Elezioni libanesi: sondaggi d’opinione aperti in elezioni parlamentari ad alto rischio

Le elezioni sono le prime in Libano dalla rivolta del 2019 che ha chiesto il rovesciamento dell’élite al potere e ne è stata accusata feste tradizionali alla corruzione dilagante e alla cattiva gestione. Diversi nuovi gruppi politici sono emersi dal movimento di protesta e stanno gareggiando nella gara di domenica, gareggiando con i partiti affermati.

Gli osservatori politici considerano le elezioni altamente competitive e imprevedibili. All’inizio di quest’anno, il primo ministro Saad Hariri – il leader del più grande blocco parlamentare musulmano sunnita del Paese – ha lasciato la politica, lasciando a portata di mano il voto sunnita.

Hariri ha esortato le persone nei suoi collegi elettorali a boicottare la corsa. Ma gli elettori del secondo collegio elettorale di Beirut – una delle principali roccaforti di Hariri – si sono presentati alle urne in numero relativamente elevato, con molti che hanno detto alla CNN di aver votato per il “cambiamento”.

Lunghe code si sono insinuate da un seggio elettorale nel quartiere Tariq al-Jadida di Beirut, dove l’affluenza alle urne è solitamente tra le più basse del paese, domenica mattina.

“Le code in cui ci trovavamo erano code di umiliazione”, ha detto Khaled al-Zaatari, riferendosi alle lunghe code alle panetterie e ai distributori di benzina durante alcuni dei giorni più duri della crisi economica dell’anno scorso. “Questa coda è una coda di orgoglio.”

Ralph Debbas, un consulente con sede a New York e delegato per una lista elettorale di riforma, ha detto alla CNN che “sentiva che fosse mio dovere civico venire in Libano per votare”. “Abbiamo bisogno di un’ondata di cambiamento. Abbiamo bisogno di un’ondata di persone rispettabili e responsabili in Parlamento”, ha aggiunto il 43enne.

Quasi tre anni di depressione economica e Esplosione del porto di agosto 2020che è in gran parte attribuita all’élite politica del paese, potrebbe anche incoraggiare i libanesi a votare in massa per nuovi partiti.
La crisi finanziaria in Libano ha causato un aumento dei tassi di povertà di oltre il 75%, il crollo della sua valuta e il rapido deterioramento delle infrastrutture. Il Nazioni unite La Banca Mondiale ha accusato i leader del Paese di aver esacerbato la depressione economica.

Anche il gruppo politico armato sostenuto dall’Iran Hezbollah è emerso come un tema caldo nelle elezioni libanesi. Diversi gruppi politici si sono impegnati a cercare di disarmare il partito sciita – che secondo loro ha dominato la sfera politica – sebbene goda ancora di un ampio sostegno tra i suoi elettori.

READ  Zelensky promette che l'Ucraina vincerà, Boris Johnson promette un sostegno duraturo

Le manifestazioni elettorali di Hezbollah – in cui il leader del gruppo, Hassan Nasrallah, ha esortato le persone a votare in massa – questa settimana hanno attirato migliaia di sostenitori.

La coalizione sostenuta da Hezbollah – che comprende altri alleati sciiti e cristiani – detiene la maggioranza dei seggi nell’attuale parlamento.

Il 15 maggio il primo ministro libanese Najib Mikati esprime il suo voto alle elezioni parlamentari in un seggio elettorale nella città di Tripoli, nel Libano settentrionale.

Il piccolo paese del Mediterraneo orientale gode di un sistema di condivisione del potere comunale sin dalla sua fondazione un secolo fa. Il parlamento è diviso equamente tra musulmani e cristiani, con la presidenza per un musulmano sunnita, la presidenza per un cristiano maronita e il presidente del parlamento per un musulmano sciita.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply