Jazz e pennelli: A “Food & Jazz dal Vino” Michele Samory Quartet

Con le opere del maestro Fausto Minestrini

0
483
alla Giò Jazz area

Jazz: nono appuntamento di Food & Jazz dal Vino e il terzo dell’anno: per Assaggi D’Arte, Fausto Minestrini illustra le sue opere, introdotto dal critico Rita Castigli.
A seguire MICHELE SAMORY QUARTET.

 

Sabato 3 febbraio alle 20,30, torna sul palco del Ristorante Enoteca Giò Arte e Vini di Perugia Michele Samory, in formazione quartetto: Michele Samory – tromba, Tommaso Sgammini – piano, Manuele Montanari – contrabbasso, Lorenzio Marinelli – drums.

Michele Samory, giovane trombettista di jazz marchigiano, decide di formare un proprio quartetto per rieseguire e riadattare gli standard della tradizione americana. Il loro repertorio prende spunto dai grandi trombettisti dei tempi passati, partendo da Louis Armstrong e Dizzy Gillespie passando per Cootie Williams e arrivando al suo massimo riferimento, Clark Terry.
Michele Samory ha già partecipato alla precedente edizione di Food&Jazz dal Vino: l’entusiasmo scaturito dalla sua performance quando è sceso dal palco e si è avvicinato ai tavoli con la sua tromba, è ancora vivo nella memoria dei tanti perugini che hanno chiesto a gran voce il bis.

Ad aprire la serata di Food&Jazz dal Vino è l’immancabile appuntamento con “Assaggi D’Arte”: l’eccelso Fausto Minestrini espone le sue opere, illustrate dal critico d’arte Rita Castigli importante traduttrice di libri di poeti irlandesi e canzoni barocche. Collabora da vari anni con il gruppo Aleph ed altri artisti scrivendo testi critici e partecipando ad eventi e mostre.

L’artista perugino Fausto Minestrini abbandona gradualmente, agli inizi degli anni 80, la figurazione per il segno e il colore lungo quei Paesaggi dell’Anima dove la materia si nutre di percezioni e simbolismi che alimentano il mondo dei sogni inespressi.
I suoi lavori si trovano in musei, pinacoteche ed importanti collezioni di tutto il mondo.
Dal 2013 si è dedicato ad una nuova ricerca sui complementi di arredo d’arte utilizzando materiali come legno, plexiglass, vetro, acciaio e componenti di illuminazione.
Al Ristorante Enoteca Giò Arte e Vini continua il vincente connubio di qualità tra musica, arte, cibo e prestigiosi vini: una vera e propria esperienza dell’anima e del gusto.

Questo il programma di Sabato 3 Febbraio.
ORE 20:30
Vernissage
Esposizione delle opere dell’artista: Fausto Minestrini
Saluti e intervento del critico d’arte: Rita Castigli
Aperitivo di benvenuto
ORE 21:15
Dinner Cena-degustazione a cura del Ristorante Enoteca Giò
Con ricette abbinate ai vini pregiati delle cantine selezionate dall’enoteca e sponsor delle serate
ORE 22:00
Concerto jazz
Esibizione live di: Michele Samory – tromba, Tommaso Sgammini – piano, Manuele Montanari – contrabbasso, Lorenzo Marinelli – drums.
Ingresso unico € 29
Riferimenti per la Stampa:

Lavinia Pagnotta
webmarketing@apicehotels.it
075 5731100