Elon Musk: Apple minaccia di rimuovere Twitter dall’App Store

28 novembre (Reuters) – Elon Musk ha accusato Apple Inc di (AAPL.O) In una serie di tweet di lunedì, il produttore di iPhone ha affermato di aver interrotto la pubblicità sul sito di social media poiché Twitter Inc ha minacciato di bloccarlo dal suo app store.

Il CEO miliardario di Twitter e Tesla ha affermato che Apple sta facendo pressioni su Twitter per le richieste di limitazione dei contenuti.

La mossa, che non è stata confermata da Apple, non è insolita, poiché la società ha regolarmente applicato le sue regole e precedentemente rimosso app come Cab e Parlour.

Parlour, popolare tra i conservatori americani, è stato riportato da Apple nel 2021 dopo aver rinnovato i suoi contenuti e le pratiche di moderazione, hanno detto le società all’epoca.

“Apple ha per lo più smesso di fare pubblicità su Twitter. Odiano la libertà di parola in America?” Musk, che ha privato Twitter il mese scorso per 44 miliardi di dollari, ha detto in un tweet.

Ha poi taggato l’account Twitter del CEO di Apple, Tim Cook, su un’altra pagina Twitta“Cosa sta succedendo qui?”

Apple non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

“Non mi è chiaro fino a che punto sia arrivata quell’idea nella catena alimentare Apple, e non sapendolo, non è chiaro quanto seriamente prenderla”, ha detto Randall Picker, professore di diritto all’Università di Chicago. Scuola.

L’azienda più preziosa del mondo ha speso $ 131.600 in annunci su Twitter tra il 10 e il 16 novembre, rispetto ai $ 220.800 tra il 16 e il 22 ottobre, una settimana prima che Musk chiudesse l’accordo su Twitter, secondo la società di misurazione degli annunci Pathmatics.

READ  Steve Clifford ha accettato di tornare ad allenare Charlotte Hornets

Nel primo trimestre del 2022, Apple è stata la principale inserzionista su Twitter, spendendo 48 milioni di dollari e rappresentando oltre il 4% delle entrate totali per il periodo, secondo il Washington Post. segnalatoCitando un documento interno di Twitter.

Twitter non ha risposto immediatamente alla richiesta di Reuters di commentare il rapporto.

‘Andare in guerra’

In un elenco di lamentele che Musk ha twittato su Apple che addebita agli sviluppatori di software fino al 30% per gli acquisti in-app, Musk ha pubblicato un meme dicendo che era disposto a “andare in guerra” con Apple piuttosto che pagare una commissione.

Il pagamento ha attirato critiche e azioni legali da parte di aziende come Epic Games, produttore di “Fortnite”, mentre attirava il controllo delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo.

La commissione potrebbe soppesare gli sforzi di Musk per aumentare le entrate degli abbonamenti su Twitter, in parte per compensare l’esodo degli inserzionisti dovuto a problemi di controllo dei contenuti.

società General Mills Inc (GIS.N) Audi ha interrotto o messo in pausa gli annunci su Twitter dall’acquisizione della casa automobilistica di lusso statunitense, e Musk ha dichiarato all’inizio di questo mese che la società ha registrato un “massiccio” calo delle entrate.

Le vendite di annunci rappresentano circa il 90% delle entrate di Twitter.

L’autodefinito attivista per la libertà di parola ha accusato i gruppi di attivisti di fare pressioni sugli inserzionisti, con la sua azienda che ha revocato diversi account Twitter negli ultimi giorni, compresi quelli dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

READ  40 La migliore manubri palestra del 2022 - Non acquistare una manubri palestra finché non leggi QUESTO!

Ben Bazaarin, responsabile delle tecnologie di consumo presso la società di ricerca Creative Strategies, ha affermato che Musk potrebbe leggere troppo nel solito processo che Apple esegue nella revisione di un’app.

“La revisione dell’app di Apple non è affatto perfetta ed è un processo frustrante per gli sviluppatori, ma da quello che ho sentito è una conversazione a doppio senso”, ha affermato.

Reportage di Dyashi Dutta e Akash Sriram a Bangalore e Sheila Tang a Dallas; Montaggio di Shaunak Dasgupta e Sriraj Kalluvila

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply