Due sono accusati di aver eluso le sanzioni statunitensi per aiutare l’oligarca russo a proteggere uno yacht da 90 milioni di dollari

Due uomini d’affari sono stati accusati di aver architettato un programma di riciclaggio di denaro per proteggere l’oligarca russo Viktor Vekselberg, che ha stretti legami con Il presidente Vladimir Putindal sequestro del suo yacht da 90 milioni di dollari.

Vladislav Osipov, 51 anni, che detiene la doppia cittadinanza russa e svizzera, e il cittadino britannico Richard Masters, 52 anni, sono stati accusati di eludere sanzioni e riciclaggio di denaro in relazione all’operazione dello yacht di lusso Tango di 255 piedi dopo che Vekselberg è stato sanzionato.

Masters è stato arrestato venerdì in Spagna su richiesta del Dipartimento di Giustizia. Osipov è ancora latitante.

Navy Seal ucciso in Ucraina

L’uomo d’affari russo Viktor Vekselberg partecipa a una sessione plenaria dell’Eastern Economic Forum a Vladivostok, Russia, 5 settembre 2019. Due uomini d’affari sono accusati di aver eluso le sanzioni statunitensi nel tentativo di bloccare il suo yacht “Tango” dalla baia (Reuters/Foto Reuters)

“I facilitatori dell’evasione delle sanzioni consentono agli oligarchi che sostengono il regime di Vladimir Putin di violare la legge degli Stati Uniti”, ha detto il procuratore degli Stati Uniti Matthew Graves.

Si presume che entrambi gli uomini abbiano utilizzato società di comodo per consentire a Vekselberg la proprietà dello yacht. È stato sanzionato nell’aprile 2018. Le sanzioni statunitensi impediscono a società statunitensi come le banche di fare affari con tali entità sanzionate.

READ  I futures sulle azioni salgono mentre gli investitori si preparano per il rapporto sull'inflazione di luglio

Masters gestiva una società di gestione di yacht a Palma di Maiorca, in Spagna, e presumibilmente rilevò Tango, Dipartimento di Giustizia Egli ha detto. Si presume che abbia cambiato il nome dello yacht in “Fanta” per evitare le restrizioni delle sanzioni da parte delle banche.

Di conseguenza, le istituzioni finanziarie statunitensi hanno elaborato centinaia di migliaia di dollari in transazioni per Tango che non avrebbero potuto essere autorizzate se il coinvolgimento di Vekselberg fosse stato reso pubblico.

Inoltre, Osipov e Masters hanno fatto sì che i diportisti continuassero a fare affari con compagnie americane e hanno utilizzato una serie di soluzioni per evitare il rilevamento, come Pagamenti in altre valute e attraverso terzi, hanno detto i pubblici ministeri federali.

Lo yacht dell'oligarca russo

Lo yacht chiamato “Tango” di proprietà del miliardario russo Viktor Vekselberg, è stato visto al Palma de Mallorca Yacht Club sull’isola spagnola di Maiorca. (Reuters/Foto Reuters)

Ottieni l’azione FOX in movimento facendo clic qui

“Come risultato di questi schemi, i meccanismi operativi di Tango, che includono Internet, la tecnologia, le previsioni meteorologiche e i sistemi informatici, nonché gli ornamenti di Tango, tra cui la televisione satellitare, i beni di lusso e il software di teleconferenza, sono diventati prodotti di origine americana e servizi forniti da compagnie americane per Vekselberg”.

Le autorità spagnole hanno sequestrato lo yacht ad aprile su richiesta del ministero della Giustizia. Molti yacht di lusso di proprietà di oligarchi russi sono stati oggetto di sanzioni statunitensi dopo Mosca Invasione dell’Ucraina Quasi un anno fa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply