Golden Arches si oscura in Russia quando McDonald’s esce dopo 30 anni

16 maggio (Reuters) – McDonald’s Corporation (MCD.N) Lunedì è diventato uno dei più grandi nomi globali usciti dalla Russia, poiché aveva pianificato di vendere tutti i suoi ristoranti dopo aver operato per oltre 30 anni nel paese dopo l’invasione dell’Ucraina.

La più grande catena di hamburger del mondo, che possiede circa l’84% di quasi 850 ristoranti in Russia, addebiterà commissioni non in contanti fino a 1,4 miliardi di dollari.

McDonald’s ha deciso a marzo di chiudere i suoi ristoranti nel paese, compreso il sito della famosa piazza Pushkin nel centro di Mosca, un simbolo del fiorire del capitalismo americano tra i carboni moribondi dell’Unione Sovietica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

In Russia all’inizio degli anni ’90, la catena di hamburger è diventata un mezzo per gustare il cibo e l’anima occidentali per milioni di persone, sebbene il costo di un hamburger fosse molte volte superiore al budget giornaliero degli abitanti delle città.

“Alcuni sosterrebbero che fornire accesso al cibo e continuare a dare lavoro a decine di migliaia di cittadini comuni sia sicuramente la cosa giusta da fare”, ha detto il CEO Chris Kempczynski in una lettera ai dipendenti. Ma è impossibile ignorare la crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina”.

Sebbene la stragrande maggioranza dei negozi in Russia sia chiusa, alcuni negozi in franchising sono rimasti aperti, sfruttando la sua crescente popolarità. L’anno scorso ha generato circa il 9%, o 2 miliardi di dollari, delle sue entrate da Russia e Ucraina.

Il logo del ristorante McDonald’s appare nella finestra con un riflesso della Torre del Cremlino nel centro di Mosca, Russia, 9 marzo 2022. REUTERS/Maxim Shemetov

I filmati sui social media durante il fine settimana hanno mostrato lunghe e tortuose code al ristorante della stazione Leningradsky di Mosca, una delle poche filiali della capitale rimaste aperte.

READ  Ford richiama migliaia di SUV perché i motori potrebbero prendere fuoco

McDonald’s ha detto che stava cercando di vendere i suoi ristoranti in Russia a un acquirente locale, ma manterrebbe i suoi marchi.

“Date le condizioni della vendita, le sfide finanziarie affrontate dai potenziali acquirenti russi e il fatto che McDonald’s non concederà in licenza il proprio marchio o identità, è improbabile che il prezzo di vendita sia vicino al valore contabile della società prima dell’invasione, ” ha affermato Neil Saunders, amministratore delegato di GlobalData.

McDonald’s ha affermato che garantirà che i suoi 62.000 dipendenti in Russia continueranno a essere pagati fino alla chiusura di qualsiasi transazione e che avranno lavori futuri con qualsiasi potenziale acquirente.

Dopo che McDonald’s ha deciso di chiudere i negozi a marzo, sono apparsi diversi marchi americani, tra cui Starbucks (SBUX.O)PepsiCo (PEP.O) L’azienda Coca Cola (KO.N) Ha seguito l’esempio, correndo per conformarsi alle sanzioni e affrontare le minacce del Cremlino di una possibile confisca di beni di proprietà straniera. Leggi di più

“Non sarei sorpreso di vedere altre società seguire l’esempio di McDonald’s nell’uscita dal mercato”, ha affermato l’analista di Edward Jones Brian Yarbrough.

All’inizio di oggi, la casa automobilistica francese Renault (RENA.PA) Ha detto che avrebbe venduto la sua più grande partecipazione in Avtovaz (AVAZ_p.MM) Istituto di scienze russo. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Uday Sampath e Deborah Sophia a Bengaluru. Montaggio di Sriraj Kalovila e Arun Koyor

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply