Gli scienziati rivelano il segreto di come si formano i fossili di ragno

Gli scheletri esterni morbidi non sono ben conservati, ad eccezione di alcuni siti eccezionali in tutto il mondo. C’è un posto meraviglioso nel sud della Francia, dove sono stati scoperti i fossili di ragni che tessevano una ragnatela 22,5 milioni di anni fa.

Gli scienziati hanno affermato di aver identificato il motivo per cui molte creature dal corpo molle come ragni, insetti e pesci sono sepolte e preservate. Con tali dettagli in questa particolare formazione rocciosa ad Aix-en-Provence. Condizioni molto favorevoli includono una sostanza prodotta da microalghe che avvolgerebbe il ragno e promuoverebbe un cambiamento chimico protettivo.

“La maggior parte della vita non si trasforma in un fossile”, ha detto in un comunicato stampa Alison Olcott, professore associato di geologia e direttrice del Centro di ricerca dell’Università del Kansas.

“È difficile diventare un fossile. Devi morire in condizioni molto specifiche e uno dei modi più semplici per diventare un fossile è avere parti dure come ossa, corna e denti. Quindi, la nostra documentazione sulla vita di un magro, corpo terrestre è”, ha affermato Olcott, autore principale dello studio pubblicato su Communications Earth and Environment Magazine, Life is like spiders choppy.

“Ma abbiamo questi periodi di conservazione eccezionali in cui tutte le condizioni erano in armonia affinché la conservazione avvenisse”.

La fluorescenza fornisce indizi

Nella dichiarazione, Olcott ha affermato che la scoperta è avvenuta grazie alla decisione di esaminare il fossile del ragno al microscopio a fluorescenza. Questo tipo di osservazione non fa parte del protocollo standard per l’esame dei fossili, ma della ricerca Il team ha pensato che potesse aiutarli a discernere più dettagli dei ragni fossilizzati, che si sono mimetizzati con le rocce circostanti. Diversi elementi nella roccia assorbono l’energia della luce UV in un microscopio e trasformano la luce a diverse lunghezze d’onda.

READ  Terzo test del Megarocket della NASA sventato da una perdita di idrogeno

“Con nostra sorpresa brillava, e così ci siamo molto interessati a ciò che la chimica di questi fossili li faceva brillare. Se guardi il fossile sulla roccia, è quasi indistinguibile dalla roccia stessa, ma brilla di un colore diverso in la gamma fluorescente.

“Non tutti i campioni geologici sono auto-radianti e luminosi, ma quando lo sono, possono essere sorprendenti e fornire molte informazioni”, ha detto Olcott. Le alghe acquatiche microscopiche rilevate dalla microscopia a fluorescenza sono conosciute come fossili di diatomee e quando sono vive secernono sostanze ricche di zolfo che formano stuoie algali.

“Queste microalghe creano una palla appiccicosa e appiccicosa: è così che si uniscono”, ha detto.

Gli autori hanno suggerito che questa sostanza ricoprisse i ragni e promuovesse un processo chiamato zolfo, che stabilizza e preserva i fragili corpi dei ragni.

“Fondamentalmente, la chimica delle microalghe e la chimica dei ragni lavorano insieme per ottenere questa conservazione unica”, ha detto.

Olcott ha affermato che la scoperta potrebbe aiutare i geologi a localizzare altri fossili eccezionali di questo periodo in altre parti del globo.

“Se le stuoie di diatomee aiutano a realizzare questa straordinaria conservazione dei fossili, dovremmo essere in grado di esplorare più unità di diatomite, le rocce ricche di diatomee che esistono a livello globale in questo momento, per cercare più di questi depositi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply