Guerra russo-ucraina, Blinken e Mariupol News: aggiornamenti in tempo reale

BANGKOK – Con alleanze tradizionali tese in tutto il mondo, la portata di Esercito reale tailandeseil più antico partner contrattuale degli Stati Uniti in Asia, ha gettato una vasta rete.

Quest’anno, con il mondo che vacilla L’invasione russa dell’UcrainaI soldati thailandesi hanno ospitato le forze statunitensi per partecipare all’esercitazione militare annuale Cobra Gold, una delle più grandi manifestazioni di forza nella regione Asia-Pacifico. Alcuni mesi fa, hanno preso parte all’esercitazione di mantenimento della pace, Common Fate, organizzata dall’Esercito popolare di liberazione cinese. E nel 2020, i thailandesi coprono ulteriormente le loro scommesse, firmando un accordo affinché i loro cadetti militari ricevano addestramento presso un’accademia della difesa a Mosca.

Il prossimo panorama geopolitico Invasione dell’Ucraina Viene spesso paragonato a nuova guerra fredda. Mentre i principali avversari possono essere gli stessi – Stati Uniti, Russia e sempre più la Cina – i ruoli svolti dalla maggior parte del mondo sono cambiati, rimodellando l’ordine globale che dura da più di tre quarti di secolo.

I governi che rappresentano più della metà dell’umanità si sono rifiutati di prendere posizione, evitando la responsabilità binaria tra noi e loro che ha caratterizzato la maggior parte dell’era del secondo dopoguerra. A Voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite Questo mese per sospendere l’adesione della Russia al Consiglio per i diritti umani, decine di paesi si sono astenuti, tra cui Thailandia, Brasile, Sud Africa, Messico e Singapore. (La decisione ha funzionato comunque.)

credito…Lillian Swanrumfa/AFP – Getty Images

Erano i campi di battaglia per procura di grandi potenze e vaste aree dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina scommettevano sulla loro indipendenza. Il ritorno del blocco dei Non Allineati risale a un periodo in cui i leader del movimento postcoloniale si opposero alla formazione imperialista del loro destino. Indica anche la fiducia dei paesi più piccoli, non più dipendenti da un unico patrono ideologico o economico, ad andare per la propria strada.

“Non c’è dubbio che i paesi del sud-est asiatico non vogliono essere trascinati in una nuova Guerra Fredda o devono schierarsi in una grande competizione di potere”, ha affermato Zachary Abuza, specialista della sicurezza presso il National War College di Washington. “Come si dice nel sud-est asiatico, quando gli elefanti combattono, l’erba viene calpestata”.

Il fatto di dover unire una forza o l’altra, ha aggiunto Abuza, ha lasciato molti paesi del mondo “estremamente poveri e sottosviluppati alla fine della Guerra Fredda”.

READ  Muhammad Al-Zubair: la polizia indiana arresta un giornalista musulmano per aver insultato gli indù

Di conseguenza, anche gli Stati Uniti, vincitori della Guerra Fredda, non potevano contare sull’appoggio di alcuni dei suoi partner tradizionali per condannare apertamente la Russia per il suo attacco a una democrazia sovrana. Il Intervento a guida NATO in Libia Nel 2011 e Invasione americana dell’Iraq L’anno 2003 ha solo aumentato la sfiducia in Occidente. Entrambe le operazioni militari hanno lasciato i paesi di quelle regioni alle prese con le ricadute politiche per anni dopo.

“Il nocciolo della questione è che i paesi africani si sentono infantili e trascurati dalle nazioni occidentali, che sono anche accusate di non aderire alla loro crescente retorica morale sulla sovranità e l’inviolabilità territoriale”, ha affermato Ebenezer Obadary, ricercatore senior per gli studi sull’Africa presso il consiglio. nelle relazioni estere.

L’Indonesia, una democrazia tentacolare un tempo governata da un dittatore favorito dagli Stati Uniti per la sua posizione anticomunista, ha detto che accoglierà il presidente russo Vladimir Putin quando il paese ospiterà gli incontri del G20 quest’anno. Si è inoltre astenuto dal votare alle Nazioni Unite per rimuovere la Russia dal Consiglio per i diritti umani.

credito…Tyler Hicks/The New York Times

“Il nostro governo ha adottato la strategia discutibile di cercare di ignorare il più grande terremoto geopolitico degli ultimi 70 anni nella nostra agenda come presidente del G20 quest’anno, il che mi ha sorpreso”, ha affermato Tom Limpong, un ex segretario al commercio.

Altri alleati degli Stati Uniti hanno descritto la loro decisione di diversificare come risultato dell’assenteismo americano. L’anno scorso, quando la Cina ha lanciato la diplomazia sui vaccini in tutto il mondo, gli Stati Uniti sono stati inizialmente visti come un accumulo di pandemie.

Prima di allora, durante la presidenza di Donald J. Trump, gli Stati Uniti si sono ritirati dalla Trans-Pacific Partnership, un accordo commerciale ampliato inteso a contrastare il modo di fare affari della Cina. Paesi come il Vietnam che avevano scommesso la loro reputazione all’adesione, ancora una volta, si sono sentiti traditi da Washington.

Il Messico, alleato di lunga data degli Stati Uniti, ha confermato la sua neutralità e il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha confermato rifiuto delle sanzioni In Russia.

“La neutralità del Messico non è neutrale”, ha affermato Tony Bayan del Baker Institute for Public Policy della Rice University. “Il Messico irrita Washington nei suoi occhi”.

READ  Mentre il mondo reagisce con orrore a Bush, i media statali cinesi hanno un tono diverso

Circa un terzo degli ambasciatori statunitensi in America Latina e nei Caraibi rimane vacante. I posti vacanti includono il Brasile, la più grande economia regionale e l’Organizzazione degli Stati americani.

credito…Jason Szenes/EPA, tramite Shutterstock

“Molti latinoamericani erano consapevoli che gli Stati Uniti li stavano abbandonando”, ha affermato Vladimir Rovinsky, professore all’Università di Isis a Cali, in Colombia.

Anche la Russia non può contare sulla lealtà automatica dei suoi alleati storici. A parte un senso di cameratismo autoritario, l’ideologia non fa più parte del fascino di Mosca. La Russia non ha né il denaro del patrocinio né l’influenza geopolitica dell’Unione Sovietica.

Il Venezuela, il più forte sostenitore della Russia in America Latina, ha ricevuto una delegazione americana di alto rango sulla scia dell’invasione ucraina. Quale è diventato il Nicaragua Uno dei primi paesi Per sostenere il riconoscimento da parte della Russia delle regioni separatiste nell’Ucraina orientale, da allora ha mitigato il loro entusiasmo.

Durante un voto delle Nazioni Unite di marzo per condannare l’invasione russa dell’Ucraina, Cuba si è astenuta, sostenendo invece Mosca, sebbene in seguito essa e il Nicaragua abbiano rifiutato il tentativo di espellere la Russia dal Consiglio per i diritti umani.

“Stanno cercando di camminare su una linea sottile tra il non celebrare certamente l’invasione, ma anche non condannarla chiaramente, e difendere la pace”, ha detto Renata Keeler, esperta di Cuba presso l’Università del Nevada a Reno.

La copertura più notevole è arrivata dall’Africa, che rappresentava quasi la metà dei paesi che a marzo si erano astenuti dal voto alle Nazioni Unite.

“Non sappiamo perché stanno combattendo”, il capo Samia Saloh Hassan Dalla Tanzania in un’intervista, riferendosi all’invasione russa dell’Ucraina.

Ha aggiunto che “non era sicura” che ci fosse un apparente aggressore nella controversia.

Per la Thailandia, la decisione di addestrarsi con le forze armate americane, russe e cinesi, oltre ad acquistare armi da ogni paese, fa parte della sua lunga storia di equilibrio tra le grandi potenze. Una sciocca diplomazia ha permesso alla Thailandia di emergere come l’unico paese della regione che non è stato colonizzato.

credito…Doug Mills/The New York Times

L’attuale allontanamento dagli Stati Uniti, che hanno utilizzato la Thailandia come trampolino di lancio per la guerra del Vietnam, deriva anche dal lignaggio politico del primo ministro Prayut Chan-ocha, salito al potere con un colpo di stato militare otto anni fa.

READ  L'India vieta la plastica monouso per combattere l'inquinamento

“Sebbene la Thailandia possa attualmente apparire come una democrazia, in fondo è autoritaria”, ha affermato Paul Chambers, docente di affari internazionali presso l’Università Naresuan in Thailandia. “Un regime come questo avrebbe compagni autocratici, anche a Mosca”.

Lo stesso vale per l’Uganda, che riceve quasi 1 miliardo di dollari in aiuti statunitensi ed è un alleato chiave dell’Occidente nella lotta contro la militanza regionale. dopo il governo Presidente Yoweri Museveni L’Uganda è stata criticata dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea per un modello di violazioni dei diritti umani.

Museveni ha risposto attaccando l’intervento dell’Occidente in Libia e Iraq. Il figlio del presidente che comanda le forze di terra del Paese, cinguettare Che “la maggioranza dell’umanità (a parte i bianchi) sostiene la posizione della Russia in Ucraina”.

L’Uganda, come dozzine di altri paesi, può parlare a causa del nuovo più grande partner commerciale: la Cina. Questa realtà economica, anche se Pechino promette più di quello che offre, ha protetto i paesi che in precedenza dipendevano da altre grandi potenze da scelte geopolitiche nette.

I paesi strategicamente posizionati sono diversi come Gibuti, che ospita Camp Lemonnier, la più grande base americana permanente nel continente africano. Alcuni anni fa, dopo l’invito del presidente Ismail Omar Guelleh, si è costituita Pechino prima all’estero Caserme militari a Gibuti. Guelleh ha anche preso prestiti dai cinesi per aiutare a sviluppare porti, zone di libero scambio e ferrovie.

credito…AFP – Getty Images

Cobus van Staden, del South African Institute of International Affairs, ha affermato che il maggiore coinvolgimento cinese ha fornito ai paesi africani “investimenti alternativi, mercati alternativi e idee alternative per lo sviluppo”.

Ma se il mondo è più a suo agio con il multipolarismo in questi giorni, gli effetti a cascata dei combattimenti in Ucraina ci ricordano che la globalizzazione sta collegando rapidamente nazioni lontane.

L’aumento dei prezzi mondiali di carburante, cibo e fertilizzanti, a seguito della guerra in Ucraina, ha aumentato le difficoltà in Africa e in Asia. Già alle prese con una devastante siccità, l’Africa orientale ora ce l’ha almeno 13 milioni di persone affrontano gravi problemi fame.

I residenti fuori dall’Europa sanno bene che i loro rifugiati – come siriani, venezuelani, afgani, sud-sudanesi e Rohingya in Myanmar – non possono aspettarsi di accogliere gli sfollati ucraini. In una corsa per riserve di cure limitate, i gruppi di aiuto hanno messo in guardia sui pericoli dello stress dei donatori per i più vulnerabili del mondo.

“Il mondo intero è colpito quando questi paesi combattono”, ha affermato il presidente della Tanzania Hassan, riferendosi a Russia e Ucraina.

Hana Beach ha scritto da Bangkok, Abdi Latif Dahir da Nairobi, in Kenya, e Oscar Lopez da Città del Messico. Mukita Suhartono ha contribuito con reportage da Jakarta, Indonesia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply