Gli scienziati coltivano per la prima volta piante nel suolo lunare: “tutto germogliato’

Quando la NASA decolla astronauti Artemide Tornando sulla superficie lunare nei prossimi anni, dovrebbero essere in grado di coltivare il proprio potere. Questa è solo una biforcazione di un esperimento storico in cui gli scienziati hanno utilizzato campioni di materiale della superficie lunare, chiamato regolite, per coltivare piante qui sulla Terra.

Gli scienziati hanno seminato i semi della pianta Arabidopsis thaliana, imparentata con la senape, in piccoli campioni di regolite raccolti in tre diverse missioni Apollo mezzo secolo fa.

Ma mentre i semi germogliavano e crescevano, non fiorirono completamente.

“Il suolo lunare non contiene molti nutrienti necessari per supportare la crescita delle piante”, ha detto Stephen Ellardo dell’Università della Florida durante una conferenza stampa mercoledì.

Elardo è coautore di Foglio di presentazione della ricerca Pubblicato su Communications Biology giovedì, con Anna Lisa Ball e Robert Ferrell.

Sebbene le piante siano cresciute in un modo che suggeriva di essere sotto stress, hanno comunque trovato una strada relativamente veloce da percorrere, con poco aiuto da parte del team che ha fornito loro luce, acqua e sostanze nutritive.

“Dopo due giorni, ha iniziato a crescere”, Paul, che è anche professore di orticoltura all’Università della Florida, Ha detto in una dichiarazione. “Tutto è germogliato. Non posso dirti quanto siamo rimasti sorpresi. Ogni pianta, sia in un campione lunare che in un controllo, sembrava la stessa fino al sesto giorno circa.”

Entro la fine della prima settimana, le piante nella regolite mostravano una crescita più lenta, radici e foglie rachitiche e alcune macchie rosse. L’analisi genetica avrebbe poi confermato che i Verdi erano sotto stress.

READ  Lanciato il potente satellite GOES-T per monitorare il tempo e il clima della Terra

La regolite lunare è molto fine e polverosa, ma non lasciarti ingannare, perché anche questi grani sono affilati. L’inalazione di polvere lunare può danneggiare i polmoni e il materiale non è particolarmente adatto alla vita vegetale.

“In definitiva, vorremmo utilizzare i dati di espressione genica per aiutare a migliorare le risposte allo stress a un livello in cui le piante, in particolare le colture, possono crescere nel suolo lunare con un impatto minimo sulla loro salute”, ha aggiunto Paul.

Ferrell afferma che coltivare piante sulla luna è la chiave per rimanere sulla luna a lungo, aiutando a fornire non solo cibo, ma anche aria e acqua pulite per gli astronauti e altri visitatori.

“Quando andiamo nello spazio da qualche parte, portiamo sempre con noi le nostre coltivazioni”, ha detto Ferrell, anche lui dell’Università della Florida. “Mostrare le piante che cresceranno nel suolo lunare è in realtà un grande passo in quella direzione”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply