Finalmente sappiamo come il bloodworm da incubo fa crescere le zanne di metallo

I Bloodworms non sono per i deboli di cuore. Questi tubi marini dall’aspetto carnoso possono sembrare innocui da lontano, ma non lasciarti ingannare.

Bloodworms (noto anche come “hairworms” del genere glicerina) sono carnivori che si nascondono in profondità nel fango lungo il fondo del mare, emergendo per catturare prede e concorrenti nelle loro spaventose mascelle fatte in parte di rame – e piene di veleno paralizzante.

Anche gli scienziati che studiano queste creature per vivere non parlano troppo dei bloodworms.

“Questi sono vermi molto ripugnanti in quanto sono irascibili e facilmente provocabili”, Dice Il biochimico Herbert White dell’Università della California, Santa Barbara.

“Quando incontrano un altro verme, di solito combattono usando le loro mascelle di ottone come armi.”

Primo piano della zanna di un bloodworm. (Herbert White/CC BY-SA)

A Nuovo studio Guidato dal primo autore William Wonderley, uno studente laureato presso Laboratorio bianco I ricercatori hanno studiato come funzionano le specie di bloodworm Glicera dibranchiata Il rame viene acquisito nella sua mascella, che costituisce circa il 10 percento della struttura complessiva della mascella, il resto è costituito da proteine ​​e melanina.

che esso Già osservato La combinazione di rame e melanina nelle mascelle del bloodworm conferisce ai canini una grande resistenza all’abrasione, che aiuta i denti a durare la vita dell’animale di circa cinque anni.

Nella nuova ricerca, il team ha sezionato i lombrichi, ha analizzato il tessuto della mascella e ha studiato le cellule in coltura in laboratorioIdentificazione della proteina strutturale che aiuta questi diversi componenti chimici ad assemblarsi con grande successo.

I ricercatori suggeriscono che la proteina in questione – chiamata proteina multitasking (MTP) – è altamente efficace e potrebbe aiutare a determinare il percorso verso nuovi processi di produzione dei materiali.

READ  Gli scienziati scoprono le terze rocce attorno al sole alieno

“Non ci saremmo mai aspettati che una proteina con una struttura così semplice, costituita principalmente da glicina e istidina, svolgesse così tante funzioni e attività non correlate”, Witt dice.

“Questi materiali potrebbero essere segnali stradali su come realizzare e progettare materiali di consumo migliori”.

Secondo i ricercatori, MTP svolge molti ruoli chimici nel processo di produzione della mascella end-to-end.

Ciò include legare il rame (raccolto dai sedimenti marini), stimolare la formazione di melanina, agire come regolatore e pianta e sintetizzare la miscela risultante di proteine, rame e melanina che forma le mascelle della proboscide del bloodworm.

I ricercatori affermano che è un trucco enorme e richiede molto lavoro e attrezzature diverse per replicare in un ambiente di laboratorio, utilizzando apparecchiature convenzionali.

Se riusciamo a capire come replicarlo, tuttavia, sfruttando in qualche modo l’MTP naturale o imitando funzioni chimiche simili, potrebbe essere un enorme passo avanti nella scienza dei materiali.

“Attività coordinate del Piano a medio termine nella costruzione di glicerina L’architettura Jaw offre un’opportunità irresistibile per ripensare la progettazione delle tecnologie di lavorazione necessarie per materiali compositi e polimeri misti sostenibili e ad alte prestazioni”. I ricercatori scrivono nel loro articolo.

“La combinazione di semplicità chimica e versatilità funzionale in MTP ha un enorme potenziale per la lavorazione di materiali ispirati dalla natura e dalla natura”.

È incredibile pensare che tutta questa ingegnosità si sia in qualche modo sviluppata all’interno della bocca di un bloodworm. Forse non sono poi così male.

“Hai un piccolo verme che fa mascelle dure e dure come il bronzo, e anche della ceramica”, ha detto White. nuovo mondo. “E lo fanno in modo indipendente.”

READ  Guarda la NASA lanciare un razzo lunare Artemis I sulla piattaforma di lancio

I risultati sono riportati in Tema.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply