Gli scienziati avvertono degli effetti terribili con l’aumento delle temperature nel Mediterraneo

Madrid (AFP) – Mentre i vacanzieri possono godersi il tepore dell’estate nel Mediterraneo, clima Gli scienziati avvertono delle terribili conseguenze per la vita marina poiché brucia in una serie di intense ondate di calore.

Da Barcellona a Tel Aviv, gli scienziati affermano di assistere a eccezionali aumenti della temperatura che vanno da 3°C (5,4°F) a 5°C (9°F) sopra la norma per questo periodo dell’anno. La temperatura dell’acqua supera regolarmente i 30 °C (86 °F) in alcuni giorni.

Le temperature rigide in Europa e in altri paesi del Mediterraneo hanno fatto notizia quest’estate, ma l’aumento delle temperature del mare è in gran parte fuori dalla vista e in gran parte fuori dalla mente.

Le ondate di calore marine sono causate dalle correnti oceaniche costituite da aree di acqua calda. Anche i sistemi meteorologici e di temperatura nell’atmosfera possono accumularsi in gradi di temperatura dell’acqua. Come le loro controparti sulla terraferma, le ondate di calore marine sono più lunghe, più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

La situazione è “estremamente preoccupante”, afferma Joaquim Garrabo, ricercatore dell’Istituto di scienze marine di Barcellona. Spingiamo il sistema troppo oltre. Dobbiamo agire il prima possibile sulle questioni climatiche”.

Garrabou fa parte di un team che ha recentemente pubblicato un rapporto sulle ondate di calore nel Mediterraneo tra il 2015 e il 2019. Il rapporto afferma che questi fenomeni hanno portato a una “massiccia mortalità” delle specie marine.

Circa 50 specie, tra coralli, spugne e alghe, sono state colpite lungo migliaia di chilometri di coste del Mediterraneo, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Global Change Biology.

La situazione nel bacino del Mediterraneo orientale è particolarmente grave.

READ  L'ungherese Orban afferma di poter tenere la nazione fuori dalla guerra in Ucraina - WHIO TV 7 e WHIO Radio

Le acque al largo di Israele, Cipro, Libano e Siria sono “di sicuro l’hotspot più caldo del Mediterraneo”, ha affermato Gil Riloff, biologo marino presso l’Oceanographic and Lakes Research Institute in Israele e uno degli autori del documento di ricerca. Le temperature medie del mare in estate sono costantemente superiori a 31 ° C (88 ° F).

Il riscaldamento dei mari sta spingendo molte specie autoctone sull’orlo dell’orlo, ha detto, “perché ogni estate viene superata la temperatura ottimale”.

Quello che lui e i suoi colleghi stanno vedendo in termini di perdita di biodiversità è ciò che dovrebbe accadere verso ovest nel Mediterraneo verso Grecia, Italia e Spagna nei prossimi anni.

Garbo sottolinea che i mari servivano il pianeta assorbendo il 90% del calore in eccesso della Terra e il 30% dell’anidride carbonica emessa nell’atmosfera producendo carbone, petrolio e gas. L’effetto del sequestro del carbonio protegge il pianeta dagli effetti di condizioni meteorologiche più rigide.

Questo è stato possibile, ha detto Garbo, perché gli oceani e i mari erano sani.

“Ma ora abbiamo spinto l’oceano in uno stato malsano e disfunzionale”, ha detto.

Mentre le emissioni di gas serra della Terra devono diminuire drasticamente se si vuole frenare l’aumento della temperatura del mare, gli oceanografi sono specificamente alla ricerca di autorità per garantire che il 30% delle aree marine sia protetto dalle attività umane come la pesca, dando alle specie la possibilità di riprendersi e prosperare.

Attualmente circa l’8% dell’area mediterranea è protetta.

Garbo e Rylov hanno affermato che i responsabili politici sono in gran parte ignari del riscaldamento del Mediterraneo e del suo impatto.

READ  L'India sequestra 725 milioni di dollari in beni Xiaomi per trasferimenti illegali

“Il nostro lavoro come scienziati è portare questo alla loro attenzione in modo che possano pensarci”, ha detto Rylov.

Le ondate di calore si verificano quando il clima particolarmente caldo persiste per un determinato numero di giorni, con poca o nessuna pioggia o vento. Le ondate di calore della terra aiutano a creare ondate di calore marine e le due tendono a alimentarsi a vicenda in un circolo vizioso di caldo.

Le ondate di calore globali stanno diventando comuni in molti paesi del Mediterraneo, con effetti collaterali drammatici come incendi, siccità, perdite di raccolti e temperature estremamente elevate.

Gli scienziati affermano che le ondate di calore marine potrebbero anche avere conseguenze devastanti per i paesi che si affacciano sul Mediterraneo e per gli oltre 500 milioni di persone che vivono lì se non vengono affrontate presto. Gli stock ittici saranno esauriti e il turismo sarà influenzato negativamente, poiché le tempeste devastanti potrebbero diventare più comuni sulla Terra.

Sebbene rappresenti meno dell’1% della superficie oceanica globale, il Mediterraneo è uno dei maggiori serbatoi di biodiversità marina, contenendo tra il 4% e il 18% delle specie marine conosciute al mondo.

Alcune delle specie più colpite sono fondamentali per mantenere il funzionamento e la diversità degli habitat marini. Saranno a rischio specie come le praterie di Posidonia oceanica, che possono assorbire enormi quantità di anidride carbonica e ospitare la vita marina, o le barriere coralline, che ospitano anche la fauna selvatica.

Garrabou afferma che gli effetti della mortalità sulle specie sono stati osservati tra la superficie e una profondità di 45 metri (circa 150 piedi), dove le ondate di calore marine registrate sono state eccezionali. Le ondate di caldo hanno colpito oltre il 90% della superficie del Mar Mediterraneo.

READ  L'ondata di caldo porta temperature estreme ad aprile in India e Pakistan

Secondo gli ultimi articoli scientifici, la temperatura della superficie del mare nel Mar Mediterraneo è aumentata di 0,4°C (0,72°F) ogni decennio tra il 1982 e il 2018. Su base annua, è aumentata di circa 0,05°C (0,09°F) al di sopra dell’ultimo decennio al di sotto Nessun segno di resa.

Gli esperti affermano che anche parti dei gradi potrebbero avere effetti disastrosi sulla salute degli oceani.

Lo studio rileva che anche le aree colpite sono cresciute dagli anni ’80 e ora coprono la maggior parte della regione mediterranea.

“La domanda non riguarda la sopravvivenza della natura, perché la biodiversità troverà un modo per sopravvivere su questo pianeta”, ha detto Garabo. “La domanda è se continuiamo ad andare in questa direzione, forse la nostra società, gli esseri umani, non avranno un posto dove vivere”.

____

Ilan Ben-Zion ha riferito da Gerusalemme.

____

Segui tutte le storie di AP sui problemi del cambiamento climatico su https://apnews.com/hub/climate-and-environment

___

La copertura climatica e ambientale dell’Associated Press riceve il sostegno di diverse fondazioni private. Ulteriori informazioni sull’iniziativa per il clima di AP qui. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply