Dopo il clamoroso successo della missione Artemis I, perché restare a due anni di distanza dal presentarsi?

Ingrandire / Orione, Terra e Luna catturati durante la missione Artemis I.

NASA

Il lancio della missione Artemis I a metà novembre è stato sorprendente e da allora la navicella spaziale Orion della NASA ha funzionato quasi perfettamente. Se tutto va come previsto – e non c’è motivo di pensare che non lo farà – Orion sguazzerà nei mari calmi al largo della costa della California questo fine settimana.

Questa missione di esplorazione ha fornito immagini abbaglianti della Terra e della Luna e ha offerto la promessa che presto gli esseri umani torneranno a volare nello spazio profondo. Quindi la domanda per la NASA è quando possiamo aspettarci un ritorno?

Realisticamente, un seguito ad Artemis I è probabile che manchino almeno due anni. Molto probabilmente, la missione Artemis II non avverrà prima dell’inizio del 2025, anche se la NASA non rinuncia alla speranza di lanciare gli esseri umani nello spazio profondo nel 2024.

Può sembrare strano che ci sia un divario così lungo. Dopotutto, con il suo volo di novembre, il razzo Space Launch System ha ora dimostrato di poterlo fare. E se Orion torna sano e salvo sulla Terra, convaliderà i calcoli degli ingegneri che hanno progettato e costruito il suo scudo termico. Dovrebbero volerci più di due anni per finire di costruire un secondo razzo e veicolo spaziale e completare la certificazione dei sistemi di supporto vitale all’interno di Orion?

La risposta breve è no, e il motivo della lunga pausa è un po’ sciocco. Tutto risale a una decisione presa circa otto anni fa di colmare un divario di budget di $ 100 milioni nel programma Orion. Come risultato della catena di eventi che ha seguito questa decisione, è improbabile che Artemis II voli prima del 2025 a causa dei suoi otto computer di volo relativamente piccoli.

READ  Lo studio fornisce nuove prove più chiare del movimento delle prime placche tettoniche, il ribaltamento dei poli geomagnetici.

“Odio dire che questa volta è Orion a trattenerci”, ha detto in un’intervista Mark Keracisch, che era il responsabile del programma Orion della NASA quando è stata presa la decisione. “Ma sto parlando della parte posteriore. Fa parte della mia eredità.”

Tanto tempo fa, con un budget limitato

Circa otto anni fa, gli alti funzionari della NASA e l’appaltatore principale di Orion, Lockheed Martin, avevano bisogno di colmare una lacuna di bilancio. All’epoca, la NASA spendeva 1,2 miliardi di dollari all’anno per sviluppare la navicella spaziale Orion, e mentre stava facendo progressi nella progettazione, c’erano ancora delle sfide.

I piani di esplorazione della NASA all’epoca erano fondamentalmente diversi dal programma Artemis di oggi. Nominalmente, l’agenzia stava costruendo un razzo Orion e un razzo SLS come parte di un “viaggio su Marte”. Ma non c’era un piano chiaro su come arrivarci, e non c’erano missioni ben definite per il volo di Orion.

Una delle principali differenze è che la NASA ha pianificato di lanciare la versione originale del razzo SLS, noto come “Blocco 1”, solo una volta. Dopo questa missione iniziale, l’agenzia ha pianificato di aggiornare lo stadio superiore del razzo, creando una versione del razzo nota come Blocco 1B. Poiché questa variante era più lunga e più potente del Blocco 1, richiedeva importanti modifiche alla torre di lancio del missile. Gli ingegneri della NASA hanno stimato che ci sarebbero voluti circa tre anni di lavoro dopo il lancio iniziale dell’SLS per completare e testare la torre ricostruita.

Il lancio di Artemis I è stato un enorme successo per la NASA.
Ingrandire / Il lancio di Artemis I è stato un enorme successo per la NASA.

NASA

READ  Un pianeta potrebbe avere una mente propria?

Quindi sembrava plausibile che i progettisti di Orion potessero riutilizzare alcuni componenti del primo volo del loro veicolo spaziale nel secondo volo. In particolare, si sono concentrati su un gruppo di oltre due dozzine di “scatole” avioniche che fanno parte del sistema elettronico che alimenta i sistemi di comunicazione, navigazione, display e controllo di volo di Orion. Hanno stimato che ci vorrebbero circa due anni per ricertificare l’hardware di volo.

Non dovendo costruire due dozzine di scatole avioniche per il secondo volo di Orion, il programma ha colmato il divario di budget di $ 100 milioni. E secondo il programma, avranno circa un anno libero per lavorare alla torre di lancio.

“È stata solo una decisione di bilancio”, ha detto Keracic. “Le date di lancio erano molto diverse allora.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply