EY sta esplorando un’IPO o una vendita parziale di un’attività di consulenza globale

EY sta esplorando una quotazione pubblica o una vendita parziale della sua attività di consulenza globale come parte della trasformazione più radicale della società di contabilità Big Four degli ultimi due decenni, secondo persone con conoscenza diretta della questione.

La vendita o la quotazione di azioni aumenterebbe il potenziale di enormi guadagni per i partner EY esistenti che possiedono e gestiscono la società, ricordando le offerte pubbliche iniziali di Goldman Sachs nel 1999 e Accenture nel 2001.

L’azienda con 312.000 dipendenti, che insieme a Deloitte, KPMG e PwC domina il settore contabile, è Considera una rottura storica Uno dei suoi lavori è quello di risolvere i conflitti di interesse che hanno afflitto la professione e di attirare il controllo normativo.

L’attività di consulenza di EY, che fornisce consulenza fiscale, consulenza e accordi, ha generato entrate per 26 miliardi di dollari lo scorso anno e impiega 166.000 consulenti.

È probabile che l’attività di revisione di EY, che ha generato 14 miliardi di dollari di entrate l’anno scorso, rimarrà una partnership anche dopo una rottura. Le persone che hanno familiarità con i dettagli hanno affermato che alcuni consulenti si sarebbero rivolti alla parte dell’audit per supportare il suo lavoro in aree come la tassazione.

Una nuova attività di consulenza indipendente avrà la possibilità di costituire una società, consentendole di ottenere finanziamenti esterni attraverso una vendita o un’offerta pubblica. Il nuovo investimento potrebbe aiutare a stimolare la crescita e competere con società di consulenza più grandi come Accenture, che l’anno scorso ha registrato ricavi per 51 miliardi di dollari e ha un valore di quasi 200 miliardi di dollari alla Borsa di New York.

READ  Il fallimento di Johnson & Johnson è stato criticato dai pubblici ministeri per il cancro come "corrotto"

La separazione libererebbe anche l’attività di consulenza di EY per acquisire affari da società che sono state controllate da EY, aprendo un pool di potenziali nuovi clienti che sono attualmente esclusi dalle regole di indipendenza.

EY è stata consigliata sulla pianificazione da JPMorgan e Goldman Sachs, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Le banche hanno rifiutato di commentare.

I grandi soci dell’azienda non hanno ancora formulato una proposta ferma ai soci sull’opportunità di procedere con la ristrutturazione e quale forma dovrebbe assumere esattamente.

La vendita di parte dell’attività ad azionisti esterni sarebbe una svolta radicale. Un partner senior di un’altra società ha affermato che la vendita di parti del lavoro e la consegna di guadagni inaspettati ai partner cambierebbe drasticamente la struttura attuale poiché “viene nuda e lascia nuda” pur mantenendo il capitale dell’azienda per la prossima generazione.

I Big Four sono organizzati come reti di aziende membri nazionali legalmente separate che pagano commissioni ogni anno per marchi, sistemi e tecnologia comuni. Questa configurazione ha impedito loro di assumere investimenti esterni e ha reso loro difficile portare avanti riforme radicali, che avrebbero richiesto un ampio consenso in tutta l’azienda.

Tuttavia, molti contabili vedono EY come la migliore delle quattro grandi per guidare importanti cambiamenti internazionali perché i suoi capi globali hanno più influenza dei concorrenti, con partner regolari che esercitano più potere.

Tuttavia, i partner di EY avranno l’opportunità di votare su eventuali modifiche. Alla domanda se EY potrebbe schierare gli investitori prima del sondaggio, una persona che ha familiarità con la questione ha detto: “Stiamo esaminando queste opzioni. Cercheremo di vedere cosa è nel giusto interesse di tutti i partner”.

READ  Le ferrovie canadesi CP hanno chiuso le ferrovie, i lavoratori scioperano

EY e altre società di servizi professionali hanno un “campanello che suona sempre”. Società di private equity in cerca di investimento In alcune parti della loro attività, ha detto questa persona. La persona ha aggiunto che la quotazione in borsa sarebbe più difficile della vendita di private equity.

La scissione da parte di EY costringerà i suoi concorrenti a decidere se seguire l’esempio.

Venerdì, PwC, Deloitte e KPMG hanno affermato di credere nei vantaggi di avere un’attività di audit e consulenza sotto lo stesso tetto.

PwC ha affermato di “non avere in programma di cambiare rotta” mentre Deloitte ha affermato di essere “impegnata nel nostro attuale modello di business”. KPMG ha affermato che il modello multidisciplinare “porta una serie di vantaggi”.

È probabile che la separazione attiri l’opposizione di alcuni partner. I Big Four hanno affermato che gli audit hanno storicamente avuto margini di profitto inferiori e potrebbero avere difficoltà a reclutare e trattenere il personale, in particolare i partner esperti che traggono la maggior parte dei loro soldi dalla consulenza ma forniscono competenze critiche in aree come la tassazione.

EY ha rifiutato di commentare la possibilità di una vendita di quote o di un’offerta pubblica iniziale. Dopo la notizia della prevista separazione giovedì, l’amministratore delegato globale Carmen Di Sibiu ha detto ai dipendenti in un’e-mail venerdì: “No… le decisioni sono state prese”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply