Gli astronomi scoprono un possibile esopianeta “mondo acquatico” vicino alla Terra che potrebbe supportare la vita

Questa settimana gli scienziati hanno annunciato la scoperta di un vicino “Super Terra“Può sostenere la vita ed è chiamato ‘mondo acquatico’”.

Il gruppo, Guidato dall’Università di MontrealLe osservazioni del satellite in transito della NASA sono state utilizzate per rilevare gli esopianeti (lui-capra), così come i telescopi sulla Terra da rilevare pianeta extrasolare, che è descritto come potenzialmente roccioso come la Terra, ma più grande. Soprannominato TOI-1452 b, orbita attorno a una stella nana rossa a circa 100 anni luce dal nostro pianeta, che secondo gli scienziati è “abbastanza vicino”.

Gli scienziati hanno a lungo teorizzato la possibilità di altri pianeti oceanici, ma è stato difficile da confermare. TOI-1452 b è circa il 70% più grande della Terra e circa cinque volte più grande, il che è coerente con un oceano estremamente profondo, ma sono ancora necessarie ulteriori ricerche.

dice la Nasa Un pianeta potrebbe anche essere una roccia massiccia con poca o nessuna atmosfera, o anche un pianeta roccioso con un’atmosfera composta da idrogeno o elio.

fa9dui9x0aaeys9.jpg
Traduzione tecnica dell’esopianeta TOI-1452 b, un pianeta minore che potrebbe essere completamente coperto nelle profondità oceaniche.

Benoît Gougeon, Università di Montreal


Un anno su TOI-1452 b richiede solo 11 giorni, ma dalla sua stella più piccola e più fredda riceve una quantità di luce simile a quella di Venere dal Sole. Nonostante la vicinanza della sua orbita, si trova nella “zona abitabile”, il che significa che potrebbe avere acqua liquida molto desiderabile sulla sua superficie.

Se questo “unico” esopianeta si conferma essere un mondo acquatico, la sua circonferenza sarà molto più profonda di quella della Terra. Mentre il nostro pianeta è composto per il 70% da acqua, gli oceani rappresentano meno dell’1% della massa del pianeta, mentre l’acqua su TOI-1452 b può costituire fino al 30% della sua massa, secondo una simulazione.

“TOI-1452 b è uno dei migliori candidati per il pianeta oceanico che abbiamo scoperto finora”, ha affermato. dirigere lo studio Carlo Dione. “Il suo raggio e la sua massa indicano una densità molto inferiore a quella che ci si aspetterebbe da un pianeta composto principalmente da metallo e roccia, come la Terra”.

Se questa simulazione è accurata, renderebbe il pianeta simile alle lune acquose del nostro sistema solare, come Giove Ganimede e Callisto, che secondo gli scienziati nascondono le profondità oceaniche sotto le loro superfici.

Surface-planete-toi1452b-1920px.jpg
Una rappresentazione artistica della superficie di TOI-1452 b, che potrebbe essere un “pianeta oceano”, ovvero un pianeta completamente ricoperto da uno spesso strato di acqua liquida.

Benoit Gougeon, Università di Montreal.


Il Telescopio spaziale James Webb In missione per comprendere le origini del nostro universo, ma i ricercatori affermano che potrebbe volerci del tempo per osservare TOI-1452 b, che appare “per un colpo di fortuna” nella costellazione del Draco, una parte del cielo che Webb può vedere durante la maggior parte dei periodi dell’anno.

“Le nostre osservazioni con il telescopio Webb saranno essenziali per una migliore comprensione del TOI-1452 b”, ha affermato il ricercatore Rene Doyon, che lavora anche con uno dei quattro strumenti scientifici del telescopio spaziale James Webb. “Non appena possibile, prenoteremo del tempo sul web per assistere a questo mondo strano e meraviglioso.”

READ  Il gigantesco razzo lunare Artemis I della NASA sarà sottoposto a un altro test prima del lancio a giugno

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply