Due commozioni cerebrali non sempre si sommano alla sindrome del secondo impatto



CNN

La NFL è stata respinta nel dibattito sulla commozione cerebrale dopo che il quarterback dei Miami Dolphins Tua Tagovailoa ha preso due grandi successi in un arco di quattro giorni.

Al momento, il dibattito include se Tagovailoa sia stata adeguatamente autorizzata a giocare, con alcuni fan preoccupati dal fatto che sia a rischio di una condizione nota come sindrome del secondo impatto.

Domenica, Tagovailoa ha lasciato una partita nel secondo quarto dopo che un colpo di Matt Milano dei Buffalo Bills lo ha fatto cadere all’indietro e ha colpito il casco a terra. Dagovailova inciampò e cadde.

Il giornalista della rete NFL Ian Rapoport ha detto Tagoailoa Verificato Una commozione cerebrale è stata cancellata ed è tornato in campo nel terzo quarto.

In una conferenza stampa post-partita di domenica, Tagovailoa ha spiegato che si sentiva come se avesse allungato eccessivamente la schiena.

“La mia schiena mi ha bloccato fuori. Ma per la maggior parte sto bene. Hanno superato qualsiasi protocollo di commozione cerebrale avessero”, ha detto.

Tagovailoa è tornato in formazione giovedì contro i Cincinnati Bengals. Durante il secondo quarto, è stato esonerato dal guardalinee difensivo Josh Dubow ed è rimasto immobile per diversi minuti prima di essere portato fuori dal campo in barella e mandato in ospedale per una valutazione.

I Dolphins hanno detto che a Tagovailoa è stata diagnosticata una commozione cerebrale in ospedale, ma gli è stato permesso di tornare a casa con il resto della sua squadra. Venerdì, l’allenatore Mike McDaniel ha detto che Tagovailoa stava seguendo il protocollo di commozione cerebrale della NFL, senza una tempistica chiara su quando sarebbe tornato in campo.

Una commozione cerebrale è una lesione cerebrale che si verifica quando il cervello si muove avanti e indietro all’interno del cranio dopo un colpo alla testa. Ma anche dopo che l’organo smette di tremare, possono verificarsi cambiamenti nel cervello.

La neuroscienziata Julie Stamm, professoressa assistente clinica presso il Dipartimento di Kinesiologia dell’Università del Wisconsin-Madison, la descrive come una cascata di eventi chimici. “Ci vuole tempo. Ognuno di questi metaboliti e sostanze chimiche nel cervello ha un percorso diverso nel modo in cui si riprende”, ha detto.

Sottolinea che di solito ci vogliono dai 10 ai 14 giorni per tornare alla linea di base dopo una commozione cerebrale.

Stam non ha curato né valutato Tagovailo, ma sulla base di ciò che ha visto della partita di domenica contro i Bills, ha indicato che potrebbe aver subito una commozione cerebrale.

“Inizialmente ha afferrato l’elmetto e ha scosso la testa. Questo è un chiaro segno che stai cercando di scrollarti di dosso le ragnatele”, ha osservato.

Vederlo cadere è stato particolarmente inquietante. “Non credo che sia stata la sua schiena a farlo cadere. Sembra perdere l’equilibrio e poi i suoi compagni di squadra cercano di trattenerlo.

La squadra ha detto che stava seguendo i protocolli di commozione cerebrale e Tagovailoa è stato autorizzato a tornare in gioco.

Più tardi, McDaniel ha detto ai giornalisti: “Dua è uscita con la schiena bassa. In realtà si è piegato all’indietro su un quarterback di nascosto prima. … La sua schiena era allentata e le sue gambe erano traballanti. Come ha descritto, la sua parte bassa della schiena sembrava una gobba.

Ma Stamm ha riconosciuto che anche se qualcuno non nota i sintomi, potrebbe avere una lesione cerebrale. “Potrebbe sentirsi meglio in seguito, quindi potrebbe non sentirsi più come se avesse sintomi”.

Prima della partita di giovedì, i social media si sono illuminati sull’inizio di Tagovailoa nonostante l’infortunio di domenica. Ma dopo la vittoria di giovedì, molti fan hanno iniziato a suggerire che Tagovailoa potrebbe avere la sindrome del secondo impatto.

“Quello che attualmente crediamo sia la sindrome del secondo impatto è un secondo colpo alla testa o una seconda commozione cerebrale prima che venga determinata la prima commozione cerebrale. Si traduce in un gonfiore incontrollato del cervello”, ha spiegato. Steven Broglio, direttore dell’Università del Michigan Concussion Center. Broglio è un preparatore atletico certificato e autore principale della presa di posizione della National Athletic Trainers Association sulla gestione della commozione cerebrale sportiva. Non è stato coinvolto nelle cure di Tagovailo.

Broglio ha detto che metti il ​​cervello in una scatola e pensa al tuo cranio come a una scatola. Nel caso della sindrome del secondo impatto, il secondo impatto comprime il compartimento e le aree del cervello che controllano le funzioni vitali come la respirazione e la frequenza cardiaca possono smettere di funzionare.

Stamm ha affermato che i cambiamenti avvengono molto rapidamente e possono causare danni permanenti al cervello o addirittura la morte.

Ma sia Broglio che Stam hanno enfatizzato la sindrome del secondo impatto in questo senso, e di solito si verifica tra gli atleti più giovani.

“È un’area che non capiamo, ma riguarda solo gli atleti più giovani, quindi scuole medie o superiori”, ha detto Broglio.

Nonostante Tagovailoa abbia subito una commozione cerebrale nella partita di domenica, quello che è successo giovedì sera non è stata una sindrome da secondo impatto nel senso tradizionale, ha sottolineato Broglio. “Se qualcuno avesse un vero gonfiore del cervello e un’ernia cerebrale alla base del cranio, non sarebbe fuori oggi”.

Ma anche senza Il gonfiore del cervello, una potenziale seconda commozione cerebrale, può peggiorare il recupero, ha aggiunto Stamm.

“Se qualcuno ha una seconda commozione cerebrale prima di riprendersi dalla prima commozione cerebrale, spesso vediamo sintomi peggiori rispetto alla prima commozione cerebrale. Questi sintomi possono essere più gravi. I sintomi durano più a lungo. Il recupero è molto più lento”, ha detto.

Immediatamente dopo il colpo di giovedì, le braccia di Tagovailoa erano rigide e divaricate, una postura nota come risposta della scherma, che era particolarmente preoccupante per Stam.

“È stato qualcosa che mi è subito saltato addosso”, ha raccontato. “Ogni volta che hai queste posizioni, suggerisce una lesione che coinvolge il tronco cerebrale”.

McDaniel ha ammesso dopo la partita che “è stato un momento spaventoso… È stato un momento emozionante, e non fa parte del contratto che nessuno firma, anche se sai che nel calcio è possibile avere qualcosa che devi portare avanti una barella”.

Tagovailoa ha rilasciato una dichiarazione venerdì su Twitter in cui si leggeva: “Mi sento molto bene e sono concentrato sul recupero in modo da poter tornare in campo con i miei compagni di squadra”.

La NFL Players Association sta indagando se i Miami Dolphins abbiano violato il protocollo di commozione cerebrale nel determinare che Tagovailoa fosse pronto per giocare.

READ  Le migliori offerte AirPods del Black Friday sono disponibili in questo momento

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply