Google chiude il servizio di streaming di videogiochi Stadia

Google ha affermato che chiuderà il servizio di streaming di videogiochi Stadia, la sua risposta alle console per videogiochi Xbox di Microsoft e PlayStation di Sony, in un altro segno che Google Drive sarà più snello tra i timori di un rallentamento economico.

Phil Harrison, vicepresidente e direttore generale di Stadia, ha scritto giovedì sul quotidiano Stadia, che trasmette giochi in streaming online anziché ordinare console costose, chiuderà il 18 gennaio. Post sul blog. Il prodotto ha debuttato quasi tre anni fa, promettendo di rivoluzionare il modo in cui le persone giocano ai videogiochi. Ma non è riuscito a raggiungere un numero sufficiente di giocatori.

“Non ha guadagnato così tanta popolarità con gli utenti come ci aspettavamo, quindi abbiamo preso la difficile decisione di iniziare a chiudere Stadia”, ha scritto Harrison.

Il signor Harrison ha scritto che Google restituirà tutti gli acquisti di hardware di gioco effettuati tramite il Google Store, nonché gli acquisti di giochi effettuati nello Stadia Store. Ha detto che la società prevede di completare la maggior parte dei rimborsi entro metà gennaio.

La società ha già iniziato a vendere la tecnologia di streaming principale di Stadia ad altre società e ha affermato che si aspetta che molti membri del team di Stadia “continueranno questo lavoro in altre parti dell’azienda”. Nel febbraio 2021, Google chiudere Lo studio di gioco interno di Stadia, che è stato creato per creare nuovi titoli, ha suscitato il timore che l’intero servizio potesse un giorno scomparire.

Stadia è l’ultimo prodotto uscito ucciso da Google. La società chiuderà Hangouts, la sua app di messaggistica, a novembre. E YouTube, una sussidiaria di Google, ha annunciato a gennaio che avrebbe smesso di creare contenuti originali.

READ  TSMC assicura ordini a 3 nm da AMD, Qualcomm e altri, afferma il rapporto

Tra l’aumento dell’inflazione e le preoccupazioni per l’instabilità economica, il CEO di Google Sundar Pichai ha avviato quello che lui chiama “Semplicity Sprint”, uno sforzo per migliorare l’efficienza aziendale e ridurre le spese inutili. società di recente tagliare i finanziamenti e lavori nell’Incubatore Tecnologico Indoor, Distretto 120, e ha annullato Viaggi d’affari non essenziali.

Mark Rodriguez, chief operating officer di VoxPop Games, ha dichiarato in un’intervista di avere sentimenti contrastanti sulla decisione di Google di interrompere il servizio perché la sua azienda condivideva le sfide di Stadia, inclusa la concorrenza con i giganti dei giochi Microsoft, Sony e Nintendo, e con le abitudini consolidate dei giocatori .

Il CEO di VoxPop, Charles Yu, ha aggiunto: “I giocatori hardcore dicono: ‘Beh, ho già l’hardware e sono abituato a usare questo servizio’, quindi non lo adottano, anche se c’è una nuova tecnologia”.

L’arresto pianificato è stato una delusione per coloro che utilizzavano Stadia frequentemente.

“Molte persone come me si sentono tradite”, ha detto John Jameson, 36 anni, di Lyman, nella Carolina del Sud, aggiungendo di aver provato “ogni emozione, dalla rabbia al semplice sentirsi male per lo staff” che lavorava lì.

Il signor Jameson, che ha vissuto con un’assicurazione per l’invalidità a lungo termine dal suo incidente d’auto 10 anni fa, ha detto di giocare ogni giorno a giochi come Assassin’s Creed su Stadia, “cercando una via di fuga quando non mi alleno”.

Per Gabe Meyer, 37 anni, di Linthicum, Md., Stadia era un affare di famiglia. Ha speso $ 1.000 in giochi e console dall’inizio del servizio e ha detto di amare Stadia perché i suoi figli possono giocare sul suo telefono o tablet mentre gli adulti guardano la TV. Ha detto che le sue giovani figlie si divertono a giocare a Pikuniku e che ha avuto le sue sessioni di gioco settimanali.

READ  Nuovo remake di Silent Hill 2 per PS5 basato sul classico gioco horror

Il signor Meyer, che possiede un telefono Android e utilizza diversi prodotti Google, ha affermato in un’intervista che l’imminente scadenza di Stadia è stata “molto deludente”.

“Tende a cadere nella peggiore immaginazione di Google, ovvero che sono pronti a innovare e a scaricare il bambino con l’acqua del bagnetto”, ha detto. “Le persone che li feriscono di più sono le persone che si impegnano di più per il marchio”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply