I confini della Nuova Zelanda si aprono completamente dopo una lunga chiusura epidemica

FILE PHOTO – La gente si prepara a pescare dal molo di Aoraki mentre le restrizioni di blocco del coronavirus (COVID-19) si allentano ad Auckland, in Nuova Zelanda, il 10 novembre 2021. REUTERS/Fiona Goodall

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

WELLINGTON (Reuters) – I confini della Nuova Zelanda sono stati completamente riaperti ai visitatori di tutto il mondo lunedì per la prima volta da quando la pandemia di COVID-19 li ha chiusi nel marzo 2020.

I confini della Nuova Zelanda hanno iniziato a riaprire il 1° febbraio per i neozelandesi e le restrizioni sono state gradualmente allentate.

La riapertura del confine si è conclusa ieri sera con i visitatori che necessitano di visto d’ingresso e quelli in possesso di visto per studenti, ora autorizzati a tornare in Nuova Zelanda. La Nuova Zelanda ora consente anche alle navi da crociera e agli yacht da diporto stranieri di attraccare nei suoi porti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La maggior parte dei visitatori che arrivano in Nuova Zelanda devono ancora essere vaccinati contro il COVID e devono sottoporsi a due test COVID dopo l’arrivo. Tuttavia, non ci sono requisiti di quarantena.

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha dichiarato lunedì durante un discorso al China Business Summit di Auckland che l’eventuale apertura del confine è stato un momento monumentale.

“È stato un processo graduale e prudente da parte nostra da febbraio poiché noi, insieme al resto del mondo, continuiamo a gestire una pandemia globale molto vivace, mantenendo la nostra gente al sicuro”.

Gli studenti internazionali hanno contribuito in modo importante all’economia e ai fornitori di istruzione della Nuova Zelanda, sperando che la riapertura dei confini aumenterà le scuole e le università in tutto il paese.

READ  Nazanin e Ashouri arrivano in Gran Bretagna dopo il calvario della prigione iraniana

Il ministro del turismo della Nuova Zelanda, Stuart Nash, ha affermato che il ritorno delle navi da crociera aumenterebbe anche le industrie locali.

“La maggior parte delle crociere si svolge durante i mesi più caldi, da ottobre ad aprile, e l’estate è generalmente una stagione turistica eccezionale. Ciò significa che entrerà in pieno vigore nel settore”, ha affermato Nash.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Lucy Kramer. Montaggio di Sandra Mahler e Michael Perry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply