Estensione dei protocolli Covid per il rientro al lavoro a Hollywood; Tiri di supporto richiesti a breve – scadenza

Hollywood malattia di coronavirus I protocolli di sicurezza sono stati estesi fino al 30 aprile e aggiornati per ridefinire la “vaccinazione completa” per includere le dosi di richiamo, in vigore dal 15 marzo.

Le regole aggiornate aggiornano anche i requisiti delle maschere per includere le maschere KN95, KF94 o N95 che devono essere fornite dal datore di lavoro; Aggiunta di una serie di ulteriori test antigenici autorizzati per l’uso nei test Covid-19; E rinnovare per 10 giorni i fondi bancari per il congedo per malattia Covid-19 per tutto il cast e la troupe.

I protocolli aggiornati sono stati raggiunti previo accordo tra Alleanza tra produttori cinematografici e televisivi e le corporazioni di Hollywood, tra cui SAG-AFTRA, DGA, IATSE, Teamsters e core craft.

In un messaggio ai suoi membri, il Direttore Esecutivo Nazionale di SAG-AFTRA Duncan Crabtree – Irlanda Ha affermato che i sindacati e le aziende “hanno accettato di estendere il contratto di ritorno al lavoro fino al 30 aprile 2022, con alcune modifiche che riflettono l’evoluzione delle condizioni della pandemia”.

“La sicurezza degli organi è la massima priorità di SAG-AFTRA”, ha scritto. “Lavorando con i nostri sindacati fratelli, i protocolli sono stati redatti sulla base del consenso scientifico e dei migliori dati disponibili. Da quando i protocolli sono stati attuati il ​​21 settembre 2020, si è dimostrato altamente efficace nel proteggere rappresentanti e personale da rischi indebiti di Covid sul posto di lavoro. Affinché il sistema abbia successo, il sistema richiede la collaborazione di tutti”.

I protocolli dell’industria cinematografica e televisiva erano Fondata a settembre 2020 In accordo tra Motion Picture and Television Producers Alliance e Hollywood Guilds: DGAsaj aftra, IATSEil Camionisti e carattere di base.

READ  Prabhas contro Saif Ali Khan (10 teste)

il Ritorno ai protocolli di lavoroche ha consentito la ripresa di posti di lavoro e produzione durante la pandemia, doveva originariamente scadere il 30 aprile 2021, ma è stato esteso Senza modifiche sostanziali e contenente tutte le disposizioni dell’accordo originale, compresi i sistemi di test rigorosamente applicati, il distanziamento fisico, gli ufficiali di conformità Covid, l’uso diligente dei dispositivi di protezione individuale e il sistema “Zone” per garantire che le diverse sezioni dei prodotti siano soggette a rigorosi controlli basati sulla vicinanza del personale, che non può indossare mascherine o mantenere il distanziamento sociale durante il lavoro.

Dopo che i vaccini sono diventati ampiamente disponibili, i protocolli sono stati modificati lo scorso luglio per offrire ai produttori “la possibilità di implementare politiche obbligatorie di vaccinazione contro le muffe e l’equipaggio nella Zona A produzione per produzione”. L’area A, dove operano attori senza maschera, è l’area di lavoro sicura per i gruppi più ristretta.

I protocolli scadranno nuovamente il 31 ottobre e i protocolli sono stati prorogati fino al 15 gennaio con le stesse autorizzazioni per test, occultamento, quarantena e vaccinazioni “in conformità con le attuali linee guida CDC”. È stato nuovamente prorogato il mese scorso fino al 13 febbraio e ora è stato prorogato fino al 30 aprile.

Vedi protocolli qui.

La sezione “Vaccinazione Obbligatoria” dei Protocolli recita: “Ove consentito dalla legge, il Produttore può attuare una politica che preveda che i seguenti soggetti debbano essere completamente immunizzati contro il Covid-19 come condizione di lavoro e/o prima dell’ingresso nel luogo di lavoro, ad sistemazioni ragionevoli come richiesto dalla legge per le persone che non possono essere vaccinate a causa di disabilità, credo religioso, pratica o sincera osservanza: (i) dipendenti dell'”Area A” a condizione che la Food and Drug Administration abbia approvato o autorizzato l’uso di i vaccini per le persone nella fascia di età del dipendente e i vaccini approvati o autorizzati sono generalmente disponibili per le persone nella fascia di età del dipendente; e (ii) gli insegnanti di studio e qualsiasi altra persona a stretto contatto con i minori.

READ  La svolta post-crediti del finale del Professor Marvel spiegata dal caporedattore

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply