Dopo l’ultimatum di Elon Musk, i dipendenti di Twitter iniziano a ritirarsi

18 novembre (Reuters) – Si stima che centinaia di dipendenti di Twitter abbiano deciso di lasciare l’assediata società di social media dopo un ultimatum giovedì del nuovo proprietario Elon Musk affinché i dipendenti si iscrivessero per “lunghe ore ad alta intensità” o congedo scaduto.

Le partenze evidenziano la riluttanza di alcuni dei circa 3.000 dipendenti di Twitter a rimanere in un’azienda in cui Musk in precedenza aveva licenziato metà della forza lavoro, compresi i dirigenti senior, e sta cambiando spietatamente la cultura per enfatizzare le lunghe ore e un ritmo vertiginoso.

Musk è andato su Twitter giovedì scorso e ha detto di non essere preoccupato per le dimissioni perché “le persone migliori restano”.

“Abbiamo raggiunto il massimo storico nell’utilizzo di Twitter…”, ha aggiunto il miliardario, senza approfondire.

Musk ha incontrato giovedì alcuni dipendenti senior per cercare di convincerli a restare, ha detto un dipendente attuale e un dipendente recentemente scomparso in contatto con i suoi colleghi su Twitter.

La società ha anche detto ai dipendenti che avrebbe chiuso i suoi uffici e interrotto l’accesso al badge fino a lunedì, secondo due fonti. Una fonte ha affermato che gli agenti di sicurezza hanno iniziato a espellere alcuni dipendenti da un ufficio giovedì sera.

Più di 110 dipendenti di Twitter in almeno quattro continenti hanno annunciato la loro decisione di lasciare post pubblici su Twitter esaminati da Reuters, sebbene non tutte le dimissioni possano essere verificate in modo indipendente. Circa 15 dipendenti, molti dei quali addetti alle vendite pubblicitarie, hanno annunciato l’intenzione di restare in azienda.

Sullo strumento di chat interno di Twitter, più di 500 dipendenti hanno scritto messaggi di addio giovedì, ha detto una fonte a conoscenza delle note.

READ  Il massimo che si avvicina all'Unione europea sul prezzo del petrolio russo

Un sondaggio sull’app per il posto di lavoro Blind, che verifica i dipendenti attraverso gli indirizzi e-mail di lavoro e consente loro di condividere informazioni in modo anonimo, ha rilevato che il 42% di 180 intervistati ha scelto di “fare la scelta, sono libero!”

Un quarto ha dichiarato di aver “con riluttanza” scelto di restare, e solo il 7% degli intervistati ha affermato di aver “cliccato sì per restare, sono un duro a morire”.

Il numero esatto di dipendenti che intendono lasciare l’azienda non può essere determinato immediatamente.

Twitter non ha risposto a una richiesta di commento.

stabilità della piattaforma

Le partenze includono diversi ingegneri responsabili della correzione dei bug e della prevenzione delle interruzioni del servizio, il che solleva interrogativi sulla stabilità della piattaforma a causa della perdita di personale.

Un’immagine di Elon Musk e il logo di Twitter sono visibili attraverso una lente d’ingrandimento in questa illustrazione scattata il 4 novembre 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustration/File Foto

Giovedì sera, la versione dell’app di Twitter utilizzata dai dipendenti ha iniziato a rallentare, secondo una fonte a conoscenza della questione, che ha stimato che la versione pubblica di Twitter rischiava di bloccarsi dall’oggi al domani.

“Se si rompe davvero, non ci sarà più nessuno a sistemare le cose in molte aree”, ha detto la persona, che ha chiesto di non essere nominata per paura di rappresaglie.

Le segnalazioni di interruzioni di Twitter sono aumentate drasticamente da meno di 50 a circa 350 giovedì sera, secondo Downdetector, che tiene traccia delle interruzioni di siti Web e app.

In una conversazione privata su Signal con circa 50 dipendenti di Twitter, circa 40 hanno dichiarato di aver deciso di andarsene, secondo l’ex dipendente.

E in un gruppo Slack privato per dipendenti attuali ed ex di Twitter, circa 360 persone si sono unite a un nuovo canale chiamato “Licenziamenti volontari”, ha detto una persona che ha familiarità con il gruppo Slack.

READ  I futures su azioni scendono dopo che l'S&P 500 ha raggiunto il nuovo minimo dell'anno; Il rendimento del Tesoro a 10 anni supera brevemente il 4%

Un sondaggio separato su Blind ha chiesto ai dipendenti di stimare la percentuale di persone che lascerebbero Twitter in base alla loro percezione. Più della metà degli intervistati ha stimato che almeno il 50% dei dipendenti se ne andrà.

Mercoledì all’inizio, Musk ha inviato un’e-mail ai dipendenti di Twitter, dicendo: “Andando avanti, per costruire la svolta di Twitter 2.0 e raggiungere il successo in un mondo sempre più competitivo, dovremo essere molto duri”.

L’e-mail chiedeva ai dipendenti di fare clic su “Sì” se volevano continuare. Coloro che non hanno risposto entro le 17:00 ET di giovedì sarebbero stati considerati dimessi e avrebbero ricevuto un pacchetto di licenziamento, diceva l’e-mail.

Con l’avvicinarsi della scadenza, lo staff si è affrettato a capire cosa fare.

Uno dei dipendenti in partenza ha detto a Reuters che uno dei team all’interno di Twitter ha deciso di trasferirsi insieme e ha lasciato l’azienda.

I cuori blu e le emoticon di saluto hanno invaso Twitter e le sue chat room interne giovedì, segnando la seconda volta in due settimane che i dipendenti di Twitter si sono salutati.

Le partenze degne di nota includevano Tess Rinearson, a cui era stato affidato il compito di creare un team di criptovaluta su Twitter. Rynerson ha twittato un cuore blu e un’emoji di saluto.

In un apparente colpo alla chiamata di Musk ai dipendenti di essere “hardcore”, il bios di Twitter di molti degli ingegneri in partenza giovedì si è descritto come “ingegneri appassionati” o “ex ingegneri hardcore”.

All’inizio delle dimissioni, Musk ha fatto una battuta su Twitter.

Come si fa a fare una piccola fortuna sui social media? ha twittato. “Inizia con uno grande.”

READ  L'S&P 500 termina sotto quota 4.000 per la prima volta da marzo 2021; I titoli di crescita portano a diminuire

Segnalazioni aggiuntive di Sheila Dang a Dallas, Hyunjoo-jin a San Francisco e Paresh Dev a Oakland, in California. Rapporti aggiuntivi di Martin Coulter e Akanksha Khushi; Montaggio di Sam Holmes e Mark Potter

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply