Hong Kong elimina le restrizioni sui viaggiatori in arrivo e annulla l’applicazione del COVID

HONG KONG (Reuters) – Hong Kong ha annunciato che da mercoledì i passeggeri internazionali in arrivo nel territorio non saranno più soggetti ai controlli sui movimenti causati dal COVID-19 o gli sarà negato l’ingresso in determinati luoghi, e che ha anche abolito un’app mobile obbligatoria per il COVID-19. .

La notizia di un ulteriore allentamento delle restrizioni COVID-19 nell’hub finanziario globale, che ha lasciato indietro la maggior parte dei paesi del mondo, potrebbe favorire la ripresa dei viaggi e degli affari.

Agli arrivi internazionali è stato assegnato un codice ambra per i primi tre giorni a Hong Kong, il che significa che non potevano mangiare o bere all’interno di bar e ristoranti.

Da mercoledì, i viaggiatori e tutti i residenti che arrivano dall’estero potranno entrare in tutte le regioni a condizione che risultino negativi al test per COVID-19 all’arrivo, ha dichiarato il CEO John Lee in un briefing televisivo martedì.

Dovranno comunque mostrare una foto o un registro cartaceo delle loro vaccinazioni COVID-19 in alcuni luoghi che lo richiedono, ma gli arrivi non devono affrontare restrizioni di movimento, ha detto il ministro della Sanità Lu Zhong Mao in una conferenza stampa.

“Dopo l’arrivo a Hong Kong, non ci sono restrizioni per gli arrivi internazionali. Quindi, lo stesso giorno in cui lasciano l’aereo, sono liberi di entrare in qualsiasi edificio”, ha detto il ministro della Sanità Lu Zhong Mao in una successiva conferenza stampa.

READ  Justin Trudeau ha suscitato indignazione dopo aver accusato i conservatori di sostenere la svastica

La mossa del governo di eliminare l’app per il monitoraggio della mobilità, che dà accesso a ristoranti e luoghi come palestre, club e saloni, arriva dopo che la Cina continentale ha abbandonato il requisito.

Gruppi imprenditoriali, diplomatici e molti residenti hanno criticato le regole COVID-19 di Hong Kong, affermando che minacciano la sua competitività e lo status di centro finanziario internazionale.

Le regole hanno influenzato l’economia di Hong Kong dall’inizio del 2020, accelerando l’esodo di imprese, espatriati e famiglie locali che se ne sono andate a causa della spinta di Pechino per un controllo più stretto dell’ex colonia britannica.

Hong Kong ha seguito da vicino la politica di non diffondere il virus Corona in Cina dal 2020, ma ha iniziato ad allentare gradualmente le restrizioni ad agosto e ha ridotto la quarantena obbligatoria negli hotel a tre giorni prima di abolirla completamente a settembre, più di due e mezzo anni dalla comparsa del virus…

Il codice ambra è stata l’ultima restrizione rimasta agli arrivi, che saranno comunque soggetti a un test PCR COVID-19 obbligatorio all’arrivo e a un altro successivamente.

Le maschere sono ancora in tutta la città, a meno che non siano praticate. Le riunioni di gruppo di più di 12 persone sono vietate, ma le persone possono comunque andare nei locali notturni e partecipare a banchetti a cui partecipano centinaia di persone.

Il ministro della Sanità Lu ha aggiunto che i pazienti infetti che si stanno isolando a casa non saranno più tenuti a indossare un’etichetta elettronica che li limiti alla residenza.

Segnalazioni aggiuntive di Farah Master, Claire Gem, Twini Siew e Jessie Pang; Montaggio di Clarence Fernandez, Tom Hogg, Jerry Doyle e Simon Cameron Moore

READ  Mahsa Amini: Cinque persone sono state uccise in Iran durante le proteste per l'uccisione di una donna, secondo un gruppo per i diritti umani

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply