I consumatori americani affrontano aumenti di prezzo a due cifre al supermercato

Il rapporto sull’inflazione di venerdì è stato un triplo smacco per i consumatori, con massicci aumenti dei prezzi di cibo, alloggio ed energia – settori che costituiscono la maggior parte delle spese delle famiglie – così come in quasi tutte le altre categorie.

Ma alcuni degli aumenti più marcati sono stati nel settore alimentare domestico, dove il costo dei generi alimentari è aumentato di quasi il 12% per l’anno terminato a maggio. Questo è il più grande aumento annuale dal 1979.

Le categorie che vedono il balzo maggiore dei prezzi sono solitamente le diete di base: latticini, uova e carne.

Il prezzo delle uova è aumentato del 32,2% da maggio 2021 a maggio 2022, secondo l’ultimo CPI. Carne, pollame e pesce hanno registrato un aumento del 14,2% su base annua e i prodotti lattiero-caseari sono aumentati dell’11,8%.

“Cibo e carburante stanno guidando l’inflazione e creando punti deboli per le famiglie americane”, ha affermato venerdì Joe Brusolas, capo economista di RSM.

Con il 70% dell’economia statunitense guidata dal consumatore, gli economisti tengono d’occhio i cambiamenti nel comportamento. Lo ha dimostrato l’ultimo sondaggio mensile sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan La fiducia nelle prospettive economiche è diminuita all’inizio di giugno al livello più basso registrato.

“Dobbiamo ascoltare ciò che dicono i consumatori, ma soprattutto dobbiamo monitorare ciò che stanno facendo i consumatori”, ha affermato Jeffrey Roach, capo economista di LPL Financial.

“Prevediamo un rallentamento della spesa dei consumatori poiché l’inflazione e l’incertezza pesano gravemente sul sentiment”, ha affermato in una nota.

La Federal Reserve, incaricata della duplice missione di mantenere la stabilità dei prezzi e creare la massima occupazione, sta alzando i tassi di interesse come un modo per mitigare l’aumento dell’inflazione e raffreddare l’economia, ma è tutt’altro che un processo dall’oggi al domani.

READ  Denuncia Amazon al Dipartimento di Giustizia per possibile ostruzione criminale al Congresso

Mentre il rapporto sull’inflazione ha portato nuovi attacchi all’amministrazione Biden da parte dei repubblicani, la Casa Bianca ha cercato di incolpare il peggio dell’inflazione sugli alti prezzi del petrolio e della benzina dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

“Il rapporto sull’inflazione di oggi conferma ciò che gli americani già sanno. L’aumento dei prezzi di Putin sta colpendo duramente l’America”, ha detto il presidente Joe Biden al porto di Los Angeles, dove si è fermato per un vertice regionale per discutere quella che il suo team considera la questione più urgente di attualità. Aumenti dei prezzi su tutto, dal gas ai generi alimentari.

Biden ha cercato di riconoscere il dolore che provano gli americani e ha spiegato come stava cercando di risolverlo e incolpare gli altri.

“Capisco”, disse Biden. “L’inflazione è una vera sfida per le famiglie americane”.

Ha criticato i conglomerati di compagnie di navigazione per l’aumento dei prezzi e le compagnie petrolifere per riacquistare le loro azioni e ha individuato la gigantesca compagnia petrolifera Exxon per aver fatto “più soldi da Dio” l’anno scorso.

Kevin Liptak della CNN ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply