Funzionari e governatori dell’Ucraina stanno ripulendo dal più grande scossone della guerra

  • Il vice capo dell’ufficio di Zelensky si è dimesso
  • L’ufficiale di difesa nega l’addebito di sovrapprezzo della merce
  • Sostituto procuratore criticato per le vacanze in Spagna
  • Gli alleati cercano carri armati tedeschi per Kiev

KIEV, gen. 24 (Reuters) – L’Ucraina ha licenziato martedì una serie di governatori e altri alti funzionari di cinque province dilaniate dalla guerra nel più grande cambiamento della sua leadership in tempo di guerra dall’invasione della Russia dello scorso anno.

Separatamente martedì, una decisione tanto attesa se gli alleati possono inviare carri armati pesanti di fabbricazione tedesca in Ucraina è finalmente arrivata a Berlino, con la Polonia che ha dichiarato di aver formalmente inviato la sua richiesta.

I governatori delle regioni di Kyiv, Sumy, Dnipropetrovsk, Kherson e Zaporizhia erano tra una dozzina di alti funzionari ucraini che si sono dimessi o sono stati licenziati martedì. Tutte e cinque le regioni sono state importanti campi di battaglia nell’ultimo anno, dando ai loro governatori una stima nazionale insolitamente alta.

Tra gli altri che se ne sono andati c’erano un vice ministro della difesa, un vice procuratore, il vice capo dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelenskiy e due vice ministri responsabili dello sviluppo regionale.

Alcuni, anche se non tutti, sono legati ad accuse di corruzione. L’Ucraina ha una storia di governance irregolare e traballante, ed è sotto la pressione internazionale per mostrarsi come un amministratore credibile di miliardi di dollari in aiuti occidentali.

“Ci sono già alcune decisioni individuali – alcune oggi, altre domani – riguardanti ministeri e altre strutture del governo centrale, nonché funzionari a vari livelli nelle regioni e forze dell’ordine”, ha detto il presidente Volodymyr Zelensky in un discorso video durante la notte.

READ  Biden porta borse di ringraziamento ai primi soccorritori di Nantucket

L’aiutante di Zelenskiy Mykhailo Podolyak ha twittato: “Il presidente vede e ascolta la società. E risponde direttamente a una richiesta pubblica chiave: giustizia per tutti”.

L’epurazione è avvenuta due giorni dopo che un viceministro delle infrastrutture è stato arrestato e accusato di appropriazione indebita di 400.000 dollari da contratti per l’acquisto di generatori in uno dei primi grandi scandali di corruzione resi pubblici dall’inizio della guerra 11 mesi fa.

Il ministero della Difesa ha affermato che Vyacheslav Shapovalov, il viceministro della difesa responsabile dell’approvvigionamento di truppe, si è dimesso per mantenere la credibilità dopo aver fatto false accuse di corruzione ai media. A seguito di un articolo di giornale secondo cui il ministero aveva pagato troppo per il cibo per le truppe, il ministero lo ha negato.

L’ufficio del procuratore non ha fornito una motivazione per il licenziamento del vice procuratore generale Oleksiy Simonenko, che è stato preso di mira dai media ucraini per essersi preso una vacanza in Spagna. Sebbene Zelensky non abbia nominato alcun funzionario nel suo indirizzo, ha annunciato un nuovo divieto per i funzionari di andare in vacanza all’estero.

Kyrillo Tymoshenko, il vice capo dell’ufficio di Zelensky, ha annunciato le proprie dimissioni senza motivo. Ha contribuito a condurre la campagna elettorale del presidente del 2019 e recentemente ha avuto un ruolo nella supervisione della politica regionale.

I cambiamenti sono una rara scossa di una leadership di guerra altrimenti straordinariamente stabile a Kiev. A parte l’eliminazione di un’agenzia di spionaggio a luglio, Zelensky è rimasto in gran parte con la sua squadra, costruendo attorno ad altri nuovi arrivati ​​politici che l’ex attore televisivo ha portato al potere quando è stato eletto in maniera schiacciante nel 2019.

READ  La pressione sul primo ministro britannico Johnson sta aumentando dopo aver schiacciato le sconfitte elettorali

Tempo di decisione sui carri armati

L’annuncio della Polonia di aver chiesto ufficialmente a Berlino il permesso di esportare carri armati di fabbricazione tedesca in Ucraina continua a ritardare una decisione del cancelliere tedesco Olaf Scholz in quello che è diventato un dibattito chiave tra gli alleati su come sostenere l’Ucraina.

“Spero che questa risposta dalla Germania arrivi presto, perché i tedeschi stanno ritardando, ingannando e agendo in modo difficile da capire”, ha detto il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki in una conferenza stampa. “Possiamo vedere che non vogliono aiutare l’Ucraina a difendersi in modo ampio”.

Un portavoce del governo tedesco ha dichiarato: “Agiremo con l’urgenza che meritano”.

Kiev aveva implorato per mesi i carri armati occidentali di dare alle sue forze la potenza di fuoco e la mobilità per sfondare le linee di difesa russe e riconquistare il territorio occupato.

I Panther tedeschi, schierati dai militari di tutta Europa, sono ampiamente visti come la scelta migliore, disponibili in gran numero e facili da schierare e mantenere. Ma la Germania ha finora resistito alle pressioni per impegnare i propri Leopardi e ha affermato che i suoi alleati devono ancora richiedere formalmente il permesso di inviarli.

“I tedeschi hanno già ricevuto la nostra richiesta di autorizzazione per trasferire i carri armati Leopard 2 in Ucraina”, ha scritto su Twitter il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak.

“Chiedo anche alla parte tedesca di unirsi alla coalizione di paesi che sostengono l’Ucraina con i carri armati Leopard 2”, ha aggiunto. “Questa è la nostra causa comune, perché è in gioco la sicurezza di tutta l’Europa!”

READ  Omigron può causare malattie lievi. Indica perché uno studio di laboratorio.

Il capo dell’esercito tedesco ha affermato che l’invio dei carri armati è stata una decisione politica. Un alto funzionario ha affermato che la scelta spettava in ultima analisi a Scholes e al suo gabinetto.

“Alla fine, il governo deciderà all’unanimità e in cancelleria”, ha detto Tobias Lindner, segretario di Stato al ministero degli Esteri, a una conferenza sulla difesa organizzata da Handelsblatt a Berlino.

‘La primavera sarà decisiva’

Le linee del fronte sono state in gran parte congelate per due mesi durante la battaglia, nonostante le pesanti perdite da entrambe le parti. Si ritiene che sia la Russia che l’Ucraina stiano pianificando un attacco nei prossimi mesi.

L’Occidente ha promesso miliardi di dollari in aiuti militari la scorsa settimana, ma deve ancora rispondere alla richiesta di Kiev di centinaia di carri armati pesanti, in attesa della decisione della Germania sul destino dei suoi Panthers.

Un funzionario ucraino ha detto che la primavera e l’estate in arrivo saranno decisive.

“Se la grande offensiva russa pianificata in questo momento fallisce, sarà il destino della Russia e di Putin”, ha detto in un’intervista al sito di notizie Delphi Vadim Skibitsky, vice capo dell’intelligence militare ucraina.

Segnalazione di Reuters Bureaus Scrittura di Peter Graff Montaggio di Timothy Heritage

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply