Elizabeth Olsen accetta critiche per i film Marvel – Deadline

Elisabetta Olsen E il personaggio Wanda Maximoff, soprannominato The Scarlet Witch, è diventato un beniamino nel Marvel Cinematic Universe, grazie allo spettacolo Disney+. Wanda Vision.

Finora è stata in sei proprietà Marvel (Avengers: Age of Ultron, Captain America: Civil War, Avengers: Infinity War, Avengers: Endgame, WandaVision, Il dottor Strange in un multiverso di follia) Ma nella sua intervista con indipendenteL’attrice rivela che non pensa di arrivare a tanto. “Mi sono iscritta solo a un paio di film, quindi rimane una sorpresa quando vogliono usarmi in più progetti”, dice, aggiungendo, “Sono rimasta perplessa perché sono fortunata che vogliano fare Wanda Vision. “

Prima di ciò Il multiverso della follia, Olsen lavorava a progetti di band e ha lavorato da sola a WandaVision, il primo programma televisivo della Disney, cosa che l’ha lasciata nervosa. “Quando stavamo spingendo per Wanda VisionSono andato fuori di testa perché era il primo spettacolo dell’universo Marvel. C’era questa paura assoluta, e ora ho di nuovo quello stress collegato Dott. Garib. Semplicemente non avevo come parte del set i film”. Olsen ammette che si estende anche alla visione del prodotto finale. “Lo vedrò alla fine”, dice.

Mi chiedo cosa provi qualcuno nella sua posizione riguardo alle critiche allo stile della Marvel negli ultimi anni. In modo più controverso, Martin Scorsese ha descritto i film MCU come “più vicini ai parchi a tema” rispetto al cinema, mentre Il Padrino Il regista Francis Ford Coppola li ha descritti come “prototipi trasformati più e più volte per sembrare diversi”. Olsen dice che si sente frustrata quando “le persone le fanno sembrare meno un’arte”.

READ  13 giochi di Star Wars che vale la pena acquistare durante i saldi del 4 maggio

Ci sono state alcune critiche al film con i fan che hanno parlato della stanchezza dei supereroi/MCU, e l’argomento che questi film non sono un vero cinema, Olsen crede che quelle critiche prendano dalle persone che danno vita a questi film. “Non sto dicendo che facciamo film d’autore indipendenti, ma penso solo che tolgano alla nostra troupe, il che mi infastidisce”, dice. “Questi sono alcuni dei più straordinari scenografi, costumisti e operatori della macchina da presa – mi sento sottovalutato dal tipo di critica che porta via tutte le persone che fanno film pluripremiati e lavorano anche su questi progetti”.

E continua: “Dal punto di vista di un attore, chiunque sia, lo capisco; capisco perfettamente che c’è un diverso tipo di performance in corso. Ma penso che gettare la Marvel sotto l’autobus porti via centinaia di membri della troupe di grande talento. È lì che divento un po’ ansioso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply