I fertilizzanti scarseggiano a livello globale perché la Russia è stata tradizionalmente un importante esportatore di colture fortificanti del suolo.

Se gli sforzi per insegnare ai paesi come utilizzare i fertilizzanti in modo più efficiente avranno successo nei paesi che dipendono dalle importazioni di grano ucraino, ciò potrebbe aumentare la loro produzione di grano.

“Esistono diversi tipi di fertilizzanti e l’uso eccessivo di fertilizzanti è un problema”, ha affermato un funzionario dell’amministrazione, aggiungendo che l’amministrazione sta valutando la possibilità di lavorare con altri paesi e di fornire assistenza tecnica. “Se non ne fai un uso eccessivo, ottieni effettivamente raccolti migliori e mantieni il fertilizzante”.

Qualunque cosa accada, è improbabile che le esportazioni di grano dell’Ucraina rimbalzino ai livelli prebellici in tempi brevi. Welch, un esperto del CSIS, ha spiegato che i costi assicurativi e di trasporto rimarrebbero elevati anche se i divieti portuali fossero revocati e, finché la guerra continua, il rischio per i raccolti futuri e il potenziale di una crisi alimentare globale sono rimasti.

Altri ancora affermano che l’opzione migliore è fornire all’Ucraina armi come armi antinave da usare contro il blocco russo e scoraggiare un’ulteriore aggressione russa ai porti ucraini.

“La soluzione più economica e sostenibile per la sicurezza alimentare è armare l’Ucraina a sufficienza per aprire i porti del Mar Nero”, ha affermato Daria Kalinyuk, un’importante attivista della società civile ucraina.

Questa storia è stata aggiornata con i commenti di un diplomatico europeo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply