Frecciarossa in arrivo a Perugia

Forse prima corsa in primavera, intanto si cercano 1,5 milioni di euro per le spese

0
1188

E così, mentre la Fcu sventola bandiera bianca, in Umbria si sente arrivare da lontano il fischio del Frecciarossa.
Oddio, non facciamoci prendere dalla frenesia. Quello che era stato annunciato per l’11 dicembre sembra ora slittare a primavera. Ma si sa le Ferrovie dello Stato non brillano di certo per puntualità.
Comunque dalla Regione sembrano arrivare segnali incoraggianti. Sembrerebbe che gli incontri avuti nelle ultime settimane tra Ente e Trenitalia, per far sì che si attivi l’arretramento del treno veloce da Arezzo a Perugia, con partenza alle 5.15 del mattino da Fontivegge e arrivo alle 8.30 a Milano e alle 9.55 a Torino, con rientro serale dopo le 22, stia per diventare una realtà. Nessuna certezza ancora.
Si parla pur sempre di una sperimentazione, e come sempre è soprattutto una questione economica da risolvere. Per far partire da Perugia il treno veloce occorre mettere sul piatto un milione e mezzo di euro: è questa la cifra intorno la quale Regione e Trenitalia stanno cogitando.
Del resto i costi ci sono, occorre riorganizzare tutto: c’è bisogno di più personale e poi c’è da operare in fretta per risolvere il problema dei possibili incastri da trovare lungo le linee che verranno utilizzate.
Insomma per questo Natale nulla da fare, ma forse già nella calza della Befana la sorpresa di vedere transitare per prova un Frecciarossa a Perugia, per i pendolari stremati costretti a viaggiare in Umbria, potrebbe esserci davvero.