Fonte Associated Press: La Russia non ospiterà più la finale di Champions League

La UEFA non ospiterà la finale di Champions League a San Pietroburgo dopo che la Russia ha lanciato un massiccio attacco contro l’Ucraina L’Associated Press ha appreso giovedì.

Una persona che ha familiarità con il processo ha detto giovedì che venerdì si terrà una riunione straordinaria del comitato esecutivo della UEFA per discutere della crisi geopolitica e quando i funzionari confermeranno che la partita del 28 maggio sarà eliminata dalla Russia. La persona ha parlato in condizione di anonimato per discutere conversazioni private.

La UEFA ha pubblicamente rimproverato la Russia e ha affermato che sta trattando la situazione con “la massima serietà e urgenza”, confermando l’incontro alle 0900 GMT di venerdì.

“La UEFA condivide la grave preoccupazione della comunità internazionale per l’evoluzione della situazione della sicurezza in Europa e condanna fermamente l’invasione militare russa in corso in Ucraina”, ha affermato la UEFA in una nota.

“Rimaniamo risoluti nella nostra solidarietà con la comunità calcistica in Ucraina e siamo pronti a tendere la nostra mano al popolo ucraino”.

Con le minacce della Russia all’Ucraina in aumento durante la settimana, il governo britannico e i gruppi di tifosi hanno già chiesto che la finale non si svolga a San Pietroburgo, dove lo stadio è sponsorizzato dal colosso energetico russo Gazprom.

La società è anche lo sponsor principale dello Schalke 04, ma giovedì il club tedesco di seconda divisione ha dichiarato che il logo Gazprom era stato rimosso dalle sue maglie.

Un dirigente senior della Gazprom si è anche dimesso dal consiglio di sorveglianza del club di Gelsenkirchen dopo che era stato oggetto di sanzioni statunitensi. Matthias Warnig è l’amministratore delegato del gasdotto Nord Stream 2, di nuova costruzione e dismesso, dalla Russia alla Germania, un progetto multimiliardario per Gazprom e aziende europee.

READ  Cubs ingaggia Jonathan Villar

I critici hanno affermato che Schalke è stato utilizzato per promuovere Gazprom in Germania mentre spingeva per la costruzione di gasdotti sotto il Mar Baltico, che aggirava l’Ucraina. Gazprom è sponsor dal 2006 e ha fornito i soldi che hanno alimentato un round per le semifinali di Champions League nel 2011.

Questa settimana, il quotidiano tedesco Bild ha iniziato a coprire gli slogan di Gazprom sulle magliette dello Schalke con la frase “Libertà per l’Ucraina” in segno di protesta contro il crescente intervento militare russo in Ucraina.

Anche la sponsorizzazione della UEFA da parte di Gazprom è sotto esame, con il suo marchio che gode di un posto di rilievo questa settimana negli ottavi di finale di Champions League.

La leadership della Federcalcio europea (UEFA) ha rinviato la candidatura per ospitare la finale di Champions League fino a quando la Russia giovedì non ha iniziato a prendere di mira città e basi militari in Ucraina con attacchi aerei e bombardamenti mentre carri armati e truppe attraversavano il confine.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha affermato di “condannare fermamente la violazione della Tregua Olimpica dal governo russo”, a pochi giorni dalla conclusione delle Olimpiadi invernali di Pechino.

L’armistizio ha lo scopo di garantire un passaggio sicuro per gli atleti durante i Giochi e, a lungo termine, di promuovere l’idea di lavorare per la pace nel mondo. Dura fino alla fine dei Giochi Paralimpici, la cui apertura è prevista a Pechino il 4 marzo.

Il Comitato Paralimpico Internazionale ha condannato la Russia e ha affermato di aver tenuto colloqui con funzionari sportivi in ​​Ucraina, che ha ancora in programma di competere a Pechino e richiede un passaggio sicuro per i suoi atleti.

READ  Kirk Cousins ​​firma un'estensione di un anno con $ 35 milioni di Vikings fino al 2023

“Questa è una situazione davvero spaventosa e siamo profondamente preoccupati per il Comitato Paralimpico Nazionale e gli atleti con disabilità dell’Ucraina”, ha affermato Andrew Parsons, Presidente della Federazione Internazionale dei Brevetti. “La nostra priorità assoluta ora è la sicurezza e il benessere della delegazione ucraina, con la quale intratteniamo un dialogo regolare”.

Il nome, la bandiera e l’inno nazionale della Russia sono già stati banditi dai Giochi Paralimpici di Pechino dal 4 al 13 marzo a causa di controversie passate sul doping. La sua squadra dovrebbe competere come RPC, abbreviazione di Comitato Paralimpico Russo.

La Russia ha violato l’armistizio olimpico tre volte in 14 anni, poiché è entrata in guerra con la Georgia per i territori contesi dell’Ossezia meridionale durante le Olimpiadi estive del 2008 a Pechino e ha lanciato un’acquisizione militare della Crimea ucraina dopo la chiusura delle Olimpiadi invernali di Sochi del 2014 .

L’attenzione si sposta sull’organizzazione da parte della Russia di altri importanti eventi sportivi nei prossimi mesi.

Nel basket, il Barcellona ha detto che la sua squadra non si recherà in Russia per giocare due partite contro le nazionali russe – Zenit San Pietroburgo e CSKA Mosca – venerdì e domenica in Eurolega.

Nel rugby, gli organizzatori europei hanno posticipato la partita della Georgia con la Russia di domenica a Tbilisi per i Campionati Europei di rugby. La partita femminile tra Spagna e Russia è proseguita sabato a Madrid.

La Formula 1 ha affermato di “osservare da vicino gli sviluppi che sono molto volatili”, ma non ha fatto ulteriori commenti sul fatto che la sua gara di Sochi a settembre sarebbe stata cancellata. Il quattro volte campione di F1 Sebastian Vettel ha dichiarato che non prenderà parte al Gran Premio di Russia.

READ  Statistiche ridicole dalla vittoria per 9-2 di Capitals su Flyers

“Non ci vado”, ha detto il pilota tedesco. “Penso che sia sbagliato correre in campagna. Mi dispiace per gli innocenti che perdono la vita, quelli che vengono uccisi (per motivi di) stupidità e guida molto strana e pazza”.

Nello sport nazionale ucraino, la Premier League ucraina di calcio è stata sospesa giovedì a causa della decisione del presidente Volodymyr Zelensky di imporre la legge marziale. Il campionato era in pausa invernale di due mesi e doveva riprendere venerdì. Non ha menzionato alcuna data di riavvio pianificata.

___

Lo scrittore sportivo dell’Associated Press James Ellingworth a Düsseldorf, in Germania, ha contribuito a questo rapporto.

___

Altri sport AP: https://apnews.com/hub/apf-sports e https://twitter.com/AP_Sports

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply