Goldman Sachs diventa la prima grande banca di Wall Street a lasciare la Russia

10 marzo (Reuters) – Gruppo Goldman Sachs (GS.N) Giovedì, ha detto che avrebbe chiuso le sue operazioni in Russia, diventando la prima grande banca di Wall Street a lasciare il Paese dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Gli affari a Mosca sono diventati sempre più difficili per le istituzioni finanziarie occidentali a causa delle sanzioni internazionali contro la Russia e le banche hanno valutato se restare o andarsene. Mentre le banche europee hanno la maggiore esposizione al paese, le banche statunitensi hanno ancora un’esposizione significativa, per un totale di 14,7 miliardi di dollari secondo i dati della BRI. Per saperne di più

“Goldman Sachs sta terminando la sua attività in Russia in conformità con i requisiti normativi e di licenza”, ha affermato la banca in una dichiarazione inviata via e-mail.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Una fonte che ha familiarità con la situazione ha affermato che Goldman avrebbe terminato le operazioni piuttosto che uscire immediatamente. La fonte ha affermato che la perdita dovuta all’uscita non sarà significativa.

Nella sua dichiarazione annuale in precedenza, la banca ha rivelato la sua esposizione creditizia verso la Russia di $ 650 milioni.

Le azioni di Goldman Sachs sono scese dell’1,5% a $ 328,58 nelle prime contrattazioni. Alla chiusura delle contrattazioni di mercoledì, GS era sceso del 12,8% quest’anno.

La più grande banca statunitense esposta è Citigroup Inc (CN), che mercoledì ha affermato che gestiva la sua attività di consumo russa su base più limitata, pur attenendosi ai suoi precedenti piani per ritirare il franchising. Per saperne di più

READ  I futures Dow salgono dopo il rally del mercato; Netflix si blocca mentre gli abbonati cadono, i profitti di Tesla sono dovuti

Altre banche statunitensi che operano in Russia includono JPMorgan (JPM.N)Ha rifiutato di commentare quali fossero i suoi piani.

In Europa, la Raiffeisen Bank International (RBI) austriaca sta valutando la possibilità di lasciare la Russia, hanno detto a Reuters due persone che hanno familiarità con la questione.

Ma gli esperti hanno affermato che le banche avrebbero difficoltà a districarsi dal mercato.

Dan Ury, un professore della Cornell Law School specializzato in regolamentazione finanziaria, ha affermato la scorsa settimana che le banche “non possono semplicemente farla franca unilateralmente con impegni di prestito e altri tipi di crediti finanziari” perché “c’è qualcuno dall’altra parte e questo farà è più complicato”. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Nikit Nishant a Bengaluru e Matt Skovham a New York; Segnalazioni aggiuntive di David Henry a New York e del sindaco di Bansari Kamdar a Belgaluru. Scritto da Megan Davis a New York; Montaggio di Anil de Silva e Mark Porter

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply