Gli scienziati hanno scoperto ulteriori prove di acqua salata sulla superficie di Marte

Connessioni con la natura (2022). DOI: 10.1038 / s41467-022-33389-4″ width=”800″ height=”530″/>

Carta topografica della mappa dell’Altimetro Laser Orbitale di Marte (MOLA) dell’area indagata negli Ultimi Scopuli. Le linee tratteggiate sono note di Marcis. L’area blu indica la posizione geografica dell’area illuminata principale. Le osservazioni nella regione dell’ombra grigio chiaro non sono state utilizzate per riflettere i dati, poiché attraversano regioni di riflettività basale alta e bassa e non possono essere assegnate a set di dati luminosi o non luminosi. a lui attribuito: Connessioni con la natura (2022). DOI: 10.1038 / s41467-022-33389-4

Potrebbe essere conosciuto come il pianeta rosso roccioso, ma l’evidenza è la formazione di acqua salata alla base dei sedimenti polari su Marte.


La professoressa Graziella Caprarelli della University of Southern Queensland fa parte di un team internazionale che osserva i segnali luminosi di riflessione sotto la superficie di Marte, che sono stati individuati per la prima volta nei dati ottenuti tra il 2010 e il 2019 dal fondatore del radar MARSIS a bordo del Mars Express.

Il team italiano ha suggerito principalmente che le riflessioni si riferissero a una miscela di laghi salati e hanno pubblicato la loro ricerca in Scienze nel 2018 e nel astronomia naturale nel 2021. Recentemente, una nuova collaborazione tra il team italiano e ricercatori con sede negli Stati Uniti ha fornito nuove prove a sostegno di questa interpretazione.

I risultati di questi studi sono stati recentemente pubblicati su riviste Connessioni con la natura e il Giornale di ricerca geofisica: pianeti.

Il Prof. Caparrelli ha affermato che nuovi esperimenti di laboratorio e simulazioni hanno escluso spiegazioni alternative.

“Abbiamo esplorato questioni come ‘I forti segnali radar possono essere prodotti da altri tipi di materiali come fango o ghiaccio salato, o da interferenze costruttive'”, ha affermato.

“I documenti più recenti affrontano l’annosa questione delle temperature alla base della calotta antartica: fino ad ora, erano considerate troppo basse anche perché le salamoie fossero liquide”.

كشف العلماء عن دليل آخر على وجود مياه مالحة على سطح المريخ

Il professor Caparelli, assistente del Center for Astrophysics dell’Università del Queensland meridionale, ha sviluppato modelli termici e calcolato l’intervallo di temperatura alla base della calotta polare sud di Marte, al di sotto del South Polar Layered Sediment (SPLD).

“Abbiamo deciso di studiare le proprietà fisiche del sedimento stesso, modellando la propagazione delle onde radar attraverso l’acqua ghiacciata e la polvere”.

I nuovi calcoli fissano la percentuale di inclusioni di polvere nel sedimento tra il 5% e il 12%, regolando ulteriormente il tasso più alto 230 K (-43 °C) per la temperatura di base.

“I nostri studi lo dimostrano temperatura Alla SPLD di base calcolata finora da altri ricercatori (circa 170-180 K) è stata molto sottovalutata, e può invece raggiungere facilmente i 200 K (-73 °C) che è nell’intervallo di temperatura di fusione delle salamoie di percloro’ ha affermato il professor Caprarelli .

“Nuovi esperimenti di laboratorio condotti nei laboratori della Rome Tri University (Italia) e del Southwest Research Institute (US) dimostrano ulteriormente che le proprietà fisiche della salamoia a queste temperature riviste sono pienamente coerenti con la forza dei segnali radar acquisiti dalla base del sedimento antartico marziano”.

maggiori informazioni:
Sebastien E. Lauro et al., utilizzando l’attenuazione del segnale MARSIS per valutare la presenza di salamoie subglaciali antartiche, Connessioni con la natura (2022). DOI: 10.1038 / s41467-022-33389-4

de Stillmann et al., le salamoie parzialmente sature all’interno di ghiaccio basale o sedimenti potrebbero spiegare le luminose inversioni basali nei sedimenti antartici, Giornale di ricerca geofisica: pianeti (2022). doi: 10.1029/2022JE007398

Presentato dall’Università del Queensland meridionale

la citazione: Scienziati svelano ulteriori prove dell’acqua salata su Marte (2022, 3 novembre) Estratto il 3 novembre 2022 da https://phys.org/news/2022-11-scientists-unveil-proof-salty-mars.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

READ  Un Boeing Starliner attracca per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply